English version | Cerca nel sito:

Fermiamo il massacro in Siria

appello dello scrittore e attivista Shady Hamadi

Cari amici, 
Vi scrivo per informarvi che sono già passati oltre 17 mesi dall’inizio della rivoluzione siriana e il mio popolo continua a morire. Un genocidio senza precedenti, nella nostra storia recente, continua a essere perpetrato sotto gli occhi del mondo. Non ci bastano le parole di condanna, le risoluzioni e le espulsioni degli ambasciatori siriani dai paesi europei, se questo avviene dopo un ennesimo  massacro che questa volta è riuscito a far indignare il mondo politico, rompendo un vergognoso silenzio. Vi vorrei mettere al corrente che dalla carneficina di Houla, dove persero la vita 25 bambini e oltre 90 civili, almeno altre 200 persone in Siria sono state uccise.


Cari pacifisti, che vi siete mossi contro la guerra in Iraq e contro l’intervento americano ed europeo in Afghanistan, dove siete oggi per la Siria? I proiettili che falciano uomini, donne e bambini sono iraniani. I missili che bombardano le città provengono dalla Russia e dalla Cina. È un fatto appurato che migliaia di soldati iraniani e miliziani di Hezbollah siano presenti nel paese e combattano al fianco dell’esercito regolare siriano in questa campagna di sterminio, che ha molto in comune con tragedie che hanno toccato l’Europa nel secolo scorso. Non è quindi già in corso un intervento militare esterno in aiuto del regime?


Cari amici cristiani; nelle piazze di Damasco, Homs, Aleppo, in tutto il paese, ci sono anche i cristiani che manifestano a fianco dei musulmani. Questa rivoluzione non è nata per motivi religiosi ma per un semplice anelito di libertà che accomuna tutto il popolo siriano, a prescindere dall’etnia o dalla religione. “Noi non siamo terroristi” continuano a scrivere sui cartelloni i giovani manifestanti. Abbiamo ancora bisogno di ribadirlo?
Vi scrivo, come già vi hanno scritto numerosi intellettuali siriani, per dirvi che il silenzio è il miglior complice del governo siriano e il tacere di fronte a quello che accade nel mio paese, che non vive una guerra civile bensì uno sterminio di civili, vale quanto i proiettili che hanno ucciso i bambini a Houla.


Aiutateci a non rimanere soli nel momento più buio della nostra storia.
Voglio concludere questa lettera con una richiesta particolare agli amici russi e agli iraniani. Vi chiedo di trarre la forza e l’ispirazione dalla nostra tragedia, dai nostri morti, comportandovi da uomini giusti: non siate più complici dei vostri governi.

Analisi di Shady Hamadi, scrittore e attivista siriano

31 maggio 2012

Scopri nella sezione

Scopri tra gli Editoriali

Multimedia

Praga 1968 (video)

La Storia siamo noi

La storia

Akbar Ganji

il giornalista simbolo della dissidenza al regime degli ayatollah