English version | Cerca nel sito:

La Bontà insensata a Roma

Gabriele Nissim presenta il suo ultimo libro


Lunedì 23 maggio, ore 18.30
Basilica di S. Bartolomeo all'Isola Tiberina
p.zza di San Bartolomeo all'Isola, 22

Arnoldo Mondadori Editore e la Comunità di Sant'Egidio hanno il piacere di invitarLa alla presentazione del libro di Gabriele Nissim
LA BONTA' INSENSATA
Il segreto degli uomini giusti

Intervengono, oltre all'autore:

Pierluigi Battista, Editorialista del Corriere della Sera
Arrigo Levi, Consulente personale del Presidente della Repubblica, giornalista e scrittore
S.E. Monsignor Ambrogio Spreafico

Coordina Milena Santerini, docente dell'Università Cattolica di Milano

(Foto da Wikimedia Commons)

9 maggio 2011

Commenti

Dialogo e riconciliazione

tra vittime e persecutori sono i Giusti a parlare al futuro

Nel tessuto sociale lacerato di un Paese in cui è stato perpetrato un genocidio o altri crimini contro l'Umanità, è molto difficile, anche a distanza di anni, la ripresa di un dialogo per ricucire gli strappi e ricostruire una trama di convivenza civile tra chi appartiene al campo delle vittime - come i sopravvissuti o i familiari o i rifugiati e i loro eredi- e chi a quello dei persecutori, dei complici o degli indifferenti. A cui si aggiunge il ruolo primario dello Stato, dei suoi funzionari e governanti, che spesso cercano di negare l'accaduto e rifiutano di assumersi le responsabilità - pur evidenti - dei massacri. Solo la capacità di reazione e di ascolto di chi non si è piegato all'omologazione dei comportamenti nel gruppo dei persecutori e ha rifiutato di adeguarsi a condotte che la coscienza non approva, può garantire la ripresa di una comunicazione tra le parti che sappia coniugare l'esigenza della verità e l'assunzione di responsabilità con l'apertura al futuro e  a una comune progettualità. 
I Giusti sono gli unici ad avere le carte in regola per farlo.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

"L'importanza dei Giusti"

intervista ad Aldo Ferrari

La storia

Hrant Dink

giornalista che promosse il dialogo e la riconciliazione tra turchi e armeni