English version | Cerca nel sito:

Il regista dei Khmer rossi teme per la sua vita

la denuncia di Thet Sambath

La locandina del film

La locandina del film

Il documentario Enemies of the people è il risultato di un'inchiesta durata dieci anni e cerca di far luce sui campi di sterminio cambogiani. Il film contiene interviste agli ex leader dei Khmer rossi e ai sopravvissuti, ha avuto anche una nomination per l'Oscar.


Oggi il regista Thet Sambath denuncia al Guardian che  soldati in uniforme e "spie" in borghese che lavorano per il Governo della Cambogia lo hanno ripetutamente seguito, molestato e  pedinato in macchina e con una moto con l'intenzione di "farlo sparire".


Thet Sambath è stato premiato per aver realizzato il documentario sui Khmer rossi E ora denuncia che per la sua attività giornalistica rischia la vita: "So troppo riguardo a quello che è successo. Mi vogliono morto".  Sambath spiega che gli attacchi sono iniziati nel maggio 2010, dopo che Enemies of the peole ottenne attenzione sulla scena internazionale.


Questo è l'unico documentario con la testimonianza di Nuon Chea, con cui Sambath ha speso 10 anni di lavoro. Nel film Nuon Chea, l'ideologo e il numero due del regime, ammette che  lui e Pol Pot decisero di "uccidere e distruggere" membri del partito che consideravano "nemici del popolo" e descrive, anche nei particolari, con dei grafici, come  mettevano in pratica gli ordini di tagliare la gola e di eliminare i cadaveri.


26 marzo 2012

Scopri nella sezione