English version | Cerca nel sito:

La storia di Kira Obolenskaja

di Anatoly Razumov

Il direttore del Centro Nomi Restituiti di S. Pietroburgo presenta la figura di Kira Obolenskaja, una bibliotecaria che è stata fucilata, partendo dalla testimonianza di sua nipote. 
La donna racconta che il padre di Kira, Ivan Dmitrievic, era un militare della famiglia dei principi Obolenskij, da tempo impoverita. I suoi cinque figli maschi persero la vita al fronte, Kira cominciò a insegnare nella scuola dei giovani operai, diventando il sostegno della famiglia.

Improvvisamente però Kira Obolenskaja scomparve. Razumov spiega che venne arrestata nel settembre 1930. In quel periodo lavorava come bibliotecaria in una scuola di Leningrado. 
Durante gli interrogatori Kira Obolenskaja ebbe il coraggio di dichiarare: “Io non appartengo a quel genere di persone che condividono il programma del potere sovietico. Il mio disaccordo comincia dalla questione della separazione della chiesa dallo stato. Considero l’esproprio della terra ingiusta per i contadini e penso che la politica repressiva dello stato, il terrore e il resto, siano inaccettabili in un paese umano e civile. Io non sono a conoscenza di alcun gruppo, né di persone singole, attivamente ostili al potere sovietico. Ma, anche se lo fossi, riterrei comunque indegno far qualsivoglia nome, sapendo bene che, nelle attuali condizioni, questo comporterebbe per i malcapitati arresti e deportazioni.” Venne condannata a 5 anni di internamento.

Nel lager di Belomorstroe, Kira Ivanovna lavorava nell’ospedale del campo e insegnava agli infermieri. Dopo essere stata trasferita nello Svirlag, nel 1934 fu liberata prima del termine, ma le fu negata la possibilità di tornare a Leningrado. Lavorò in alcuni ospedali, poi nel 1936 si stabilì a Borovici, nella regione di Novgorod, dove insegnava tedesco in una scuola.
Venne nuovamente arrestata in quanto membro “di un’organizzazione insurrezionale ecclesiastica controrivoluzionaria” e fucilata. Su proposta della diocesi di San Pietroburgo, Kira Obolenskaja è stata dichiarata santa martire dal Sinodo del 6 ottobre 2001.

Si ringrazia Silvia Golfera per la traduzione dal russo

27 dicembre 2010

GULag

i lager sovietici

GULag è l’acronimo, introdotto nel 1930, di Gosudarstvennyj Upravlenje Lagerej (Direzione centrale dei lager).
Nel 1918, con l’inizio della guerra civile, fu creata una vasta rete di campi di concentramento per gli oppositori politici della neonata Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche (URSS). Nel 1919 venne creata la sezione lavori forzati. Il lavoro coatto era previsto come mezzo di redenzione sociale dalla stessa costituzione sovietica. Oltre alla funzione economica e punitiva, alcuni lager ebbero anche la funzione di eliminazione fisica dei deportati.

leggi tutto

Scopri nella sezione

Multimedia

I racconti di Kolyma

Trasmissione Il Terzo Anello - Ad alta voce, letto da Piero Baldini

La storia

Lidija Chukovskaja

scrittrice testimone degli anni del Grande Terrore in Russia