Gariwo: la foresta dei Giusti

English version | Cerca nel sito:

Negazionismo

La Shoah spiegata ad Ahmadinejad

Uno studioso di origine iraniana ha pubblicato quattro libri sulla Shoah in farsi e racconta che il dittatore di Teheran ne è al corrente. Poi lancia una provocazione: "Il regime, negando l'Olocausto, nega anche l'umanità degli iraniani".


Video negazionista potrebbe entrare nelle scuole

Alcuni militanti di Forza Nuova noti alle forze dell'ordine hanno prodotto un filmato offensivo già nel titolo, La conoscenza rende liberi, con il quale propalano le peggiori menzogne e "bestemmie storiche" del negazionismo. Il pericolo è che trovi diffusione presso i giovani, sia attraverso il Web che nelle scuole. 


"La legge contro il negazionismo è anticostituzionale"

La Corte suprema francese ha definito come un "incostituzionale attacco alla libertà di espressione" la legge contro il negazionismo che era stata approvata dal Parlamento. Indignazione da parte della comunità armena.


Inchiesta internazionale sul genocidio armeno

La Turchia è pronta ad appoggiare una commissione di indagine sulla questione armena, accettando l'invito del Presidente del Parlamento europeo Schulz.


Stop alla legge francese contro il negazionismo

1 febbraio
Decine di deputati hanno adito il Consiglio Costituzionale in relazione al provvedimento che prevede un anno di carcere per chi nega il genocidio armeno. Prima della sentenza, che sarà emanata tra un mese, il Presidente Sarkozy non può firmare la norma approvata dalle due Camere. 


Metz Yeghern: fu o no genocidio?

Continua il dibattito sulla legge francese contro il negazionismo sul genocidio armeno. Dopo la pubblicazione dell'intervento di Bernard Henry Lévy, il Corriere della Sera ospita la lettera del portavoce della Comunità armena di Roma e la risposta di Sergio Romano, che  ribadisce le sue note posizioni in merito, nonostante il parere degli storici.


Negazionismo

il nemico della verità dei genocidi

Una delle caratteristiche ricorrenti nei fenomeni genocidari è il tentativo dei persecutori di occultare le prove dei massacri e negare l'intenzione dello sterminio, attribuendone la responsabilità alle stesse vittime, con un'operazione pianificata di mistificazione della realtà. 
Per attuare questo disegno risulta fondamentale piegare il linguaggio alle proprie esigenze. I nazisti ponevano un'attenzione maniacale all'uso di termini "neutri" per descrivere, non solo all'esterno, ma anche fra loro, la politica antiebraica: "soluzione finale" anziché sterminio, "trasporto" piuttosto che "deportazione"; gli stessi artifici linguistici utilizzati dagli autori del primo genocidio del XX secolo.

leggi tutto

Multimedia

Ban Ki Moon redarguisce Ahmadinejad

"rassicuri sul nucleare e non usi toni incendiari"