Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Da Milano, riscoprire i valori dell'Europa
Di Gabriele Nissim

Da Milano, riscoprire i valori dell'Europa

Le voci dei Giusti

"Costruiamo pace, giustizia, diritti"

"Ogni volta che, da qualche parte nel mondo, la follia umana si accanisce a sterminare altri esseri umani, è la nostra umanità comune che viene pugnalata. Con i nostri amici, compresi quelli del Giardino dei Giusti, è possibile contribuire alla costruzione di una pace duratura". Le parole di Christine Amisi Notia


"Esiste un legame tra deforestazione, governo del territorio e pace"

"Il Green Belt Movement ha incoraggiato le donne a lavorare insieme per far crescere sementi e piantare alberi per rinforzare il suolo, per immagazzinare l’acqua piovana, fornire cibo e legna da ardere." Le parole di Rahab Mwatha


Omaggio a Simone Veil

"Signora Veil, è arrivato il nostro turno di dire Grazie. Grazie di essere stata, per così tanti Francesi ed Europei, e più generalmente per tante donne e uomini di buona volontà, un esempio e un modello". Le parole di Cyrille Rogeau


Istvan Bibo, genio etico dalla parte degli indifesi

"Istvan Bibo non era solo un grande teorico, un eccellente studioso di straordinaria erudizione, ma anche un uomo molto coraggioso, un modello esemplare di resistenza ad ogni tipo di oppressione, di dittatura e di ingiustizia". Le parole di Istvan Bibo e Julia Vasarhelyi


La Giornata dei Giusti a Milano

La Giornata dei Giusti a Milano

Dal Convegno all'Università Cattolica alle finestre del Pirellone, passando per il Duomo di Milano, il Giardino del Monte Stella e il Giardino Virtuale. Tutte le iniziative con Gariwo per la Giornata dei Giusti 2019 a Milano.


Quattro nuovi "maestri di umanità"

Sono quasi 800 gli studenti che, come ogni anno, colorano la balza del Monte Stella di Milano che ospita il Giardino dei Giusti di tutto il mondo. Con loro hanno striscioni, cartelli e messaggi per i Giusti. “Voi siete i nostri maestri di umanità”, si legge su uno di questi, dedicato a Istvan Bibo, Simone Veil, Wangari Maathai e Denis Mukwege.


Dieci nuovi Giusti nel Giardino Virtuale

In occasione della giornata dei Giusti 2019, il Giardino Virtuale si è allargato con dieci nuove figure. Durante la cerimonia a Palazzo Marino, alla quale sono intervenuti Lamberto Bertolé, Giorgio Mortara, e Pietro Kuciukian, sono state consegnate ai rappresentanti dei Giusti le pergamene con le seguenti motivazioni.


Giornata dei Giusti: il segreto del Bene

La Giornata dei Giusti è una giornata di grande speranza, perché lancia un messaggio che tocca l’essenza fondamentale di ogni essere umano. Ogni persona che ha ricevuto il dono della vita può esercitare la sua libertà per compiere, in ogni situazione, un atto di umanità che può spingere il mondo in una buona direzione.


Voci sul 6 marzo

Onore al coraggio

Il 6 marzo ricorre la settima Giornata Europea dei Giusti. L’idea di Giusto di Nissim è diversa da quella di Yad Vashem: Giusto è chiunque abbia sfidato il conformismo dei più rifiutandosi di obbedire a leggi e direttive inique. Di Viviana Kasam


Lega Serie A e FIGC con Gariwo per la Giornata dei Giusti dell’Umanità

La Lega Serie A e la FIGC aderiscono alla Giornata dei Giusti dellUmanità del 6 marzo accogliendo l’invito di Gariwo, la foresta dei Giusti a partecipare alle centinaia di iniziative organizzate in tutta Italia in occasione di questa Giornata, riconosciuta come solennità civile dal Parlamento Italiano.


Storie dal Ruanda e dalla Cambogia

I Giusti del Rwanda

Il Genocidio contro i Tutsi, che ebbe luogo in Rwanda nel 1994, 25 anni fa, è stato sicuramente il più veloce della storia: durò tre mesi, e in questi tre mesi furono uccise 1.074.017 persone. La mia famiglia era Tutsi da sempre, e quindi perseguitata fin dall’inizio, dal lontano 1957...


Ricordare e testimoniare il bene

Per parlare del tema del ricordo e della testimonianza del bene, non posso fare a meno di descrivere la storia recente della Cambogia, una vicenda poco conosciuta e che molti non ricordano.


Le storie

​Milena, la terribile ragazza di Praga

All’Istituto italiano di Cultura di Praga, di fronte a 160 giovani e ai loro insegnanti, Andreas Pieralli ha presentato il libro di Donatella Sasso, Milena, la terribile ragazza di Praga (Effatà, Cantalupa, 2014), biografia di Milena Jesenská, morta a Ravensbrück nel 1944 e proclamata Giusta fra le Nazioni nel 1994.


"Quando i libri andarono in guerra"

L'esercito americano, durante il secondo conflitto mondiale, rifornì i soldati che combattevano il nazismo non solo di armi, ma anche di libri. Perché lo scontro non era solamente militare, ma anche culturale e ideologico, contro un nemico dalla propaganda insistente e pervasiva. 


Compagni di scuola

La fiducia che Victoria Akopian ha riposto nell’amicizia si è rivelata in grado di salvarla. Questa testimonianza dalla città Sumgait è una conferma del potere che il buon senso esercita sull’irascibilità: senza i suoi compagni di classe, la giovane Victoria, in quel funesto 28 febbraio del 1988 sarebbe andata incontro al massacro. Dalla rubrica "Viaggio tra i disobbedienti azeri", di Pietro Kuciukian


Via dal Venezuela i giornalisti invisi a Maduro

I reporter stranieri sono espulsi dal Paese o incarcerati sempre più di frequente. il segretario generale di Reporter senza frontiere, Christophe Deloire, ha definito “estremamente inquietante” l’arresto di alcuni giornalisti stranieri da parte delle forze di sicurezza venezuelane. 


Addio, Mamma Fiore

Il 1 febbraio 2019 si è spenta ad Amburgo Hilde Rosenberg, testimone del genocidio dei sinti, nota ai tedeschi come "Mama Blume". Una donna minuta, sicura di sé, che sapeva sfidare i pregiudizi. 


Le scuole ci scrivono...

Anna Frank è del Leonardo e tutti noi siamo Anna Frank

La solita frase, scritta stavolta da mani incerte e frettolose, campeggia oggi su un cartellone pubblicitario proprio davanti alla nostra scuola: “ Lo sai che Anna Frank è del Da Vinci?”. Un gesto di ignoranza e barbarie, che lascia però in bocca l’amaro sapore della violenza...


I Giusti a Pioltello

Mercoledì 27 febbraio i ragazzi della terza C dell’Istituto Iqbal Masih di Pioltello hanno partecipato all’inaugurazione del Giardino dei Giusti di via Rieti. In questa occasione, hanno sottolineato la necessità di considerare i Giardini non semplici monumenti, ma luoghi vivi di memoria e di riflessione che aiutano a ricordare ai cuori distratti l'importanza di fare del bene.


  • Chi siamo

    Gariwo è l’acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide.

    Siamo una ONLUS con sede a Milano e collaborazioni internazionali.

    Dal 1999 lavoriamo per far conoscere i Giusti: pensiamo che la memoria del Bene sia un potente strumento educativo e serva a prevenire genocidi e crimini contro l'Umanità.

    Per questo creiamo Giardini dei Giusti in tutto il mondo e usiamo i mezzi di comunicazione, i social network e le iniziative pubbliche per diffondere il messaggio della responsabilità. Dal Parlamento europeo abbiamo ottenuto la Giornata dei Giusti, che ogni anno celebriamo il 6 marzo.

    La nostra attività è sostenuta da istituzioni, scuole, volontari, da un Comitato scientifico internazionale e dai nostri “Ambasciatori”.

  • I Giardini dei Giusti

    I Giardini sono come libri aperti che raccontano le storie dei Giusti.

    Sono spazi pubblici, luoghi di memoria ma anche di incontro e di dialogo, in cui organizzare iniziative rivolte a studenti e cittadini per mantenere vivi gli esempi dei Giusti non solo in occasione della dedica dei nuovi alberi, ma durante tutto l’anno.

    Il Giardino di Milano è nato nel 2003 nel parco del Monte Stella. Nel 2008 si è costituita l’Associazione per il Giardino dei Giusti - formata da Comune di Milano, Gariwo e UCEI - che ne cura le attività.

    Ogni anno sorgono nuovi Giardini nelle città e nelle scuole, in Italia e nel mondo. Il nostro obiettivo è creare una rete diffusa per connettere tutti i soggetti interessati a questi temi.

  • La Giornata europea dei Giusti

    Il 10 maggio 2012 i deputati di Strasburgo hanno accolto l’appello di Gariwo - sottoscritto da numerosi cittadini ed esponenti del mondo della cultura - istituendo la Giornata europea dei Giusti il 6 marzo, data della scomparsa dell'artefice del Viale dei Giusti Moshe Bejski. A partire dalla definizione di Yad Vashem, abbiamo esteso il concetto di Giusto sino a includere quanti, in ogni parte del mondo, hanno salvato vite umane in tutti i genocidi e difeso la dignità umana durante i totalitarismi.
    Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

  • La Carta delle responsabilità 2017

    La Carta delle responsabilità 2017 nasce dalla riflessione collettiva proposta da Gariwo con il ciclo di incontri La crisi dell’Europa e i Giusti del nostro tempo, organizzato in collaborazione con il Teatro Franco Parenti e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano e della Fondazione Corriere della Sera
    La Carta, ispirata all’esperienza di Charta ’77 e sottoscritta da importanti personalità della cultura e della società, rappresenta il nostro impegno etico per la memoria del Bene e l’educazione alla responsabilità, per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio e del nemico.

Nuovi Giusti al Monte Stella

Le immagini della cerimonia

Scopri tutte le immagini della cerimonia al Monte Stella, con la dedica di quattro nuove targhe ai Giusti Istvan Bibo, Simone Veil, Wangari Maathai e Denis Mukwege!

Il Giardino Virtuale - 2019

l'analisi

"Un barlume di umanità a cui aggrapparsi"

editoriale di Giorgio Mortara, vicepresidente UCEI, 15 marzo 2019

Questa tradizione ci insegna che, anche nell’abisso più buio e anche nella condizione storica più disperata, c'è sempre un barlume di giustizia ed un esempio di umanità al quale possiamo aggrapparci. Questo barlume tiene aperta la porta della giustizia e illumina l’universalità dell’umanità, cioè riguarda tutti gli uomini, perché l’essere un Giusto non è legato all’appartenenza ad un popolo, ad un credo religioso o politico; esiste un dovere universale di giustizia che chiama tutti gli uomini, appartenenti a tutte le nazioni del mondo a compiere azioni che possano portare a salvare vite umane, anche una sola.

Le immagini della cerimonia

Scopri tutte le immagini della consegna delle pergamene per i Giusti 2019 inseriti nel Giardino Virtuale - Area Monte Stella

La GDG in Italia e nel mondo

Al secondo anno dall’approvazione della Giornata dei Giusti dell’umanità come solennità civile in Italia e a sette anni dall’istituzione della Giornata europea dei Giusti, migliaia di persone hanno voluto celebrare questa ricorrenza, che ormai sembra essersi fatta spazio nel cuore di molti.

Grazie a tutti!

le immagini dall'Italia e non solo
scopri la galleria fotografica

Ambiente e clima

Il cambiamento giusto

Ci sono così tante cose che possiamo compiere, per fare la differenza per il pianeta. La prossima generazione è molto consapevole della situazione. I suoi atti sempre più diffusi di disobbedienza civile, le sue marce contro la globalizzazione dell’indifferenza, la sua rabbiosa presa di posizione contro un sistema che maschera la perdita dietro un’immagine di abbondanza.
Di Anne de Carbuccia, artista ambientale.

Scopri GariwoNetwork!

La rete dei Giusti

Scopri la pagina di GariwoNetwork, la rete per unire tutti i soggetti impegnati nella diffusione del messaggio dei Giusti!

La Carta delle responsabilita'

Abbiamo lanciato la Carta delle responsabilità 2017 «per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio». Ecco il testo della Carta, l’elenco dei firmatari e i messaggi di sostegno. Aiutaci a condividerla!