Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Il messaggio dei Giusti
di Gabriele Nissim

Il messaggio dei Giusti

Gli interventi di GariwoNetwork

Ritrovare l'Europa

"Il nazionalismo e il populismo sono i peggiori nemici dell’Europa perché ne mettono in discussione i valori e gli accordi. Proprio per questo, i valori europei sono la migliore arma per sconfiggere gli egoismi, le intolleranze, gli odi. Una grande responsabilità spetta quindi oggi alle scuole per diffondere questi valori educando alla democrazia, alla tolleranza, al rispetto, alla fratellanza, al sentirsi cittadini dell’Europa e del mondo". Di Francesco M. Cataluccio 


Europa e diritti umani

La riflessione su cosa può rappresentare oggi l’Europa in un mondo non solo pieno di contraddizioni, ma anche di ombre estremamente pericolose, dovrebbe essere unita a un’altra riflessione, forse più generale, sul Settantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani. Di Marcello Flores


Essere giusti con se stessi e con gli altri

Spesso si parla del fascino del male, ma il male diventa affascinante quando è immerso in una dimensione ironica, quando, nel venire descritto e raccontato, mostra la differenza tra la crudeltà e la vita quotidiana. Ciò che è affascinante è la vita, non il male, l’immanenza della vita dalla quale non possiamo mai uscire. Di Pietro Barbetta


Premio Nobel per la Pace 2018

Agire è una scelta, per rompere la spirale di violenza

Denis Mukwege, che sarà onorato in occasione della prossima Giornata dei Giusti dell’umanità nel Giardino di Milano, ha dedicato la sua vita ad aiutare e difendere in Congo le donne vittime di stupri di guerra. Riportiamo il suo intervento per la consegna del Premio Nobel per la pace, dedicato alle vittime di violenza di tutto il mondo.


Non basta un Nobel per la pace

Nadia Murad è stata testimone per il mondo del dramma del suo popolo, quello yazida, del massacro della sua famiglia e della violenza dei miliziani dell’Isis, dei quali è stata schiava per tre mesi. Riportiamo il suo intervento per la consegna del Premio.


Ambiente e cambiamenti climatici

Sul Riscaldamento Globale

Anne de Carbuccia è un'artista ambientale franco-americana. Ha viaggiato in tutto il mondo per diversi anni documentando l'evoluzione del pianeta e l'impatto dell'intervento umano sull'ambiente. Per la 75esima Mostra Internazionale d'arte cinematografica di Venezia, ha presentato il documentario One Ocean, che la vede protagonista, sulla necessità di proteggere l'oceano. Di seguito alcune sue riflessioni sul Riscaldamento Globale e sul suo legame con i diritti umani.


Ogni giorno beviamo acqua, ogni giorno moriamo un po' di più

Il Guardian, in collaborazione con Global Witness, ha pubblicato nomi, volti e storie dei defenders: uomini e donne di tutto il mondo che lottano per i diritti umani e l’ambiente. Il fotografo Thom Pierce ne ha ritratti alcuni, tra cui Maria do Socorro Silva, brasiliana che combatte contro l’inquinamento delle acque della foresta Amazzonica.


Francia Márquez, defender delle comunità afro-colombiane

Francia Márquez, vincitrice del Goldman Environmental Prize lo scorso aprile, è leader della comunità afro-colombiana, che nel 2014 ha organizzato le donne di La Toma contro l'estrazione aurifera illegale nelle terre dei loro antenati, riuscendo a fermare quest'attività mineraria. Ecco la sua storia.


D'attualità

​Un Giardino delle Giuste e dei Giusti in ogni scuola

Da Catania a Parigi, passando per moltissime città, il progetto "Un Giardino delle Giuste e dei Giusti in ogni scuola" è cresciuto e ha coinvolto moltissime realtà, tra cui 60 scuole, per onorare uomini e donne modello di umanità per la nostra società. La dedica degli alberi è il momento conclusivo di un lavoro di ricerca annuale, in classe, nelle biblioteche scolastiche, negli archivi, ascoltando i racconti di chi ha conosciuto donne e uomini di valore, che il mondo non ricorda o ricorda poco. Di Pina Arena, ideatrice e coordinatrice del progetto


Militare guatemalteco condannato a 6.060 anni di carcere

Pedro Pimentel, 55 anni, è stato condannato il 19 novembre 2018 a 6.060 anni di prigione per avere partecipato nel 1982 alla strage di Dos Erres, in Guatemala, dove perirono 201 civili, in maggioranza Indios. 30 anni per ogni vittima e 30 anni per crimini contro l'umanità. 


Razzismi 2.0. Analisi socio-educativa dell’odio online

Il giornalista Stefano Pasta è attualmente titolare di un assegno di ricerca al CREMIT, diretto da Pier Cesare Rivoltella e collabora con il Centro di ricerca sulle relazioni interculturali, diretto da Milena Santerini - entrambi dell’Università Cattolica di Milano. Con lui abbiamo parlato del suo nuovo libro "Razzismi 2.0. Analisi socio-educativa dell’odio online", edito da Morcelliana, Scholé. Ecco cosa ci ha detto.


Gli uomini che hanno salvato Asia Bibi

La legge sulla blasfemia in Pakistan viene utilizzata come strumento di pressione nei confronti delle minoranze non islamiche. Lo dimostra il caso di Asia Bibi, condannata a morte perché incolpata di aver dissacrato il nome di Maometto. La sua assoluzione è avvenuta anche grazie a degli uomini coraggiosi, di cui due hanno pagato con la vita. 


Le storie

Il villaggio di Evlu

Superato quello che era stato il confine fra la Georgia e l’Armenia, in cima ad una collina, sono stato raggiunto da una decina di contadini che, appena scoperto che parlavo armeno, mi hanno abbracciato calorosamente. Di Pietro Kuciukian


Il prezzo del coraggio

ll padre di Uri Berliner fu salvato dalla generosità delle famiglie Furstenberg e Mynarek. Ora, Uri vuole mostrare concretamente la sua gratitudine, mentre il nipote di Sigge Furstenberg, il giornalista Claes, cerca la verità sul gesto coraggioso del nonno. 


Processati i responsabili dell'omicidio di Victor Jara

9 condanne in Cile e una causa pendente in Florida a carico dei responsabili dell'omicidio del "Bob Dylan cileno", assassinato a Santiago del Cile nel 1973 per ordine del generale Augusto Pinochet. Oggi lo stadio dove fu torturato porta il suo nome e il popolare cantante e attivista è onorato in tutto il mondo. 


Storia di un bambino ebreo accolto da Clement Attlee

Ricorre l’ottantesimo anniversario dei treni Kindertransport, che salvarono oltre 10mila bambini ebrei prima dello scoppio della Seconda guerra mondiale. Per ricordarlo, a Londra si è tenuta una manifestazione, organizzata dall’Associazione dei rifugiati ebrei, che ha visto anche la presenza di Jo Roundell Greene, nipote di Clement Attlee, insieme al novantenne Paul Willer, che ha raccontato la sua incredibile e sconosciuta storia di bambino ebreo salvato dalla famiglia Attlee.


Nascosta sotto gli occhi di tutti

Ruszka Guterman, ebrea, nasce a Piotrkow il 27 luglio 1922. Suo padre le dice fin dall'infanzia che, se un giorno dovrà nascondersi, il miglior posto sarà alla luce del sole, dove i persecutori non guardano. Lavorerà al servizio di un comandante delle SS e salverà 139 bimbi ebrei dal pogrom di Kielce.


  • Chi siamo

    Gariwo è l’acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide.

    Siamo una ONLUS con sede a Milano e collaborazioni internazionali.

    Dal 1999 lavoriamo per far conoscere i Giusti: pensiamo che la memoria del Bene sia un potente strumento educativo e serva a prevenire genocidi e crimini contro l'Umanità.

    Per questo creiamo Giardini dei Giusti in tutto il mondo e usiamo i mezzi di comunicazione, i social network e le iniziative pubbliche per diffondere il messaggio della responsabilità. Dal Parlamento europeo abbiamo ottenuto la Giornata dei Giusti, che ogni anno celebriamo il 6 marzo.

    La nostra attività è sostenuta da istituzioni, scuole, volontari, da un Comitato scientifico internazionale e dai nostri “Ambasciatori”.

  • I Giardini dei Giusti

    I Giardini sono come libri aperti che raccontano le storie dei Giusti.

    Sono spazi pubblici, luoghi di memoria ma anche di incontro e di dialogo, in cui organizzare iniziative rivolte a studenti e cittadini per mantenere vivi gli esempi dei Giusti non solo in occasione della dedica dei nuovi alberi, ma durante tutto l’anno.

    Il Giardino di Milano è nato nel 2003 nel parco del Monte Stella. Nel 2008 si è costituita l’Associazione per il Giardino dei Giusti - formata da Comune di Milano, Gariwo e UCEI - che ne cura le attività.

    Ogni anno sorgono nuovi Giardini nelle città e nelle scuole, in Italia e nel mondo. Il nostro obiettivo è creare una rete diffusa per connettere tutti i soggetti interessati a questi temi.

  • La Giornata europea dei Giusti

    Il 10 maggio 2012 i deputati di Strasburgo hanno accolto l’appello di Gariwo - sottoscritto da numerosi cittadini ed esponenti del mondo della cultura - istituendo la Giornata europea dei Giusti il 6 marzo, data della scomparsa dell'artefice del Viale dei Giusti Moshe Bejski. A partire dalla definizione di Yad Vashem, abbiamo esteso il concetto di Giusto sino a includere quanti, in ogni parte del mondo, hanno salvato vite umane in tutti i genocidi e difeso la dignità umana durante i totalitarismi.
    Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

  • La Carta delle responsabilità 2017

    La Carta delle responsabilità 2017 nasce dalla riflessione collettiva proposta da Gariwo con il ciclo di incontri La crisi dell’Europa e i Giusti del nostro tempo, organizzato in collaborazione con il Teatro Franco Parenti e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano e della Fondazione Corriere della Sera
    La Carta, ispirata all’esperienza di Charta ’77 e sottoscritta da importanti personalità della cultura e della società, rappresenta il nostro impegno etico per la memoria del Bene e l’educazione alla responsabilità, per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio e del nemico.

La rubrica

Testimoni dei pogrom di Sumgait

A Sumgait, in Azerbaigian, quando negli ultimi giorni del febbraio del 1988, in tempo di pace, una violenza brutale si è scatenata contro la minoranza armena, si verificarono anche episodi di solidarietà, di soccorso, di difesa delle vittime da parte di azeri che hanno seguito un moto profondo dettato dal principio di umanità e da un sentimento di ribellione di fronte all’ingiustizia che si traduce in azioni concrete... di Pietro Kuciukian 

Medaglia d’oro alla Memoria

La città di Milano onora Ulianova Radice

Ulianova Radice, direttrice di Gariwo e vicepresidente dell'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano scomparsa lo scorso ottobre, ha ricevuto la Medaglia d'Oro alla Memoria - massimo riconoscimento della città di Milano, nel giorno del Santo patrono.

L'intervista

Sulla cultura dell'odio

"Oggi, in Europa, questo fenomeno antico come il mondo prende delle caratteristiche nuove. Una di queste è appunto l’essere fortemente legato alla crisi economica, alla penuria di risorse e quindi alla competizione per le stesse con chi viene da fuori - che viene percepito come un “nemico”, un “invasore”. È questo il caso, soprattutto, di come vengono identificati gli immigrati o le minoranze. Da qui prende forma la crescita di populismi, nazionalismi, sovranismi che, ultimamente, rappresentano una vera e propria fonte di odio". Dall'intervista a Milena Santerini

Nuovi Giusti al Monte Stella

Saranno onorati a Milano il 14 marzo

L’Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano, composta da Comune, Gariwo e UCEI, ha scelto il tema e le figure per la cerimonia della prossima Giornata dei Giusti: “L’Umanità a un bivio. Europa e Africa tra indifferenza e responsabilità”. Per questo, onoreremo quattro nuove figure: Istvan Bibo, Simone Veil, Wangari Maathai e Denis Mukwege.

Nel Giardino dei Giusti due alberi per celebrare Simone Veil e István Bibó
di Antonio Ferrari

Uno sguardo alla Polonia

Tre grandi pericoli ancora attuali

Bronisław Geremek, nel 1990, proponeva una riflessione, che oggi risulta drammaticamente attuale, sui pericoli corsi dalle società post-comuniste: il populismo, la tentazione di instaurare governi dalla mano forte, il nazionalismo. Le sue parole tornano alla mente guardando quanto sta accadendo in Polonia e in altri Paesi del vecchio blocco sovietico... di Annalia Guglielmi 

Scopri GariwoNetwork!

La rete dei Giusti

Scopri la pagina di GariwoNetwork, la rete per unire tutti i soggetti impegnati nella diffusione del messaggio dei Giusti!