Gariwo
QR-code
https://it.gariwo.net/
Gariwo

Dieci anni del Giardino dei Giusti di Varsavia, emblema della memoria come rinascita
di Francesco M. Cataluccio

Dieci anni del Giardino dei Giusti di Varsavia, emblema della memoria come rinascita

Da GariwoMag

Con la Germania che vira a destra rischiamo di vedere la fine dell’Europa

Per chi come me vive in Germania e segue la politica l’exploit elettorale di AfD non è stato affatto una sorpresa. Anzi, a inizio anno – prima che una serie di scandali lo travolgessero – i sondaggi lo davano molto più in alto. Certo, le percentuali dell’estrema destra in Germania (15.9%) non solo quelle della Francia, dell’Italia, dell’Austria, e di tanti altri paesi. Ma, nel caso della Germania, la memoria non è un orpello, è il fondamento stesso della società in cui viviamo, e sapere che tanti giovani (questo il dato che ha sorpreso di più tutti, qui) e una parte intera del paese, l’Est post-comunista, votino in massa per l’AfD non rassicura nessuno. Di Simone Zoppellaro


Elezioni europee: dove si va?

Dunque i cittadini europei ed italiani (sempre meno, purtroppo) si sono espressi. Ne esce fuori un Parlamento europeo che li rappresenta con 720 eletti. Ancora una volta la democrazia europea ha saputo mettersi in discussione. Se si fa una proiezione europea dei risultati, al di là di quelli dei singoli paesi, si può vedere che gli equilibri di fondo non sono profondamente cambiati, anche se c’è da prendere atto di un rafforzamento delle destre. Soprattutto in Italia, in Francia e in Germania. Ossia in tre dei paesi più grandi di tutta l’Unione europea. Di Bruno Marasà


"Il sogno italiano" degli albanesi, un libro sull'isolamento di un popolo ferito

Dopo la morte di Enver Hoxha, il segretario generale del Partito del Lavoro d’Albania, avvenuta nel 1985, la famiglia albanese di nome Tota, composta da quattro sorelle e due fratelli, si rifugia nell'ambasciata italiana di Tirana chiedendo asilo politico. Un evento senza precedenti, che mette a dura prova i sei protagonisti del romanzo Il sogno italiano, scritto dal celebre autore albanese Ylljet Aliçka. Tatjana Dordevic lo ha intervistato per GariwoMag


Il centravanti e la Mecca. Calcio, Islam e petroldollari

Il centravanti e la Mecca. Calcio, Islam e petroldollari è un libro-inchiesta che analizza il rapporto tra calcio e Islam. Il volume - scritto da diverso autori e curato da Rocco Bellantone - è stato pubblicato da Paesi Edizioni nel 2022. Si tratta di un'opera ricca di suggestioni, dagli aneddoti sulla passione per il calcio di dittatori come Saddam Hussein e Recep Tayyip Erdoğan alle politiche di sportwashing promosse dai governi dei paesi del golfo, e che consente anche al lettore di poter comprendere la geopolitica attraverso la fede universale per il calcio. Di Cristina Giudici


Verso Putin: dopo gli agenti stranieri il governo georgiano punta la comunità LGBTQIA+

Il Sogno Georgiano assume sempre di più i contorni di un incubo russo (putiniano). I partiti della coalizione di governo prima hanno approvato la legge sugli “agenti stranieri”, passata nonostante le proteste di piazza, soprattutto dei giovani, varata per colpire i media e le ONG indipendenti; poi, hanno presentato una proposta di legge il cui scopo è colpire i diritti della comunità LGBT, un insieme di norme che ricalcano il tristemente famoso provvedimento anti–gay varato dalla Duma russa nel 2013. Di Michele Migone


La Nazionale di atletica leggera, cartina tornasole di un’Italia nuova che fa errori vecchi

È sotto gli occhi di tutti la multietnicità della Nazionale italiana di atletica leggera, che però non deve trarre in inganno. Queste ragazze e questi ragazzi, infatti, sono cittadini italiani, per adozione o per uno dei due genitori. Sono l’espressione di un’Italia multietnica nei fatti ma non nelle leggi e tantomeno in quella per ottenere la cittadinanza italiana, cioè non sono espressione delle seconde generazioni di migranti nel nostro Paese. Di Francesco Caremani


100 anni dal delitto Matteotti, battesimo di sangue del fascismo

Il 10 giugno di cent'anni fa Giacomo Matteotti, il parlamentare antifascista che aveva coraggiosamente denunciato i crimini di Mussolini, venne sequestrato e ucciso da una squadraccia guidata da Amerigo Dumini. Se in anni recenti è stato possibile ricostruire la verità storica sul caso Matteotti gran parte del merito va al lavoro dello storico Mauro Canali, che per primo è stato capace di scovare gli atti istruttori e giudiziari dei processi, prima occultati dal fascismo e poi a lungo secretati in Italia. Riccardo Michelucci lo intervista per GariwoMag


Giusti

Carmen Ledda Barreiro

I momenti che ha dovuto vivere, tra cui la tortura di suo figlio minore Fabián a nove anni perché non voleva rivelare dove si trovassero il fratello e la sorella, non sono riusciti a fermare l’impegno di Ledda che, poco tempo dopo la scomparsa della figlia, si è rivolta attivamente alla militanza nell’associazione civile Abuelas de Plaza de Mayo, diventando un punto di riferimento della difesa dei diritti umani nella città di Mar del Plata e nell’intero paese.


Antonio Maglio

Con le sue intuizioni Antonio Maglio anticipò il corso della storia e riuscì a ridare una vita normale ai paraplegici, trasformando molti di loro in campioni dello sport. La sua utopia divenne realtà nel settembre del 1960, quando all’aeroporto romano di Ciampino iniziarono ad atterrare aerei carichi di uomini e donne che si appoggiavano alle stampelle e si muovevano su sedie a rotelle. Erano le delegazioni sportive che avrebbero preso parte alle prime Paralimpiadi della storia.


Giardini

Il Sentiero dei Giusti a Valdieri

Il 6 giugno è stato inaugurato a Valdieri (CN) il Sentiero dei Giusti. Si tratta di un percorso ripristinato con grande cura su un vecchio tracciato che parte dalla strada provinciale che porta alle Terme di Valdieri e va verso il fiume Gesso. Il lavoro è stato condiviso dal Comune, dal Parco delle Alpi Marittime e soprattutto dagli insegnanti e dagli studenti della Scuola Media di Valdieri. Lungo il sentiero una bacheca con QRcode illustra il progetto con una citazione di Etty Hillesum.


Gabriele Nissim a Rondine: "Serve una grande manifestazione per la pace che coinvolga palestinesi e israeliani"

“In questo tempo abbiamo scoperto la totale mancanza di un grande movimento pacifista che scendesse in piazza per l’uno e per l’altro. Chiediamo a Rondine di farlo con noi con una grande manifestazione nazionale”. Immediata la risposta di Franco Vaccari, presidente di Rondine: “Diciamo sì ad una manifestazione che veda entrambe le parti del conflitto armato chiedere la pace". La proposta del presidente di Gariwo Gabriele Nissim dal palco dello YouTopic


  • Chi siamo

    Gariwo è l’acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide.

    Siamo una ONLUS con sede a Milano e collaborazioni internazionali.

    Dal 1999 lavoriamo per far conoscere i Giusti: pensiamo che la memoria del Bene sia un potente strumento educativo e serva a prevenire genocidi e crimini contro l'Umanità.

    Per questo creiamo Giardini dei Giusti in tutto il mondo e usiamo i mezzi di comunicazione, i social network e le iniziative pubbliche per diffondere il messaggio della responsabilità. Dal Parlamento europeo abbiamo ottenuto la Giornata dei Giusti, che ogni anno celebriamo il 6 marzo.

    La nostra attività è sostenuta da istituzioni, scuole, volontari, da un Comitato scientifico internazionale e dai nostri “Ambasciatori”.

  • I Giardini dei Giusti

    I Giardini sono come libri aperti che raccontano le storie dei Giusti.

    Sono spazi pubblici, luoghi di memoria ma anche di incontro e di dialogo, in cui organizzare iniziative rivolte a studenti e cittadini per mantenere vivi gli esempi dei Giusti non solo in occasione della dedica dei nuovi alberi, ma durante tutto l’anno.

    Il Giardino di Milano è nato nel 2003 nel parco del Monte Stella. Nel 2008 si è costituita l’Associazione per il Giardino dei Giusti - formata da Comune di Milano, Gariwo e UCEI - che ne cura le attività.

    Ogni anno sorgono nuovi Giardini nelle città e nelle scuole, in Italia e nel mondo. Il nostro obiettivo è creare una rete diffusa per connettere tutti i soggetti interessati a questi temi.

  • La Giornata europea dei Giusti

    Il 10 maggio 2012 i deputati di Strasburgo hanno accolto l’appello di Gariwo - sottoscritto da numerosi cittadini ed esponenti del mondo della cultura - istituendo la Giornata europea dei Giusti il 6 marzo, data della scomparsa dell'artefice del Viale dei Giusti Moshe Bejski. A partire dalla definizione di Yad Vashem, abbiamo esteso il concetto di Giusto sino a includere quanti, in ogni parte del mondo, hanno salvato vite umane in tutti i genocidi e difeso la dignità umana durante i totalitarismi.
    Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

  • La Carta delle responsabilità 2017

    La Carta delle responsabilità 2017 nasce dalla riflessione collettiva proposta da Gariwo con il ciclo di incontri La crisi dell’Europa e i Giusti del nostro tempo, organizzato in collaborazione con il Teatro Franco Parenti e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano e della Fondazione Corriere della Sera
    La Carta, ispirata all’esperienza di Charta ’77 e sottoscritta da importanti personalità della cultura e della società, rappresenta il nostro impegno etico per la memoria del Bene e l’educazione alla responsabilità, per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio e del nemico.

Intervista a Nissim

Gabriele Nissim ospite del podcast Pionieri

Gabriele Nissim è ospite di “Pionieri”, il podcast in cui la giornalista Tatjana Dordevic esplora le tematiche sociali e culturali del nostro tempo. Racconta le storie di persone che, di fronte alle difficoltà, hanno visto le opportunità. Sono le storie e gli aneddoti di chi sogna, di chi ha una visione, di chi trova una soluzione a bisogni ben precisi.

Educazione

Seminario insegnanti - Comunità di Memoria - Viaggio di formazione 


Gariwo propone, nell'ambito del progetto Comunità di Memoria, un seminario di formazione sui luoghi della memoria, l’insegnamento della Shoah e la diffusione della memoria del bene; rivolto a max 30 docenti del ciclo secondario, si svolgerà prevalentemente in viaggio e ci porterà nella città di Varsavia, Lublino e in visita al Museo statale del campo di concentramento e sterminio di Majdanek dal 2 al 6 settembre.

Il libro

I Giusti e lo sport

I Giusti e lo sport (Cafoscarina, CAMPO LIBERO, 2023) è il racconto di venti storie di atleti che hanno scelto il Bene e la Verità. Sono storie in cui per una volta gli atleti hanno infranto il dogma che lo sport debba essere un mondo che basta a se stesso e chi ci si dedica debba dimenticarsi di quello che succede intorno a lui. CAMPO LIBERO è la collana di libri nata dalla collaborazione tra la Fondazione Gariwo e la Libreria Editrice Cafoscarina.

GariwoMag

GariwoMag non è solo una rivista. È un invito a partecipare

GariwoMag non sarà l’ennesima rivista culturale, ma uno spazio animato da studiosi, giornalisti, podcaster e videomaker per conoscere il passato e il presente attraverso lo sguardo di chi lotta per i diritti umaniDi Helena Savoldelli e Joshua Evangelista