Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Guardiamo il mondo da un drone per contrastare la cultura del nemico
di Gabriele Nissim

Guardiamo il mondo da un drone per contrastare la cultura del nemico

D'attualità

Difendere l'ambiente, mai così pericoloso

AT WHAT COST? (a quale prezzo?) è il titolo del sesto report annuale di Global Witness sui Defenders of the Earth: uomini, donne, comunità e organizzazioni che hanno difeso i diritti umani, la loro terra e l’ambiente e, per questo, sono stati assassinati. Un elenco di 207 nomi per il 2017, il peggior record mai raggiunto.


L'istruzione negata e il drammatico destino dei bambini che non vanno a scuola

L'istruzione è un diritto fondamentale che deve essere garantito a tutti i bambini, ma la realtà dimostra il contrario. MOAS si è unita a un appello UNICEF per dare maggior supporto ai bambini Rohingya, poichè "l'istruzione dei bambini è preziosa per la loro stessa comunità". Di Regina Catrambone


Strasburgo contro Orban

Strasburgo ha approvato le sanzioni contro l’Ungheria di Viktor Orbán. L'assemblea ha votato la risoluzione di Judith Sargentini, chiedendo di aprire la procedura prevista dall'articolo 7 del Trattato in caso di violazione dei diritti fondamentali. "L'Europa - ha dichiarato Jean-Claude Juncker - deve restare un continente di apertura e tolleranza". 


I numeri delle migrazioni

Secondo l’UNHCR, oggi nel mondo c’è il più alto numero di persone in fuga dai conflitti mai registrato dopo la Seconda guerra mondiale. Si stima che gli sfollati siano in totale 68,5 milioni, l’1% della popolazione mondiale. Presentiamo alcune cifre, utili per comprendere tale fenomeno globale.


"Il populismo? Sfida, ma anche opportunità"

Il neoliberismo ha creato rimostranze dettate da motivi seri, sfruttate dalla destra radicale. La sinistra, sostiene la prof. Chantal Mouffe dell'Università di Westminster, deve trovare un nuovo modo di articolarle. Pubblichiamo tradotte le sue riflessioni apparse sul Guardian del 10 settembre 2018. 


Le scuse del mondo accademico italiano agli ebrei

Il prossimo 20 settembre a Pisa, a ottant'anni dalla promulgazione delle leggi razziali, i rettori di 83 università italiane si riuniranno per chiedere scusa agli ebrei.


Immigrazione e Torah

Come uomo, come ebreo e come medico sono due gli obiettivi che individuo di fronte al problema dei migranti richiedenti asilo. Primo: soccorrerli, accoglierli e integrarli. Secondo: migliorare le condizioni sociali, politiche ed economiche nei Paesi da cui provengono, in modo che possano vivere lì in pace, serenità e giustizia. Di Giorgio Mortara


Le storie

Salvezza

Salvezza. Di vite, ma anche della coscienza europea. Questo il senso più profondo del libro di Marco Rizzo e Lelio Bonaccorso, nato in seguito a un viaggio di tre settimane a bordo della nave Aquarius della Ong SOS Méditerranée. Salvezza è la voce di chi fugge e di chi salva, il racconto di una delle crisi più grandi che l’Europa è oggi chiamata ad affrontare.


Praga: una storia dimenticata

In questi giorni si ricorda il cinquantesimo anniversario dell’invasione della Cecoslovacchia da parte dei carri armati del Patto di Varsavia, e la conseguente fine della cosiddetta “Primavera di Praga”. Si ricorda, ma già si tende a dimenticare. Di Francesco Cataluccio


Kiichiro Higuchi

Nel 1938 molti ebrei in fuga dal nazismo venivano trattenuti a Otpol, al confine sovietico con la Manciuria. Il Ministero degli Esteri giapponese non forniva loro i passaporti per passare il confine, per paura della reazione della Germania alleata. Kiichiro Higuchi, tuttavia, salvò gli ebrei dalla morte per assideramento, cibandoli e consegnando loro i visti d’uscita.


Henry Christen Thomsen

Dalla locanda dei Thomsen passarono circa 1000 dei 7000 ebrei danesi salvati. Lo stesso Henry acquistò una barca - che chiamò Gretche, diminutivo del nome della moglie -, per trasportare personalmente i fuggiaschi...


Gariwo e le scuole

Un nuovo albero al Giardino di Falconara

Le referenti della Giornata dei Giusti per la Scuola secondaria di primo grado "G. Ferraris" di Falconara Marittima, le professoresse Elisabetta Bonavita e Paola Lucarini, ci hanno mandato un messaggio per raccontarci come si sono svolte quest'anno le loro celebrazione per i Giusti.


Educazione all'accoglienza

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dei docenti del Liceo Artistico Caravaggio di Milano, comparsa sul Corriere della Sera di venerdì 6 luglio 2018, a proposito di migranti e accoglienza. Di seguito il testo, inviatoci dalla Professoressa Elisa Graziano.


Il bene possibile secondo i ragazzi della scuola Pertini di Vercelli

Da tre anni, alla Scuola Pertini di Vercelli celebriamo la Giornata dei Giusti. Con il tempo, i Giusti sono diventati indispensabili nella nostra azione educativa, uno strumento concreto da offrire ai giovani per comprendere la storia e leggere il presente, per decidere con autonomia e responsabilità quale futuro vogliono costruire. Di Carolina Vergerio


  • Chi siamo

    Gariwo è l’acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide.

    Siamo una ONLUS con sede a Milano e collaborazioni internazionali.

    Dal 1999 lavoriamo per far conoscere i Giusti: pensiamo che la memoria del Bene sia un potente strumento educativo e serva a prevenire genocidi e crimini contro l'Umanità.

    Per questo creiamo Giardini dei Giusti in tutto il mondo e usiamo i mezzi di comunicazione, i social network e le iniziative pubbliche per diffondere il messaggio della responsabilità. Dal Parlamento europeo abbiamo ottenuto la Giornata dei Giusti, che ogni anno celebriamo il 6 marzo.

    La nostra attività è sostenuta da istituzioni, scuole, volontari, da un Comitato scientifico internazionale e dai nostri “Ambasciatori”.

  • I Giardini dei Giusti

    I Giardini sono come libri aperti che raccontano le storie dei Giusti.

    Sono spazi pubblici, luoghi di memoria ma anche di incontro e di dialogo, in cui organizzare iniziative rivolte a studenti e cittadini per mantenere vivi gli esempi dei Giusti non solo in occasione della dedica dei nuovi alberi, ma durante tutto l’anno.

    Il Giardino di Milano è nato nel 2003 nel parco del Monte Stella. Nel 2008 si è costituita l’Associazione per il Giardino dei Giusti - formata da Comune di Milano, Gariwo e UCEI - che ne cura le attività.

    Ogni anno sorgono nuovi Giardini nelle città e nelle scuole, in Italia e nel mondo. Il nostro obiettivo è creare una rete diffusa per connettere tutti i soggetti interessati a questi temi.

  • La Giornata europea dei Giusti

    Il 10 maggio 2012 i deputati di Strasburgo hanno accolto l’appello di Gariwo - sottoscritto da numerosi cittadini ed esponenti del mondo della cultura - istituendo la Giornata europea dei Giusti il 6 marzo, data della scomparsa dell'artefice del Viale dei Giusti Moshe Bejski. A partire dalla definizione di Yad Vashem, abbiamo esteso il concetto di Giusto sino a includere quanti, in ogni parte del mondo, hanno salvato vite umane in tutti i genocidi e difeso la dignità umana durante i totalitarismi.
    Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

  • La Carta delle responsabilità 2017

    La Carta delle responsabilità 2017 nasce dalla riflessione collettiva proposta da Gariwo con il ciclo di incontri La crisi dell’Europa e i Giusti del nostro tempo, organizzato in collaborazione con il Teatro Franco Parenti e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano e della Fondazione Corriere della Sera
    La Carta, ispirata all’esperienza di Charta ’77 e sottoscritta da importanti personalità della cultura e della società, rappresenta il nostro impegno etico per la memoria del Bene e l’educazione alla responsabilità, per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio e del nemico.

l'analisi

​Bronislaw Geremek: un polacco europeo

editoriale di Francesco M. Cataluccio, saggista e scrittore, 19 settembre 2018

“Quando mi viene qualche dubbio sull’Europa, mi metto ad ascoltare la musica di Bach: funziona subito!”, amava dire Bronisław Geremek, grande storico del medioevo, uno dei principali consiglieri di Solidarność e Ministro degli Esteri della Polonia democratica. Geremek ha insegnato all’Europa a capire e rispettare gli emarginati, i barboni, i vagabondi. Il comportamento tenuto dal Potere nei loro confronti era ed è la cartina di tornasole della civiltà.

L'intervista

“Senza l’educazione gli alberi restano solo alberi”

Anna Maria Samuelli e Pietro Kuciukian, Co-fondatori di Gariwo, sono stati a Lesbo, all'hotel Votsala di Daphne Vloumidi e il marito Iannis Troumpounis, e a visitare i campi profughi dell'Isola. Hanno intervistato la Giusta dell'accoglienza Daphne - onorata a marzo 2018 al Giardino di Milano - che racconta una storia di umanità e di forza... 

Novità da Gariwo

Online la nuova pagina educazione

È online sul nostro sito la sezione Educazione, pensata per docenti, educatori e studenti di tutte le età. Abbiamo ideato una pagina con percorsi didattici sul tema dei Giusti, schede storiche, contenuti multimediali, recensioni, materiali bibliografici e molto, molto altro.

Scopri GariwoNetwork!

La rete dei Giusti

Scopri la pagina di GariwoNetwork, la rete per unire tutti i soggetti impegnati nella diffusione del messaggio dei Giusti!

La Carta delle responsabilita'

Abbiamo lanciato la Carta delle responsabilità 2017 «per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio». Ecco il testo della Carta, l’elenco dei firmatari e i messaggi di sostegno. Aiutaci a condividerla!