Gariwo: la foresta dei Giusti

English version | Cerca nel sito:

Le basi del dialogo tra ebrei e musulmani
Di Gabriele Nissim

Le basi del dialogo tra ebrei e musulmani

D'attualità

Strasburgo ricorda Václav Havel

A quasi 6 anni dalla scomparsa di Vaclav Havel - eroe della Rivoluzione di Velluto - il nuovo edificio del Parlamento europeo di Strasburgo viene intitolato a suo nome e un suo busto in bronzo, opera della scultrice ceca Marie Šeborová, è posizionato davanti all'ingresso. 


Marcia dei musulmani contro il terrorismo

da Parigi a Nizza passando da Bruxelles, Berlino, Rouen, Tolosa, luoghi di attentati. Promossa dall’Imam di Drancy Hassen Chalghoumi e dallo scrittore Marek Halter per chiedere la pace e contrastare l'ostilità verso i musulmani e il razzismo.


La memoria di Srebrenica

“Sostegno al generale Ratko Mladic - Basta menzogne su Srebrenica”. Dietro questo slogan è stata organizzata per l’11 luglio una dimostrazione a Banja Luka. Una data non casuale, quella scelta, poiché si tratta dell’anniversario di quell’11 luglio 1995 in cui le truppe del generale Mladic entrarono nella cittadina di Srebrenica e uccisero 8372 bosgnacchi.


Indagata per terrorismo la direttrice di Amnesty International Turchia

Idil Eser è stata fermata con altri sette attivisti un mese dopo l'arresto di Taner Kılıç, presidente di Amnesty International Turchia, detenuto in attesa del processo per presunta appartenenza alla rete dell'imam Gülen. Amnesty International ha chiesto l'immediato rilascio per tutti loro.


Ebrei e musulmani a confronto su antisemitismo e islamofobia

Esponenti delle due comunità si sono riuniti per trovare le buone pratiche contro pregiudizi, intolleranza, paura del diverso e superare le tensioni che minacciano la coesione sociale. Incontro proposto da COREIS e Daniele Nahum, con il patrocinio del Comune di Milano.


Le storie

​Mi dissero di venire sola

I Was Told to Come Alone, scritto nel 2017 da Souad Mekhennet, - giornalista e autrice tedesca di origine turco-marocchina - raccoglie alcune delle sue affascinanti conversazioni con gli estremisti islamici, in un’indagine sulle origini della loro radicalizzazione.


Il coraggio di agire

Sempre più spesso l'attuale emergenza migranti viene accostata alla fuga dei perseguitati durante la Seconda guerra mondiale. Se negli anni '40 molti Paesi hanno serrato le porte di fronte a chi fuggiva dal nazismo, c'è stato anche chi ha agito. L'esempio di Aristides de Sousa Mendes, console portoghese a Bordeaux.


Un Giardino dei Giusti a Clusone

Nel mese di maggio è stata proposta e discussa la creazione di un Giardino dei Giusti sull’altopiano di Clusone. Quale fu il ruolo di Clusone e della Val Seriana nell’attività salvifica dei Giusti? Sull’altopiano furono parecchi i casi di ebrei e fuggiaschi nascosti in cascine e contrade fuori dai centri abitati. Non può mancare quindi anche qui, uno spazio di raccoglimento e riflessione, in cui ricordare le azioni di tutti i giusti di questa valle incantevole.


Onorare gli "Schindler" turchi che salvarono gli armeni

Sono molti i tentativi di riportare alla luce le storie dei turchi ottomani che salvarono gli armeni durante il genocidio. Storie spesso dimenticate, ma su cui cresce una nuova consapevolezza. 


La Carta delle responsabilità 2017

La Carta delle responsabilità 2017 di Gariwo

"Partire dalle proprie responsabilità di individui, alzare la testa e interrogarsi su che cosa posso fare io, qui e ora, senza scaricare responsabilità e colpe sulla politica, sul sistema, sugli altri." Di Giovanni Cominelli


Responsabilità: essere presenti al proprio tempo

La responsabilità è diventata nel pensiero contemporaneo, in particolare quello che si è interrogato sulle conseguenze distruttive della capacità di intervenire sulla vita umana e sull’ambiente, la radice generativa dell’etica. Di Laura Boella


​Il senso delle parole: martire

Un mio vecchio professore di Filosofia, Enzo Paci, aveva inaugurato sulla sua famosa rivista “aut aut”, una rubrica fissa intitolata Il senso delle parole. La Carta delle responsabilità 2017 mi pare contenere una indicazione che va nella stessa direzione... Di Amedeo Vigorelli 


Faccia a faccia con un genocidio

Per comprendere che cosa sia un genocidio non serve aprire un libro di storia, visitare musei o memoriali. Basta prendere un volo low cost, poche ore da Roma con scalo a Istanbul o al Cairo, e atterrare a Erbil, capoluogo del Kurdistan iracheno. Di Simone Zoppellaro


  • Chi siamo

    Gariwo è l’acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide.

    Siamo una ONLUS con sede a Milano e collaborazioni internazionali.

    Dal 1999 lavoriamo per far conoscere i Giusti: pensiamo che la memoria del Bene sia un potente strumento educativo e serva a prevenire genocidi e crimini contro l'Umanità.

    Per questo creiamo Giardini dei Giusti in tutto il mondo e usiamo i mezzi di comunicazione, i social network e le iniziative pubbliche per diffondere il messaggio della responsabilità. Dal Parlamento europeo abbiamo ottenuto la Giornata dei Giusti, che ogni anno celebriamo il 6 marzo.

    La nostra attività è sostenuta da istituzioni, scuole, volontari, da un Comitato scientifico internazionale e dai nostri “Ambasciatori”.

  • I Giardini dei Giusti

    I Giardini sono come libri aperti che raccontano le storie dei Giusti.

    Sono spazi pubblici, luoghi di memoria ma anche di incontro e di dialogo, in cui organizzare iniziative rivolte a studenti e cittadini per mantenere vivi gli esempi dei Giusti non solo in occasione della dedica dei nuovi alberi, ma durante tutto l’anno.

    Il Giardino di Milano è nato nel 2003 nel parco del Monte Stella. Nel 2008 si è costituita l’Associazione per il Giardino dei Giusti - formata da Comune di Milano, Gariwo e UCEI - che ne cura le attività.

    Ogni anno sorgono nuovi Giardini nelle città e nelle scuole, in Italia e nel mondo. Il nostro obiettivo è creare una rete diffusa per connettere tutti i soggetti interessati a questi temi.

  • La Giornata europea dei Giusti

    Il 10 maggio 2012 i deputati di Strasburgo hanno accolto ad ampia maggioranza l’appello di Gariwo - sottoscritto da numerosi cittadini ed esponenti del mondo della cultura - istituendo la Giornata europea dei Giusti.

    A partire dalla definizione di Yad Vashem, abbiamo esteso il concetto di Giusto sino a includere gli uomini e le donne che, in ogni parte del mondo, hanno salvato vite umane in tutti i genocidi e difeso la dignità umana durante i totalitarismi. La data del 6 marzo è stata scelta perché coincide con la scomparsa di Moshe Bejski, l'artefice del Viale dei Giusti di Yad Vashem.

    Ogni anno celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere ovunque i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

  • La Carta delle responsabilità 2017

    La Carta delle responsabilità 2017 nasce dalla riflessione collettiva proposta da Gariwo con il ciclo di incontri La crisi dell’Europa e i Giusti del nostro tempo, organizzato in collaborazione con il Teatro Franco Parenti e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano e della Fondazione Corriere della Sera
    La Carta, ispirata all’esperienza di Charta ’77 e sottoscritta da importanti personalità della cultura e della società, rappresenta il nostro impegno etico per la memoria del Bene e l’educazione alla responsabilità, per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio e del nemico.

La conversazione

Il perdono responsabile

Perdono responsabile, giustizia riparativa, educazione alla responsabilità, tribunali internazionali e ruolo dell'Europa. La conversazione tra il presidente di Gariwo Gabriele Nissim e l'ex magistrato Gherardo Colombo, protagonista di inchieste come quella sull’omicidio Ambrosoli, Mani Pulite, la Loggia P2, IMI-SIR, Lodo Mondadori e SME.

L'isola dei Giusti

L'insegnamento di Lesbo: aiutare anche chi ti ha tradito nel passato

Se hai dovuto abbandonare una terra musulmana a seguito della tua religione cristiana, accoglieresti a casa tua migliaia di musulmani che oggi chiedono protezione? Non proveresti forse un senso di rivalsa che ti spingerebbe a voltare la testa dall’altra parte?
Le esperienze degli abitanti di Lesbo, dal libro di Daniele Biella. Di Gabriele Nissim, presidente di Gariwo.

Dal Giardino di Milano

Scelti i nuovi Giusti per il Monte Stella

L’Associazione Giardino dei Giusti di Milano ha scelto il tema e i Giusti per la cerimonia della Giornata europea dei Giusti 2018: “I Giusti dell’accoglienza. Oltre i confini per abbattere i muri”. Le figure che saranno onorate il prossimo 6 marzo sono Ho Feng Shan, Shero Hammo, Costantino Baratta Daphne Troumpounis.

La Carta delle responsabilita'

Abbiamo lanciato la Carta delle responsabilità 2017 «per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio». Ecco il testo della Carta, l’elenco dei firmatari e i messaggi di sostegno. Aiutateci a condividerla!