Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

​Un Giardino dei Giusti al Parlamento europeo
di Gabriele Nissim

​Un Giardino dei Giusti al Parlamento europeo

Le storie

​Le navi della speranza attraverso il Mediterraneo

Quella inaugurata presso il Memoriale della Shoah di Milano con il titolo Navi della speranza Aliya Bet dall’Italia 1945-1948 (in esposizione fino a giugno) è una mostra che ripercorre gli anni che segnarono l'epopea della Aliya Bet, la seconda 'salita' verso la Terra Promessa. Uno spaccato dell'avventura per portare clandestinamente sull'altra sponda del Mediterraneo gli ebrei scampati alla Shoah.


Il giornalista che ridisegnò la mappa d'Europa

L'11 aprile 2018 è apparso sul Corriere della Sera un articolo di Gian Antonio Stella che racconta la storia di un altro, unico, pezzo di giornalismo, quello che "svelò un genocidio, portò alla creazioni di quattro nuovi Paesi e segnò la sconfitta elettorale di un primo ministro britannico". Proponiamo una riflessione di Carlo Sala - della commissione didattica di Gariwo - sull'articolo dell'editorialista di Corriere.


Denunciata per una poesia

Sukmawati Sukarnoputri, figlia del primo Presidente indonesiano Sukarno, è accusata di blasfemia per avere scritto in un componimento che "ama la Costituzione laica del suo Paese più dell'Islam, e i volti scoperti più di quelli velati". 


L’eroe sconosciuto che salvava i bambini ad Auschwitz

Fredy Hirsch, l'atleta ceco che aiutò i bambini deportati a Terezin e Auschwitz con una combinazione necessaria di disciplina e igiene. Dall'agonismo alla pratica quotidiana della giustizia anche nelle situazioni più estreme, vi proponiamo la sua storia, raccontata su Haaretz il 5 aprile dalla docente di Storia della Shoah all'università Ben Gurion di Israele Michal Aharony.


L'insegnante olandese che salvò 600 bambini durante la Shoah

Johan Van Hulst, morto il 22 marzo all'età di 107 anni, durante la guerra dirigeva un college ad Amsterdam. Il suo istituto venne a trovarsi accanto a una sorta di "nursery" collegata a un campo di transito per la deportazione degli ebrei, e lui scelse di aiutare i bambini a fuggire, accogliendoli nelle classi e smistandoli presso famiglie di resistenti.  


La Francia unita contro l'antisemitismo

Dal'eroismo del gendarme Arnaud Beltrame, che ha dato la vita in cambio di quella di un ostaggio durante l'attentato di Trèbes, all'antisemitismo sconfinante in criminalità comune dell'uccisore dell'anziana ebrea Mireille Knoll


"Vi prometto: sarò la vita... che scorre e crea"

Pubblichiamo la lettera-appello di Pinar Selek, sociologa e attivista turca immersa dal 1998 in un incubo giudiziario - imprigionata e torturata prima, costretta a vivere in esilio poi - perché accusata di complicità con il PKK.


Le scuole ci scrivono...

Pensieri sul Bando "Adotta un Giusto"

Non tutti gli alunni vincitori del Bando "Adotta un Giusto 2017/18" hanno potuto essere presenti alla mattinata di premiazioni all'Auditorium Enzo Baldoni, alcuni hanno voluto lo stesso darci il loro contributo ed esprimerci quello che hanno provato nel conoscere le figure dei Giusti e ideare un lavoro su di loro.


"La mia storia, dal Gambia a Pozzallo"

Salimina Hydara è un giovane del Gambia, arrivato a Pozzallo nel 2016 dopo aver attraversato il deserto e il Mar Mediterraneo. In una toccante lettera ci racconta la sua storia, con parole semplici e dirette. Pubblichiamo il testo integrale, e ringraziamo la prof. Grazia Basile per averci inviato questa testimonianza.


Lettera aperta dagli studenti dell'IC Margherita Hack di Cernusco sul Naviglio

Pubblichiamo una lettera aperta che la classe 2^B dell'IC Margherita Hack di Cernusco sul Naviglio ha composto dopo la notizia della morte di Mireille Knoll a Parigi.


D'attualità

Tunisia, il Parlamento non rinnova la Commissione di Verità

La denuncia della giurista Farah Hached, autrice di un libro sulla difficile costruzione della democrazia nel Paese. La sua richiesta è di una proroga di sette mesi dell'attività di questo ente, senza allocazione di budget addizionale. 


Crisi razzismo in Ungheria

Viktor Orbán è stato eletto per la quarta volta premier in Ungheria l'8 aprile. Servono la partecipazione dei giovani alla vita politica e culturale e la diffusione del messaggio dei Giusti e della responsabilità personale per scongiurare nuovi attacchi alla fragile, divisa e contestata Unione Europea.


Tra armi chimiche e impasse diplomatiche

L'attacco contro la Ghouta e il presunto uso di armi chimiche da parte di Bashar al Assad nella città di Douma hanno provocato attacchi aerei USA, francesi e britannici che ci mettono di fronte a un rischio di ulteriore internazionalizzazione della guerra in Siria


"Liberate il prigioniero di coscienza Raif Badawi"

Il principe saudita bin al Salman ha visitato gli Stati Uniti e l'Europa. Alcune voci si sono levate per la difesa della democrazia e dei diritti umani in Arabia. Tra esse, quella di Ensaf Haidar, il cui marito Raif Badawi, Giusto al Giardino di Milano, è in carcere dal 2010, condannato a 1000 frustate per aver difeso la laicità sul suo blog. 


"Alcuni dei più gravi crimini contro l'umanità del nostro tempo sono avvenuti in Sinai"

Haaretz ha incontrato a Neve Shalom Wahat al Salam Alganesh Fessaha, Giusta nei Giardini di Milano, Tunisi e Neve Shalom. In questa intervista, Alganesh racconta senza filtri una realtà fatta di orrore, violenza, repressione, riduzione in schiavitù, che colpisce gli eritrei in patria e mentre cercano di fuggire.


Rinasce la Sinagoga di Berlino dopo 70 anni

Una prima sala della Sinagoga di Berlino era stata già riattivata, nel 1945, alla presenza del fotografo Robert Capa. Ora però il luogo di culto e di aggregazione rinasce effettivamente, con una facciata tutta bianca per ricordare che esiste un "prima" e un "dopo" gli assalti del 1938. 


Ambiente e popoli indigeni

Verso un "diritto all'ambiente"?

Ventiquattro Stati dell’America Latina e dei Caraibi hanno firmato un accordo legalmente vincolante contenente misure per proteggere i difensori ambientali. Una misura che dovrebbe essere presa anche dalle Nazioni Unite. Nel frattempo, gli attivisti continuano a morire mentre cercano di difendere il Pianeta.


Difendere la comunità indigena del Cherán

È stata assassinata a gennaio in Messico Guadalupe Campanur, 32 anni, attiva nella difesa del suo territorio; "Le eco-mafie - si legge su Greenreport.it - avevano nel mirino Guadalupe fin da quando fondò la Ronda Comunitaria de Cherán..." 


Dai cavalli a Cristoforo Colombo: tra storia e biologia

Non solo attivisti. Anche i teorici dello studio dell'ambiente hanno grande importanza per difendere l'umanità dai crescenti rischi del cambiamento climatico. Tra gli accademici impegnati in questo senso c'è Alfred Crosby, il primo storico a introdurre nell'analisi degli avvenimenti lo studio dell'ecologia. 


Guatemala, chi difende i difensori dell'ambiente?

Secondo il Guardian, sono 17 i defender uccisi nel 2018. Il guatemalteco Ronald David Barillas Díaz è stato ucciso il 9 gennaio nella città di Taxisco. Era attivo nel parlamento indigeno del popolo Xinca e in una consulta che valutava i rischi dell'attività mineraria. 


  • Chi siamo

    Gariwo è l’acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide.

    Siamo una ONLUS con sede a Milano e collaborazioni internazionali.

    Dal 1999 lavoriamo per far conoscere i Giusti: pensiamo che la memoria del Bene sia un potente strumento educativo e serva a prevenire genocidi e crimini contro l'Umanità.

    Per questo creiamo Giardini dei Giusti in tutto il mondo e usiamo i mezzi di comunicazione, i social network e le iniziative pubbliche per diffondere il messaggio della responsabilità. Dal Parlamento europeo abbiamo ottenuto la Giornata dei Giusti, che ogni anno celebriamo il 6 marzo.

    La nostra attività è sostenuta da istituzioni, scuole, volontari, da un Comitato scientifico internazionale e dai nostri “Ambasciatori”.

  • I Giardini dei Giusti

    I Giardini sono come libri aperti che raccontano le storie dei Giusti.

    Sono spazi pubblici, luoghi di memoria ma anche di incontro e di dialogo, in cui organizzare iniziative rivolte a studenti e cittadini per mantenere vivi gli esempi dei Giusti non solo in occasione della dedica dei nuovi alberi, ma durante tutto l’anno.

    Il Giardino di Milano è nato nel 2003 nel parco del Monte Stella. Nel 2008 si è costituita l’Associazione per il Giardino dei Giusti - formata da Comune di Milano, Gariwo e UCEI - che ne cura le attività.

    Ogni anno sorgono nuovi Giardini nelle città e nelle scuole, in Italia e nel mondo. Il nostro obiettivo è creare una rete diffusa per connettere tutti i soggetti interessati a questi temi.

  • La Giornata europea dei Giusti

    Il 10 maggio 2012 i deputati di Strasburgo hanno accolto l’appello di Gariwo - sottoscritto da numerosi cittadini ed esponenti del mondo della cultura - istituendo la Giornata europea dei Giusti il 6 marzo, data della scomparsa dell'artefice del Viale dei Giusti Moshe Bejski. A partire dalla definizione di Yad Vashem, abbiamo esteso il concetto di Giusto sino a includere quanti, in ogni parte del mondo, hanno salvato vite umane in tutti i genocidi e difeso la dignità umana durante i totalitarismi.
    Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

  • La Carta delle responsabilità 2017

    La Carta delle responsabilità 2017 nasce dalla riflessione collettiva proposta da Gariwo con il ciclo di incontri La crisi dell’Europa e i Giusti del nostro tempo, organizzato in collaborazione con il Teatro Franco Parenti e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano e della Fondazione Corriere della Sera
    La Carta, ispirata all’esperienza di Charta ’77 e sottoscritta da importanti personalità della cultura e della società, rappresenta il nostro impegno etico per la memoria del Bene e l’educazione alla responsabilità, per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio e del nemico.

Bando Adotta un Giusto 2017/18

La premiazione all'Auditorium Enzo Baldoni

Anche quest’anno in tantissimi studenti hanno partecipato al concorso “Adotta un Giusto”. Gli elaborati che hanno realizzato sono espressione della forza del messaggio dei Giusti sia per loro che per gli insegnanti. Scopri tutti i lavori dei partecipanti.

Guarda la galleria fotografica!
16 aprile 2018

Il genocidio armeno - 1915

Metz Yeghern, il Grande Male

Nel quadro del primo conflitto mondiale si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno, il primo del XX secolo. Con esso il governo dei Giovani Turchi, che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C. Le vittime furono circa i due terzi degli armeni dell'Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 di persone

103° anniversario del genocidio del popolo armeno
iniziative a Milano e dintorni

La riflessione

l'analisi

L'accoglienza tra ieri e oggi

editoriale di Anna Foa, storica e già docente all'Università La Sapienza di Roma, 3 aprile 2018

Respingimenti alle frontiere, barriere innalzate per contenere l’immigrazione, allarmi sull’invasione dei migranti non sono fenomeni nuovi, hanno precedenti e possibili confronti nel passato. Vorrei fare riferimento ad un evento che ha moltissimi elementi di somiglianza con quello che sta succedendo oggi e che coinvolge non le percezioni dei media, ma le politiche degli Stati. Si tratta della Conferenza internazionale di Evian del luglio 1938, convocata per risolvere il problema dei profughi ebrei dalla Germania nazista su iniziativa del Presidente americano Roosevelt...

Il libro

Il bene possibile. Calendario delle presentazioni

Scopri il nuovo libro di Gabriele Nissim Il bene possibile. Essere Giusti nel proprio tempo, partecipa alle presentazioni nelle diverse città italiane! Continua a seguire il sito di Gariwo per restare aggiornato sui nuovi appuntamenti e sugli ospiti che dialogheranno con l'autore in ogni data. La prima presentazione si svolgerà il 20 aprile, ore 18.30, presso la Libreria Feltrinelli di Largo di Torre Argentina, Roma. Con Anna Foa, Milena SanteriniGraziano Graziani e i saluti di Noemi Di Segni.

Scopri GariwoNetwork!

La rete dei Giusti

Scopri la pagina di GariwoNetwork, la rete per unire tutti i soggetti impegnati nella diffusione del messaggio dei Giusti!

La Carta delle responsabilita'

Abbiamo lanciato la Carta delle responsabilità 2017 «per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio». Ecco il testo della Carta, l’elenco dei firmatari e i messaggi di sostegno. Aiutaci a condividerla!