Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

​I trentasei Giusti del nostro tempo, alla vigilia del 6 marzo
di Gabriele Nissim

​I trentasei Giusti del nostro tempo, alla vigilia del 6 marzo

Giornata dei Giusti dell'umanità

Il bene possibile. Essere Giusti nel proprio tempo

Il nuovo libro di Gabriele Nissim, in libreria a partire dal 27 febbraio. Alternando alle storie gli insegnamenti di Socrate, Marco Aurelio, Hannah Arendt, Etty Hillesum, William Shakespeare o Baruch Spinoza, Il bene possibile (Utet) ci mostra come l’esercizio del pensiero e dell’empatia siano condizioni necessarie e sufficienti non soltanto per dirci umani, ma per restarlo nei momenti più difficili.


I Giusti dell'accoglienza al Monte Stella

Il 14 marzo 2018, alle ore 10.30, saranno onorati quattro nuovi Giusti al Giardino del Monte Stella di Milano - Ho Feng Shan, Hammo Shero, Costantino Baratta e Daphne Vloumidi - alla presenza delle autorità cittadine, del direttore di Gariwo Ulianova Radice e dei Giusti onorati o dei loro rappresentanti. Cerimonia pubblica


Nuovi Giusti nel Giardino Virtuale

Il Giardino Virtuale dei Giusti si arricchisce con nuove figure, che saranno onorate il 14 marzo 2018 alle ore 15.00 nella Sala dell'orologio di Palazzo Marino: Vito Fiorino, Emilia Kamvisi, Stratos Valiamos, Melinda McRostie, Eric Kempson, Efi Latsoudi e Cristoforos Schuff; Daniela Pompei e Maria Quinto; le Scolare di Rorschach; Mons. Andrea Ghetti; il Gen. Guglielmo Barbò di Casalmorano; Corrado Bonfantini; Erwin Kräutler; Fritz Michael Gerlich; Maria Vittoria Zeme.


Un concerto per i Giusti

Il 15 marzo alle ore 20.30, nella Sala Alessi di Palazzo Marino, si terrà il concerto della pianista Ani Martirosyan e della violinista Nobuko Murakoshi in onore delle figure esemplari onorate a Milano. Ad accompagnare i brani musicali, la voce dell’attrice Sonia Bergamasco, e le parole di Liliana Segre, senatrice a vita. Ingresso su invito


Le storie

Il monito morale di Simone Weil

Il New York Times ha ricordato la grande testimone della Shoah francese in un articolo a firma Robert Zaretsky. Proponiamo la traduzione di questo articolo sulla filosofa e mistica ebrea che si unì alla Francia libera e morì nel lager nel 1943.


"Sum Ebreu Che Scapum"

La famiglia ebrea Luzzati, in notti di fiato corto e cuore sospeso, comincia la sua fuga, e trova chi, senza volere nulla in cambio, l'avrebbe ospitata, protetta, salvata. Rosita Poloni ci racconta la testimonianza di Simonetta Luzzati presso Shorashim, in occasione del Giorno dedicato alla Memoria.


Il capo del Sindjar, un Giusto per gli armeni

Un estratto dal libro I disobbedienti (Guerini e Associati) di Pietro Kuciukian, console onorario d'Armenia in Italia e cofondatore di Gariwo, sulla figura di Hammo Shero, il capo yazida che accolse i profughi armeni durante il genocidio del 1915-16.


Cento volte Il Memorioso

Compie sette anni e raggiunge quota cento repliche, Il Memorioso, breve guida alla memoria del bene, lo spettacolo ispirato alle storie dei Giusti, tratto dai libri di Gabriele Nissim e realizzato dall'attore Massimiliano Speziani assieme alla regista attrice Paola Bigatto.


La frontiera fuori legge dell'Amazzonia

Il giornale inglese Guardian ci racconta la storia di Sairá Ka’apor, che difendeva una delle frontiere più pericolose del mondo, una regione dell'Amazzonia brasiliana, dove la sua comunità indigena lotta da generazioni per proteggere la foresta.Il suo assassinio nell'aprile 2017 pone i riflettori sulle minacce ai popoli indigeni. 


D'attualità

Una. Per tutti. Non per pochi.

Presentata la terza edizione del Festival dei Diritti Umani, di cui Gariwo è media partner, che si terrà dal 20 al 24 marzo alla Triennale di Milano. Il tema scelto per il 2018 è la salute del pianeta e i diritti connessi.


Israele, “i nemici dentro” del governo Nethanyahu

Difendersi dal nemico. Per Israele da sempre questa è una sorta di parola d’ordine. L’esercito si chiama non per caso Zahal (Esercito di difesa d’Israele). Nella maggior parte della popolazione israeliana è ben radicato il concetto che esistano sempre dei nemici dai quali difendersi.


​Il primo genocidio del ventunesimo secolo è passato sotto silenzio

Il primo genocidio del ventunesimo secolo, quello ai danni della comunità yazida, è passato sotto silenzio, in larga parte ignorato dalle cancellerie europee e dai media, che si sono limitati a pochi titoli nei giorni più drammatici di questa tragedia, per poi condannare all’oblio le sue vittime. Di Simone Zoppellaro


Migranti e accoglienza

L'Europa e i migranti

Inclusione, esclusione, cittadinanza. I migranti sono un "capitale umano" o un qualcosa di "altro" da temere e chiudere fuori dalle nostre porte? Un'analisi dell'ISPI vede l'Europa come terra che sta progressivamente chiudendo le proprie porte ai migranti, o aprendole sempre più solo a migranti altamente qualificati. 


Come funziona l'accoglienza migranti in Italia?

Ingresso, soggiorno, richiedenti asilo, rifugiati, rimpatri... Tutte parole su cui spesso c'è confusione. Abbiamo ricostruito il funzionamento dell'accoglienza nell'ordinamento italiano, tra leggi in mutamento e tentativi di adeguare l'approccio di governo ed enti locali. 


Bisogna temere i migranti?

L'Europa è destinataria di flussi di migranti solamente dagli anni '60. Prima, per secoli di storia, dalle sue terre emigravano milioni di persone. Oggi tuttavia, secondo stime dell'Unione Europea, entro il 2060 potrebbero arrivare nel nostro continente oltre 13 milioni di persone. Come può, soprattutto un Paese destinatario di sbarchi come l'Italia, affrontare adeguatamente il fenomeno? 


Fare dell'Europa un unico luogo sicuro

Daphne Troumpounis, albergatrice greca, e Costantino Baratta, pescatore siciliano, hanno entrambi, durante le recenti crisi degli sbarchi a Lesbo e in Sicilia, sfidato le leggi per compiere atti di salvataggio nei confronti dei migranti. In realtà essi hanno agito nel rispetto delle leggi, o almeno secondo norme consentite dai provvedimenti varati in un clima politico esasperato,


Il dibattito sulla Shoah in Polonia

Ex ambasciatori polacchi scrivono al governo

Pubblichiamo di seguito la lettera aperta scritta in questi giorni dagli ex ambasciatori polacchi, una preoccupata riflessione sulla gestione della politica estera del Paese, che potrebbe distruggere la sua posizione internazionale.


Kielce: storia di un pogrom

Con Pogrom di Kielce s’intende il massacro del 4 luglio 1946 ai danni della piccola comunità ebraica della città. Un episodio estremamente significativo, di cui scrivono Gabriele Nissim e Gabriele Eschenazi in "Ebrei Invisibili", una dettagliata indagine, utile per capire perché e da dove nascono le problematiche al centro del dibattito ancora oggi.


Polonia: gli appelli degli intellettuali e degli ebrei

Febbraio si apre con la legge sulla Shoah che dovrebbe tutelare lo Stato polacco dalle accuse di collaborazione nel genocidio perpetrato dai nazisti. Cosa ne pensa chi maggiormente potrebbe essere toccato da questo provvedimento? Ecco la lettera aperta degli ebrei polacchi e l'appello di alcuni autorevoli intellettuali del Paese che hanno preso posizione in merito al provvedimento che vieta l’uso dell’espressione “campi di sterminio polacchi”. 


  • Chi siamo

    Gariwo è l’acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide.

    Siamo una ONLUS con sede a Milano e collaborazioni internazionali.

    Dal 1999 lavoriamo per far conoscere i Giusti: pensiamo che la memoria del Bene sia un potente strumento educativo e serva a prevenire genocidi e crimini contro l'Umanità.

    Per questo creiamo Giardini dei Giusti in tutto il mondo e usiamo i mezzi di comunicazione, i social network e le iniziative pubbliche per diffondere il messaggio della responsabilità. Dal Parlamento europeo abbiamo ottenuto la Giornata dei Giusti, che ogni anno celebriamo il 6 marzo.

    La nostra attività è sostenuta da istituzioni, scuole, volontari, da un Comitato scientifico internazionale e dai nostri “Ambasciatori”.

  • I Giardini dei Giusti

    I Giardini sono come libri aperti che raccontano le storie dei Giusti.

    Sono spazi pubblici, luoghi di memoria ma anche di incontro e di dialogo, in cui organizzare iniziative rivolte a studenti e cittadini per mantenere vivi gli esempi dei Giusti non solo in occasione della dedica dei nuovi alberi, ma durante tutto l’anno.

    Il Giardino di Milano è nato nel 2003 nel parco del Monte Stella. Nel 2008 si è costituita l’Associazione per il Giardino dei Giusti - formata da Comune di Milano, Gariwo e UCEI - che ne cura le attività.

    Ogni anno sorgono nuovi Giardini nelle città e nelle scuole, in Italia e nel mondo. Il nostro obiettivo è creare una rete diffusa per connettere tutti i soggetti interessati a questi temi.

  • La Giornata europea dei Giusti

    Il 10 maggio 2012 i deputati di Strasburgo hanno accolto l’appello di Gariwo - sottoscritto da numerosi cittadini ed esponenti del mondo della cultura - istituendo la Giornata europea dei Giusti il 6 marzo, data della scomparsa dell'artefice del Viale dei Giusti Moshe Bejski. A partire dalla definizione di Yad Vashem, abbiamo esteso il concetto di Giusto sino a includere quanti, in ogni parte del mondo, hanno salvato vite umane in tutti i genocidi e difeso la dignità umana durante i totalitarismi.
    Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

  • La Carta delle responsabilità 2017

    La Carta delle responsabilità 2017 nasce dalla riflessione collettiva proposta da Gariwo con il ciclo di incontri La crisi dell’Europa e i Giusti del nostro tempo, organizzato in collaborazione con il Teatro Franco Parenti e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano e della Fondazione Corriere della Sera
    La Carta, ispirata all’esperienza di Charta ’77 e sottoscritta da importanti personalità della cultura e della società, rappresenta il nostro impegno etico per la memoria del Bene e l’educazione alla responsabilità, per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio e del nemico.

La riflessione

l'analisi

​Etty Hillesum sull’odio

editoriale di Klaas Smelik, direttore Centro Ricerche Etty Hillesum, 21 febbraio 2018

Con il dilagare di odio e antisemitismo in Europa e in Italia, provo ora a riassumere le riflessioni di Etty Hillesum sull’odio e sull’inimicizia. Quali erano gli aspetti fondamentali della sua concezione del mondo che volle comunicarci? Quali sono gli elementi che compongono questa sua idea? Pensieri e riflessioni che possono aiutarci a resistere a quelle che, in questi anni, ci si presenteranno come “le tristi voci e le minacce” e ci accerchieranno come dei “soldati nemici assediano una fortezza inespugnabile”.

Aspettando il 6 marzo

Il 14 marzo al Giardino dei Giusti di Milano sarà onorato, tra gli altri, Ho Feng Shan, il console cinese che nel 1938 a Vienna aiutò gli ebrei a fuggire dalla deportazione fornendo loro passaporti falsi per Shanghai.

Il "miracolo" di Shanghai

L’incredibile storia degli ebrei fuggiti a Shanghai. L’incontro con Ho Feng Shan. Un viaggio attraverso i continenti. L’arrivo in una terra lontana, l’estrema povertà e la convivenza tra due comunità. Tutto questo è contenuto nel documentario Above the Drowning Sea, di Nicola Zavaglia e René Balcer, con le voci di Julianna Margulies e Tony Goldwyn. L'intervista al regista del film, Nicola Zavaglia.

Ebrei a Shanghai, tra speranza e paradosso
intervista a Roberto Paci Dalò

Nuovi Giusti al Monte Stella

Il tema scelto per la cerimonia della prima Giornata dei Giusti dell’Umanità è “I Giusti dell’accoglienza. Oltre i confini per abbattere i muri”. Per questo al Giardino di Milano saranno onorati Ho Feng Shan, Hammo Shero, Costantino Baratta e Daphne Vloumidi. Scopri le loro storie!

6 marzo - tutte le iniziative

Scopri tutte le iniziative, in Italia e nel mondo, per la Giornata dei Giusti! Le trovi nella pagina, sempre aggiornata, 6marzo.eu.
Vuoi organizzare un evento nella tua città? Scarica il kit con le istruzioni e celebra con noi la Giornata dei Giusti dell'Umanità. 

Scopri GariwoNetwork!

La rete dei Giusti

Scopri la pagina di GariwoNetwork, la rete per unire tutti i soggetti impegnati nella diffusione del messaggio dei Giusti!

La Carta delle responsabilita'

Abbiamo lanciato la Carta delle responsabilità 2017 «per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio». Ecco il testo della Carta, l’elenco dei firmatari e i messaggi di sostegno. Aiutaci a condividerla!