Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Chi crede nel bene rende la natura più bella
di Gabriele Nissim

Chi crede nel bene rende la natura più bella

Il Giardino dei Giusti di Milano

Giardino dei Giusti: «Basta con le contestazioni»: l’appello di Liliana Segre

"Mi sono battuta con tutta la mia anima per la realizzazione del Memoriale della Shoah, perché occorre trasmettere ai giovani la consapevolezza che il male si può sempre ripetere. Vorrei essere altrettanto orgogliosa che Milano possa avere un Giardino dei Giusti amato da tutti, perché il più piccolo seme di bene piantato in un Giardino ci dà una luce di speranza per il futuro".


Il Ministero dei Beni Culturali blocca i lavori di riqualificazione

È un atto illegittimo perché "applica retroattivamente un regime di vincolo a un intervento già debitamente autorizzato dal Comune di Milano e i cui lavori sono iniziati da tempo", ha dichiarato l'Associazione per il Giardino dei Giusti, che intende presentare ricorso contro la decisione del Ministero.


Contro lo stop ai lavori del Monte Stella

La Soprintendenza ai Beni Culturali di Milano, su pressione del Ministero dei Beni Culturali, ha notificato la sospensione dei lavori di riqualificazione del Giardino dei Giusti. Riportiamo alcuni messaggi di sostegno al Giardino.


Come sarà il Giardino dei Giusti

L’Associazione per il Giardino dei Giusti ha dialogato, negli anni, con i tanti soggetti che sono entrati nel merito delle proposte e hanno lavorato per una ridefinizione positiva. Proprio per questo, nonostante il TAR avesse dato il via libera ai lavori della prima versione del progetto, abbiamo deciso di confrontarci ulteriormente con i cittadini. 


Giardino dei Giusti, una scelta di civiltà

Riproponiamo l'appello a sostegno del progetto di riqualificazione del Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano, diffuso nell'ottobre 2015 e sottoscritto, tra gli altri, da Nando Dalla Chiesa, Ferruccio de Bortoli, Umberto Ambrosoli, Silvio Garattini, Don Gino Rigoldi, Franco Origoni, Andrée Ruth Shammah, Marco Vitale, Andrea Riccardi ed Ennio Rota.


Le storie

La donna che accusa il proprio nonno di sterminio nella Shoah

L’americana Silvia Foti è cresciuta ascoltando storie sugli exploit anti-comunisti di Jonas Noreika. Poi ha appreso che era uno dei massimi responsabili dell’uccisione di 14.500 ebrei. La vicenda è un vero e proprio caso di scuola sui dibattiti sulla memoria nazionale in corso nei Paesi dell'est. 


Naufraghi senza volto. Dare un nome alle vittime del Mediterraneo

La notte del 3 ottobre 2013, intorno alle 4.30, un’imbarcazione si rovesciò al largo dell’Isola dei Conigli, a Lampedusa. Da questo episodio prende il via il racconto di Cristina Cattaneo, docente di medicina legale all’Università di Milano e direttrice del LABANOF. Si tratta di restituire una storia, un nome, ma anche la dignità, a resti umani privi di identità.


​Il custode della Memoria

Se qualcuno può essere definito il custode della Memoria, certamente quel qualcuno è Piotr Cywinski, il direttore del Museo di Auschwitz-Birkenau. Barba da rabbino, fisico imponente, sguardo azzurro slavo, è un personaggio interessante e anticonformista. Di Viviana Kasam


La Giornata dei Giusti a Milano

Concerto per l'Europa dei Giusti

Il 6 marzo alle 20.45, nel Duomo di Milano si terrà un Concerto d'organo per la Giornata dei Giusti dell'umanità. Con la partecipazione straordinaria di Antonella Ruggiero, il concerto vedrà alternarsi, all'organo, Emanuele Carlo Vianelli, Alessandro La Ciacera, Roberto Olzer e, all'arpa, Adriano Sangineto. Ingresso libero fino ad esaurimento posti a partire dalle 20


I Giusti per Europa e Africa al Monte Stella

Il 14 marzo, in occasione della Giornata dei Giusti, al Giardino di Milano saranno onorati Istvan Bibo, Simone VeilWangari Maathai, Denis Mukwege. Il tema scelto dall'Associazione per il Giardino dei Giusti è “L’Umanità a un bivio. Europa e Africa tra indifferenza e responsabilità”.


I Giusti 2019 del Giardino Virtuale

Il Giardino Virtuale “Giusti del Monte Stella” si arricchisce con nuove figure. Saranno onorati Adélaïde Hautval, Andrea AngeliMaria Bertolini Fioroni, Don Nino Frisia, Gherard KurzbachGuido Ucelli e Carla Tosi Ucelli, Ludwig “Luz” Long, Mons. JP Carroll AbbingGiandomenico Picco, Suor Leonella Sgorbati.


D'attualità

Domande sulla memoria

Oggi la memoria affronta nuove sfide, come si è visto di recente in Italia. Si parla del passato nazista cercando però di separarlo dalla storia attuale del Paese. A tutto questo, ha dato una risposta Liliana Segre, ricordando che non si possono paragonare le leggi razziali a quanto accade oggi ma che i meccanismi dell’indifferenza sono molto simili. Di Gabriele Nissim


"Da Facebook minacce, ma anche spazio per i media indipendenti"

Rappler, il sito di notizie online gestito dalla reporter filippina Maria Ressa, "conosce il meglio e il peggio di Facebook": il successo o la demolizione di un giornalista. Pubblichiamo la sua testimonianza uscita su Time


Il ruolo di Roosevelt nel salvataggio degli ebrei

La giornalista israeliana Dina Kraft riporta su Haaretz del 6 gennaio 2019 l'opinione di una decina di storici esperti di Storia della Shoah sulla figura di FDR, rispetto alla persecuzione, degli ebrei dipinta dalla mostra Americans and the Holocaust, organizzata dal Memoriale della Shoah di Washington


Ambiente e cambiamenti climatici

Come fermare la crisi climatica: sei lezioni dalla campagna che salvò l’ozono

Trent'anni fa tutti i 197 Stati membri delle Nazioni Unite si unirono allo scopo di bandire i gas che danneggiavano lo strato di ozono. Oggi ci dobbiamo unire per combattere una minaccia ancora maggiore. Cosa possiamo imparare dal 1989?


Gli oceani si riscaldano più rapidamente del previsto

La giornalista Kendra Pierre-Louis, sul New York Times del 10 gennaio 2019, ha esposto le ricerche più recenti sul riscaldamento degli oceani, preoccupante sintomo del più generale cambiamento del clima. Le conclusioni degli scienziati sono un po’ più ottimistiche di quanto ci si potrebbe attendere, anche se rimane molto da fare.


I teenager, la nuova forza europea per discutere il cambio climatico

I reporter del New York Times hanno incontrato i giovani europei che protestano contro l'inerzia dei governi sul clima. Sulla scia dello sciopero proposto dalla sedicenne svedese Greta Thunberg a Davos, sta nascendo un movimento che aspira a contare sempre di più. Abbiamo tradotto il reportage. 


Comprendere i cambiamenti climatici

Cosa sono i cambiamenti climatici? E quali strategie adottare per contrastarli? Lo abbiamo chiesto a Filippo Giorgi, responsabile della sezione di Fisica della Terra dell’International Centre for Theoretical Physics di Trieste e autore di un libro, L’uomo e la farfalla, in cui sono affrontati diversi aspetti legati ai cambiamenti climatici: cause, rischi, scenari, possibili soluzioni.


  • Chi siamo

    Gariwo è l’acronimo di Gardens of the Righteous Worldwide.

    Siamo una ONLUS con sede a Milano e collaborazioni internazionali.

    Dal 1999 lavoriamo per far conoscere i Giusti: pensiamo che la memoria del Bene sia un potente strumento educativo e serva a prevenire genocidi e crimini contro l'Umanità.

    Per questo creiamo Giardini dei Giusti in tutto il mondo e usiamo i mezzi di comunicazione, i social network e le iniziative pubbliche per diffondere il messaggio della responsabilità. Dal Parlamento europeo abbiamo ottenuto la Giornata dei Giusti, che ogni anno celebriamo il 6 marzo.

    La nostra attività è sostenuta da istituzioni, scuole, volontari, da un Comitato scientifico internazionale e dai nostri “Ambasciatori”.

  • I Giardini dei Giusti

    I Giardini sono come libri aperti che raccontano le storie dei Giusti.

    Sono spazi pubblici, luoghi di memoria ma anche di incontro e di dialogo, in cui organizzare iniziative rivolte a studenti e cittadini per mantenere vivi gli esempi dei Giusti non solo in occasione della dedica dei nuovi alberi, ma durante tutto l’anno.

    Il Giardino di Milano è nato nel 2003 nel parco del Monte Stella. Nel 2008 si è costituita l’Associazione per il Giardino dei Giusti - formata da Comune di Milano, Gariwo e UCEI - che ne cura le attività.

    Ogni anno sorgono nuovi Giardini nelle città e nelle scuole, in Italia e nel mondo. Il nostro obiettivo è creare una rete diffusa per connettere tutti i soggetti interessati a questi temi.

  • La Giornata europea dei Giusti

    Il 10 maggio 2012 i deputati di Strasburgo hanno accolto l’appello di Gariwo - sottoscritto da numerosi cittadini ed esponenti del mondo della cultura - istituendo la Giornata europea dei Giusti il 6 marzo, data della scomparsa dell'artefice del Viale dei Giusti Moshe Bejski. A partire dalla definizione di Yad Vashem, abbiamo esteso il concetto di Giusto sino a includere quanti, in ogni parte del mondo, hanno salvato vite umane in tutti i genocidi e difeso la dignità umana durante i totalitarismi.
    Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia: ogni anno il 6 marzo celebriamo l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza, della solidarietà.

  • La Carta delle responsabilità 2017

    La Carta delle responsabilità 2017 nasce dalla riflessione collettiva proposta da Gariwo con il ciclo di incontri La crisi dell’Europa e i Giusti del nostro tempo, organizzato in collaborazione con il Teatro Franco Parenti e con il patrocinio dell’Università degli Studi di Milano e della Fondazione Corriere della Sera
    La Carta, ispirata all’esperienza di Charta ’77 e sottoscritta da importanti personalità della cultura e della società, rappresenta il nostro impegno etico per la memoria del Bene e l’educazione alla responsabilità, per riaffermare il valore della pluralità in contrapposizione alla cultura dell’odio e del nemico.

La pagina 6 marzo

È online la nuova pagina dedicata alla Giornata dei Giusti, dove potrai trovare le informazioni su questa ricorrenza, gli aggiornamenti sugli eventi di Milano, gli approfondimenti sui Giusti del Monte Stella e una mappa con tutte le iniziative per celebrare il 6 marzo. Vuoi organizzare un evento anche tu? Scarica il nostro kit!

Aspettando il 6 marzo

Istvan Bibo

Si avvicina il 6 marzo, Giornata dei Giusti. Anche quest'anno, vi presenteremo ogni settimana le figure che saranno onorate il 14 marzo al Giardino dei Giusti di Milano. Iniziamo con Istvan Bibo, intellettuale ungherese, coscienza critica della nazione sulle collusioni con il nazismo e difensore della democrazia durante la rivoluzione del ’56. Scoprite la sua storia!

​István Bibó, il più grande democratico ungherese
di Julia Vasarhely
Dialogo con Gyorgy Litvan
Gabriele Nissim - Budapest, 1999
La lotta intellettuale e morale di Istvan Bibo
di Judith Bibo - Padova, 2000
Istvan Bibo, testimone della zona grigia
un saggio di Gabriele Nissim

La rubrica

Compagni di scuola

La fiducia che Victoria Akopian ha riposto nell’amicizia si è rivelata in grado di salvarla. Questa testimonianza dalla città Sumgait è una conferma del potere che il buon senso esercita sull’irascibilità: senza i suoi compagni di classe, la giovane Victoria, in quel funesto 28 febbraio del 1988 sarebbe andata incontro al massacro. Ma amicizia, buon vicinato e solidarietà hanno aiutato la giovane a sopravvivere per testimoniare. Di Pietro Kuciukian 

Dialogo con Svetlana Broz

Dalle guerre jugoslave a oggi

In occasione della Giornata della Memoria abbiamo avuto con noi Svetlana Broz, cardiologo, nipote del generale Tito, onorata come Giusta al Giardino di Milano per il suo impegno a favore della riconciliazione durante la guerra dell’ex Jugoslavia. Sul palco le abbiamo rivolto qualche domanda, per capire quali possono essere i segnali premonitori del Male e come contrastarli. 

La memoria dei Giusti per riscoprire l'anima dell'Europa
scopri la galleria fotografica