English version | Cerca nel sito:

Rassegna stampa | Gli atti di vandalismo al Giardino dei Giusti di Milano

Le scritte rosse che hanno imbrattato l'anfiteatro "Ulianova Radice" e, più in generale, gli atti vandalici che hanno deturpato il Giardino dei Giusti di Milano, a poco più di un mese dall'inaugurazione, hanno trovato molto spazio nei media locali e nazionali.

Tra i quotidiani stampati, il Corriere della Sera nell'edizione di Milano ha pubblicato un articolo di Stefania Chiale, che ha dato risalto alle risposte di solidarietà e in particolare alle parole del Ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini. Stesso tono negli approfondimenti di Avvenire, del manifesto e del Giorno, in un articolo firmato da Marianna Mazzana. Foto-notizie anche su Repubblica, La Stampa e Il Messaggero. La rassegna è consultabile a questo link.

Anche sul web è stato dato ampio spazio alla vicenda. Dalle agenzie di stampa (Ansa, Askanews, AdnKronos, Agcult) ai principali giornali online (Il Fatto Quotidiano, Fanpage, Today, Repubblica.it, Corriere.it, IlMessaggero.it, ilmanifesto.it, lastampa.it, mattino.it, Leggo.it, Il Giorno) sono molti i media online che hanno deciso di coprire la notizia.

Si parla del triste episodio anche su Mosaico, Gazzetta di Reggio, Virgilio.it e Riforma, l'organo di stampa delle chiese battiste, metodiste e valdesi.

11 novembre 2019

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano

Dal 13 novembre 2008 la gestione del Giardino dei Giusti di Milano è affidata all'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milanofondata dal Comune di Milano, dall'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e da Gariwo. Il 24 gennaio 2003, grazie alla proposta di Gabriele Nissim, Presidente di Gariwo, la foresta dei Giusti, è stato inaugurato a Milano il Giardino dei Giusti di tutto il mondo, nella grande area verde del Monte Stella. Nel Giardino vengono onorati gli uomini e le donne che hanno aiutato le vittime delle persecuzioni, difeso i diritti umani ovunque fossero calpestati, salvaguardato la dignità dell’Uomo contro ogni forma di annientamento della sua identità libera e consapevole, testimoniato a favore della verità contro i reiterati tentativi di negare i crimini perpetrati. 

A ciascuno di loro è dedicato un ciliegio selvatico, messo a dimora durante una cerimonia in sua presenza o con la partecipazione dei suoi familiari, con un cippo in granito deposto nel prato sottostante.

Il sito dell'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano