Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Memoria

Roberto Jarach nominato Presidente della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano

“Una carica impegnativa, contrassegnata da 10 anni di presidenza del Dr. Ferruccio de Bortoli che hanno consentito il superamento di molte difficoltà e il raggiungimento di risultati di grande rilievo”- dichiara Roberto Jarach, appena nominato Presidente della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano.


​ "La Russia deve ancora riprendersi dal trauma dello stalinismo "

Sergey Parkhomenko è un giornalista ed editore russo. In collaborazione con l’associazione Memorial, ha creato Last Address, un progetto per riportare alla luce le storie delle vittime dello stalinismo. In questo articolo riflette sulle contraddizioni e le amnesie della Russia di Putin.


La riscrittura della Storia in Europa Orientale

La rivista Foreign Affairs ha pubblicato la scorsa settimana un'interessante analisi di Volha Charnysh ed Evgeny Finkel sulle politiche nazionaliste dell'Europa Orientale e in particolare della Polonia, e su alcuni casi di controtendenza come quelli slovacco e romeno. Di seguito, la traduzione.


Gabriele Nissim Cavaliere dell’Ordine Nazionale al Merito francese

Il presidente di Gariwo Gabriele Nissim è stato nominato Cavaliere dell’Ordine Nazionale al Merito dal Presidente della Repubblica francese Emmanuel Macron “per il lavoro sulla memoria e lo sviluppo delle relazioni tra i nostri due Paesi”.


​Mattarella e il valore della responsabilità

Il gesto politico più importante, a ottanta anni dalle leggi razziali in Italia, è stato fatto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, con la nomina di Liliana Segre a senatrice a vita. È un riconoscimento che non solo ha grande valore per il nostro Paese, ma è un esempio per tutta l’Europa.


"Questi libri pieni d'odio? Ripubblichiamoli."

Il Mein Kampf, i Turner Diaries, ora i pamphlet antisemiti di Louis-Ferdinand Céline, il celebre autore di Viaggio al termine della notte, che si macchiò di razzismo e di filo nazismo. Il giornalista Padraig Reid propone su Haaretz una riflessione sulla scelta di pubblicare questi testi con commenti critici, anziché censurarli per il loro contenuto di odio. La presentiamo tradotta.


Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Multimedia

Fumetto e Memoria, I Giusti parlano ai giovani

l'iniziativa di Gariwo per la Giornata della Memoria 2016