Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

La rete dei Giusti

Giardini e scuole impegnate nella diffusione della memoria del Bene

Negli anni Gariwo ha lavorato con comuni, associazioni, istituzioni, scuole e semplici cittadini per diffondere in Italia e nel mondo il messaggio dei Giusti.
Ne è nata una rete di Giardini e didattica formata da realtà diverse, che si sono date appuntamento il 16 novembre 2017 al primo incontro del GariwoNetwork.
Ecco i numeri della rete:

La rete dei Giardini dei Giusti

Nel gennaio 2003 è nato a Milano il Giardino dei Giusti di tutto il mondo del Monte Stella, partendo dall’esempio del Giardino di Yad Vashem a Gerusalemme.

Da allora sono sorti numerosi Giardini in Italia e nel mondo. L’approvazione nel 2012 della Giornata europea dei Giusti ha dato un forte impulso alla nascita di questi luoghi della memoria, e oggi la rete conta 69 Giardini in Italia e 10 nel mondo.

I Giardini italiani sono presenti in tutte le Regioni del nostro Paese. La loro creazione ha coinvolto enti locali, scuole, associazioni e semplici cittadini, impegnati nella diffusione del messaggio dei Giusti. Molti Giardini sono nati in collaborazione con Gariwo, ma sono sempre di più le realtà che nascono spontaneamente ispirandosi all’esperienza del Monte Stella.

Questo l’elenco di tutti i Giardini in Italia, disponibile anche sul sito di Gariwo:

Agrigento; Albagiara; Assisi; Bellaria-Igea Marina; Benevento; Bergamo; Binasco; Bisceglie; Bitonto; Brescia; Busto Arsizio; Cadorago; Calcinate; Calvisano; Campobasso; Carpi; Catania; Cavriglia; Cittanova; Civita Castellana; Cologno Monzese; Cremona; Desenzano del Garda; Falconara - Scuola media; Ferrara - I. C. Perlasca; Finale Emilia; Firenze; Genova; Lamezia Terme; Legnago; Levico Terme; Linguaglossa; Maccarese - Fiumicino; Mantova; Marineo; Milano, Giardino Anna Politkovskaja; Milano, Monte Stella; Milano, Parco Valsesia; Milazzo; Molino dei Torti; Montichiari; Monza, Casa Circondariale; Offida; Orzinuovi; Padova; Palermo; Perugia; Pistoia; Pozzallo; Ravenna; Rimini; Riva del Garda; Roma; Roma - Auditorium Parco della Musica; Roma - liceo Cavour; Segni; Seveso; Solaro, Parco Groane; Spezzano Albanese; Tavazzano; Tolentino; Torino; Torino, Parco di Villa Genero; Torre de' Passeri; Trevi; Verano Brianza; Vercelli - I. C. Lanino; Vercelli, Parco Iqbal Masih; Vignate - I. C.

Fatta eccezione per quelli di Yad Vashem e Yerevan, Washington e Wilmington, i Giardini nel mondo sono nati su iniziativa di Gariwo, in collaborazione con Istituzioni culturali e associazioni locali e il nostro Ministero degli Affari Esteri. Siamo inoltre impegnati con la Farnesina per la costruzione di un progetto che valorizzi l’esempio dei diplomatici italiani, che hanno dato lustro all’identità dell’Italia nel mondo con il loro impegno a favore dei perseguitati nei momenti bui della storia.

Questo l’elenco di tutti i Giardini nel mondo, disponibile anche sul sito di Gariwo:

Sharhabil Bin Hassneh Eco Park (Giordania); Gyumri (Armenia); Levashovo, Memoriale (Russia); Neve Shalom - Wahat Salam (Israele); Tunisi (Tunisia); Varsavia (Polonia); Washington (USA); Wilmington (USA); Yad Vashem (Israele); Yerevan (Armenia).

La rete della didattica

Diffondere la conoscenza dei Giusti tra i giovani è tra i principali obiettivi di Gariwo. Il veicolo più efficace è il rapporto con la scuola: per questo negli anni abbiamo lavorato con oltre 500 insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado in tutta Italia. Lo abbiamo fatto attraverso progetti didattici, seminari, spettacoli teatrali, riflessioni, iniziative, interventi nelle scuole, creazione di Giardini, selezione di materiale didattico e attraverso il progetto europeo Wefor (premiato come progetto di eccellenza dalla Comunità Europea) e il Giardino Virtuale dei Giusti.

In particolare, abbiamo realizzato il Bando di concorso “Adotta un Giusto”, che prevede la realizzazione di elaborati a partire dalla frase “C’è un albero per ogni uomo che ha scelto il bene”: in soli due anni abbiamo avuto l’adesione di classi e Istituti da molte regioni d’Italia.

Abbiamo poi predisposto la scatola gioco I sentieri dei Giusti, che nel 2013 è stata consegnata a tutte le quinte elementari e prime medie degli Istituti milanesi, e negli anni successivi ha raggiunto le scuole elementari e medie di tutta Italia. Oggi la scatola gioco è disponibile su richiesta come parte del kit didattico da utilizzare in classe.

Gariwo raccoglie inoltre le richieste di visite al Giardino di Milano da parte delle scuole.
I volontari della commissione didattica accompagnano le classi e introducono insegnanti e studenti alla storia del Giardino, alle vicende delle figure esemplari in esso ricordate e al significato della nascita degli spazi dedicati ai Giusti. A partire dal 2014, circa 1500 studenti hanno visitato il Monte Stella insieme ai loro insegnanti.

Per il Giorno della Memoria e la Giornata europea dei Giusti, infine, vengono coinvolti ogni anno più di 1500 studenti delle scuole di ogni ordine e grado di tutto il Nord Italia.

13 novembre 2017

Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto