Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Salvare libri a Baghdad

la storia della Al-Qadiriyya Library

Uno dei libri custoditi nella biblioteca

Uno dei libri custoditi nella biblioteca (MEE/Tom Westcott)

Il Cultural Heritage Rescue Prize è il riconoscimento internazionale assegnato a chi salvaguarda, a rischio della vita, il patrimonio culturale. Quest’anno il premio è stato conferito alla Al-Qadiriyya Library di Baghdad, per “l’incredibile lavoro e l’eccezionale dedizione per preservare il patrimonio culturale e per rafforzare il dialogo e la tolleranza culturale e religiosa”.

Il riconoscimento è stato consegnato a Palermo, Capitale della Cultura, da Francesco Rutelli, presidente dell’Associazione Incontro di Civiltà e promotore dell’iniziativa. “Sono molto felice di aver ricevuto questo premio - ha dichiarato il direttore della biblioteca, Syed Khaled -. È la prima volta che la nostra istituzione, impegnata nella conservazione del patrimonio librario iracheno e mesopotamico, riceve questa attenzione internazionale e viene riconosciuta per il suo lavoro”.

Lavoro che è diventato cruciale nel 2003, dopo l’arrivo delle truppe USA in Iraq. Dieci biblioteche vennero distrutte nella sola Baghdad, un disastro nazionale oltre ogni immaginazione. La Al-Qadiriyya Library è tuttavia riuscita a salvare il suo tesoro. Uno dei libri più affascinanti che vi si possono ammirare è un testo del 13esimo secolo, che è riuscito a sopravvivere al saccheggio della città del 1258 ad opera del generale mongolo Hulegu - nipote di Gengis Khan - in cui morirono 800mila persone e durante il quale i mongoli bruciarono le biblioteche e gettarono i libri nel Tigri. Il libro custodito a Baghdad è uno dei pochissimi recuperati quel giorno dalle acque del fiume.

Nel 2003 la biblioteca non è stata oggetto di distruzioni per merito del grande coraggio e impegno di personale e volontari - persone comuni, non agenti o guardie armate. Il bibliotecario Abdulmajid Mohamed trascorse un intero giorno con altri membri dello staff nascondendo tutti i volumi più preziosi nei sotterranei e sigillando i nascondigli, anche con l’avvicinarsi degli scontri che insanguinavano le vie della città.
Una nuova minaccia è giunta alla biblioteca dopo il discorso del 2014 del Califfo Al Baghdadi e l’ondata di distruzioni portata avanti dall’Isis. Ancora una volta, l’impegno di Abdulmajid Mohamed e dei suoi colleghi ha permesso il salvataggio dei tesori della biblioteca, i cui scaffali oggi accolgono più di 80mila volumi. 

“Ci piacerebbe molto entrare in contatto con altre biblioteche nel mondo - racconta uno dei bibliotecari - ma qui non siamo abbastanza aggiornati per farlo. Non abbiamo neppure indirizzi email, siamo quasi tagliati fuori dal mondo. Ma siamo felici, e amiamo il nostro lavoro con tutti questi libri”. 

8 giugno 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Il libro

Spie e zie

Siegmund Ginzberg

Multimedia

Il progetto pilota di Roma

nato dall'incontro degli insegnanti