English version | Cerca nel sito:

Auschwitz e la cosiddetta liberazione sovietica della Polonia

di Norman Davies

Proponiamo di seguito la traduzione della riflessione di Norman Davies sul tema della "liberazione" di cui l'Unione Sovietica si è considerata in più episodi fautrice. 

Grazie alla commemorazione annuale ad Auschwitz e alla recente incursione di Vladimir Putin nella storia della Polonia, il tema della "liberazione" è di nuovo al centro dell'attenzione. Le persone devono riflettere su ciò che è realmente accaduto in Polonia, sia nel 1939 che nel 1944-45, e trarre le proprie conclusioni.

Nel settembre del 1939, all'invasione della Polonia da parte della Germania seguì l'invasione sovietica, in quanto le due potenze si spartirono il Paese in base a una clausola segreta del Patto nazi-sovietico. I sovietici si definirono "liberatori" dei bielorussi e degli ucraini che abitavano le regioni orientali dello Stato polacco distrutto. Forse tutti gli invasori e gli occupanti si descrivono in questi termini. Due anni dopo, invadendo l'Unione Sovietica, i tedeschi avrebbero sostenuto di "liberarla" dal bolscevismo. Quindi la "liberazione" può essere un concetto dubbio.

Cinque anni dopo gli eventi del 1939, gli eserciti sovietici tornarono in Polonia, alla fine della loro titanica e vittoriosa lotta con la Wehrmacht di Hitler. Ma la stessa domanda sorge ancora una volta: la loro avanzata è stata o no un atto di liberazione? Il presidente Putin direbbe "Sì". La maggior parte dei polacchi direbbe "No". Molti osservatori, me compreso, direbbero "Sì e no".

Nel corso del XX secolo, gli eserciti russi o sovietici hanno invaso la Polonia quattro volte. Per molti versi, la seconda occupazione sovietica del 1944-45 assomigliava alla prima occupazione sovietica del 1939-41, e all'invasione dell'Armata Rossa del 1920 durante la guerra polacco-sovietica, e all'invasione zarista russa della Galizia governata dall'Austria 25 anni prima, quando i cosacchi cavalcarono verso la periferia di Cracovia. In tutte queste occasioni, la propaganda degli invasori sosteneva a gran voce che la popolazione locale veniva liberata. Sir Bernard Pares era un ufficiale di collegamento britannico con l'esercito russo in Galizia nel 1915. "Stiamo liberando gli slavi", disse ai suoi capi a Londra, forse inconsapevole della cattiva condotta dei "fratelli slavi" in arrivo, che comprendeva conversioni forzate, arresti e deportazioni di massa.

Alla fine della Seconda guerra mondiale, le forze di Stalin presero il controllo politico completo di tutta la Polonia, annettendo solo le terre di confine orientali, o Kresy. Ancora una volta, al di là del fiume Bug, si sosteneva che i fratelli slavi fossero stati liberati. Alla popolazione locale non fu chiesto il proprio parere, ma era improbabile che fosse d'accordo. Negli anni precedenti, quella popolazione era cambiata drasticamente. Come risultato delle battaglie in prima linea e della guerra antipartigiana, fino a un quarto della popolazione della Bielorussia e dell'Ucraina occidentale era perita. Durante l'occupazione tedesca del 1941-44, gli ebrei furono uccisi in massa e praticamente eliminati. E nella fase finale, la campagna di pulizia etnica di un ramo del movimento nazionalista ucraino uccise decine di migliaia di polacchi.

Quando si parla delle posizioni rispetto all'occupazione sovietica del Kresy nel dopoguerra, quindi, ci si riferisce in larga misura alle posizioni dei restanti contadini bielorussi e ucraini. Qui il quadro è perfettamente chiaro. La maggior parte di quei contadini apparteneva alla Chiesa greco-cattolica (o Uniata), una confessione che era stata più volte perseguitata ferocemente dai russi. Sapevano per esperienza che l'arrivo dell'esercito sovietico sarebbe stato accompagnato da ogni sorta di imbroglio, dalla scomparsa del loro clero e dall'imposizione dell'ortodossia russa. Questa non era certo la ricetta per la "liberazione". Le lingue autoctone di quegli stessi contadini rientravano nella categoria del ruski - o "ruteno", un ramo della famiglia linguistica slava orientale. Poiché ruski è anche il nome della lingua russa, la maggior parte degli stranieri non è consapevole della lunga lotta intrapresa da bielorussi e ucraini per far accettare le loro forme di espressione come lingue separate e della complessità della questione. Ai tempi degli zaristi, i funzionari russi, che avevano ribattezzato la Bielorussia "Russia bianca" e l'Ucraina "Piccola Russia", insistevano sul fatto che i nativi di quei Paesi parlassero semplicemente dialetti russi; e punivano severamente chiunque pensasse il contrario. (Le loro opinioni possono essere facilmente paragonate a quella dei nazionalisti tedeschi che un tempo sostenevano che “l'olandese" non fosse altro che un dialetto "tedesco"). In epoca sovietica la politica linguistica era cambiata, e sotto Stalin la lingua bielorussa e quella ucraina erano inizialmente consentite. Eppure, alla fine degli anni Trenta, i nuovi intellettuali delle repubbliche sovietiche occidentali furono decimati con purghe e terrore; ed era ben noto nella vicina Polonia che oltre il confine vigesse questa idea "si era completamente liberi di parlare bielorusso o ucraino, purché non dispiacesse diventare un cadavere".

In particolare, i contadini della Polonia orientale prima della guerra erano fortemente attaccati alla terra, che possedevano e coltivavano. Fino agli anni Sessanta del XIX secolo, tre o quattro generazioni prima, erano stati tutti servi legati ai possedimenti dei loro signori e, a differenza dei loro compatrioti oltre la frontiera in Unione Sovietica, non erano mai stati collettivizzati dopo la loro emancipazione.

Nonostante le difficoltà dell'agricoltura di sussistenza, essi apprezzavano la loro libertà sopra ogni cosa. Erano ben informati del fatto che la collettivizzazione di Stalin solo un decennio prima aveva causato una miseria indicibile, una carestia diffusa e la morte di milioni di persone. Quindi l'ultima cosa che volevano era la collettivizzazione che l'esercito sovietico portava con sé. Erano stati ben lungi dall'essere soddisfatti sotto il dominio polacco anteguerra, ma avevano tutte le ragioni per aspettarsi che il dominio sovietico sarebbe stato decisamente peggiore. Meglio di chiunque altro, nel 1945, capirono che l'esercito sovietico stava scacciando gli odiati nazisti, ma allo stesso tempo stava costruendo un altro tipo di dittatura totalitaria che nessuno voleva.

Il che porta al contesto storico della liberazione di Auschwitz.

Non c'è alcun dubbio sulla necessità di celebrare la liberazione delle vittime sopravvissute di Auschwitz e di conservare il ricordo delle atrocità che i nazisti tedeschi e i loro complici commisero in Europa in generale e sugli ebrei in particolare. Lo slogan "Mai più" è assolutamente giusto e appropriato. Tuttavia, per rendere giustizia all'accuratezza della memoria storica, bisogna scavare un po' più a fondo e scoprire cos'altro stava succedendo in Polonia nel gennaio 1945. Per diversi decenni del dopoguerra, l'argomento è stato occultato dall'elaborata censura del Blocco Sovietico, ed è solo recentemente che la gente ha potuto scriverne e parlarne apertamente.

Auschwitz, bisogna ricordarlo, fu scelta dai sovietici come il principale di quelli che chiamavano "crimini del fascismo". Quando i soldati del primo Fronte Ucraino si avvicinarono al campo, si portarono delle cineprese per mostrare al mondo le spaventose immagini delle vittime emaciate, le montagne di scarpe, valigie e capelli umani, e le camere a gas. Mosca annunciò che quattro milioni di persone erano state uccise nel campo - una cifra che è stata ripetuta infinite volte fino al 1989, quando è stata rivista dal direttore del museo del campo e ridotta a "circa un milione”.

Bisogna dunque prestare attenzione ai dettagli e alla terminologia. Nonostante il linguaggio spesso usato, e nonostante il colossale numero di morti, Auschwitz non può essere semplicemente descritto come un "campo di sterminio", ma va classificato come una sorta di ibrido, costituito da un complesso di tre campi, ognuno con una funzione diversa.

Il KL Auschwitz I, nel quale i prigionieri entravano attraverso il famoso cancello d'ingresso dichiarante Arbeit macht frei, fu costruito nel 1940 come campo di internamento per prigionieri politici polacchi.

Auschwitz II Birkenau, costruito nel 1941, era più grande e univa un campo di concentramento ad alta intensità con un complesso esterno di camere a gas e forni di cremazione. Il campo conteneva strutture per permettere ai detenuti di mangiare, dormire e lavorare, ma il maggior numero di persone che morirono ad Auschwitz non entrarono mai nel campo, essendo inviati direttamente all'arrivo dalla rampa ferroviaria alle camere a gas. Circa 900.000 ebrei subirono quel destino.

Il KL Auschwitz III, costruito nel 1942, era un campo di schiavi-lavoratori al servizio della vicina fabbrica di combustibile artificiale, i cui lavoratori non erano destinati a lavorare fino alla morte.

Ognuno dei tre campi di Auschwitz si differenziava dai veri Vernichtungslager, o "campi di sterminio", di Treblinka, Bełżec e Sobibór, che prevedevano poco o nessun lavoro e che erano progettati esclusivamente per uccidere il maggior numero di vittime nel modo più rapido e agevole possibile.

E poi c'era KL Majdanek.

Costruito, come il KL Auschwitz II Birkenau, nel 1941, Majdanek fu progettato per gli stessi scopi, e sotto la gestione nazista causò un altro enorme numero di morti. A differenza di Auschwitz, però, che fu subito trasformato in museo dopo la guerra, si inserisce in un'altra categoria di campi di concentramento, come Buchenwald nella Germania orientale, che furono utilizzati sotto la gestione sovietica come centri per la repressione di nuovi gruppi di prigionieri.

Se si mettono insieme le storie di Auschwitz e Majdanek, quindi, si rivela il vero volto della cosiddetta liberazione. Proprio nello stesso periodo, nel gennaio del 1945, quando i prigionieri sopravvissuti di Auschwitz venivano rilasciati davanti alle telecamere, la NKVD, che in quel momento gestiva Majdanek, lo stava riempendo segretamente con un altro gruppo di detenuti ed evitava accuratamente ogni pubblicità.

Questa volta, l'ex campo nazista ospitava migliaia di membri del movimento di resistenza polacco in tempo di guerra, l'Home Army (AK), che erano alleati delle potenze occidentali e avevano combattuto duramente gli occupanti tedeschi. Molti di questi combattenti della resistenza erano alleati della Gran Bretagna, ispirati da ideali democratici ed erano arrivati in Polonia nel 1942-43 dall'Esecutivo delle Operazioni Speciali della Gran Bretagna (SOE). Ma erano considerati da Stalin come spie, voltagabbana e traditori. Dopo che la Gran Bretagna riconobbe il regime comunista del dopoguerra, in linea con l'Accordo di Yalta, il governo britannico perse ogni interesse per il loro destino. Nella mente della maggior parte degli occidentali, le lezioni della cosiddetta liberazione non furono mai apprese.

Norman Davies, professore dell'UNESCO presso la Jagiellonian University

Analisi di Norman Davies, professore dell'UNESCO presso la Jagiellonian University

28 gennaio 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Scopri tra gli Editoriali

Multimedia

I Giardini delle Giuste e dei Giusti

i progetti sui Giusti in Sicilia

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia