English version | Cerca nel sito:

Comunicato di Gariwo

Una nota in seguito all'ultimo editoriale di Antonio Ferrari

L’articolo di Antonio Ferrari, Le resistenze dei tradizionalisti. Papa Francesco in Iraq per un mondo “inclusivo” senza muri (pubblicato lunedì 8 marzo sul sito del "Corriere della sera”), usa delle espressioni offensive, generalizzanti e distorcenti la realtà, nei confronti di un’istituzione prestigiosa come Yad Vashem e verso quegli ebrei che chiama “tradizionalisti, nazionalisti, ottusi e bacchettoni”. Yad Vashem è sempre stata per la Fondazione Gariwo un riferimento, tanto che a esso e a Moshe Bejski, abbiamo dedicato la Giornata dei Giusti dell’umanità, e siamo consapevoli che in questa istituzione esiste un ricco dibattito con diversi punti di vista.

La Fondazione Gariwo è un’istituzione che raccoglie assieme persone di diverse idee, convinzioni politiche e religiose, col fine di far conoscere e onorare i Giusti di tutto il mondo. Ognuno è ovviamente libero di esprimere le proprie opinioni personali, ma il linguaggio usato da Ferrari è in questo caso diverso dalla nostra concezione, perché non amiamo le contrapposizioni e non ignoriamo la ricchezza e la varietà di posizioni all’interno del mondo ebraico.

Il nostro spirito è infatti sempre quello di spingere al dialogo, anche quando si affrontano i problemi nuovi e complessi del nostro difficile tempo che crea spesso pesanti lacerazioni.

Con il suo articolo, Ferrari è intervenuto contro un clima polemico che da alcuni mesi si è focalizzato in attacchi alla Fondazione Gariwo e ai Giardini dei Giusti. Attacchi che mettono in discussione la Giornata dei Giusti (6 marzo), che è stata approvata dal Parlamento Europeo e dal Parlamento italiano, e fraintendono volutamente le nostre posizioni, accusandoci di avere una concezione dei Giusti impropria e addirittura anti “israeliana”, quando invece si è realizzato in Italia e nel mondo uno straordinario lavoro di educazione alla democrazia, alla responsabilità, alla lotta all’antisemitismo e alla prevenzione dei genocidi.

Ferrari ha usato espressioni che generano stereotipi e per questo vanno discusse, ma si deve riconoscere il suo importante lavoro editoriale al Corriere della Sera per le Giornate della Memoria, il suo sostegno per il Memoriale della Shoah di Milano quando ancora era agli inizi e il suo impegno a sostegno della Senatrice Liliana Segre, quando la sua vicenda era ancora sconosciuta al largo pubblico.
Auspichiamo che si possa ritornare a un sereno di dibattito e confronto, superando un clima di denigrazione e di ostilità preconcetta che fa solo del male a tutti.

9 marzo 2021

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Gariwo, la foresta dei Giusti

una onlus al servizio della memoria

L'intento di Gariwo è di accrescere e approfondire la conoscenza e l'interesse verso le figure e le storie dei Giusti, donne e uomini che si sono battuti e si battono in difesa della dignità
Opera dal 1999 ma nasce ufficialmente nel 2001 come Comitato foresta dei Giusti-Gariwo e nel 2009 diventa onlus. Nel 2020 si trasforma in Fondazione.
È presieduta da Gabriele Nissim. 

Nel 2003 è nato il Giardino dei Giusti di tutto il mondo al Monte Stella di Milano, che dal 2008 è gestito dall'Associazione per il Giardino dei Giusti, di cui Gariwo fa parte con il Comune e l'UCEI.
Nel 2012, accogliendo l'appello di Gariwo, il Parlamento europeo ha istituito la Giornata europea dei Giusti - 6 marzo. Nel 2017 l'Italia è stato il primo Paese a riconoscerla come solennità civile, istituendo la Giornata dei Giusti dell'Umanità.

I nostri contatti

Scopri tra gli Editoriali