English version | Cerca nel sito:

​Covid: Vademecum per fare buon viso a un cattivo gioco

di Viviana Kasam

www.CGPGrey.com

Agli amici che lamentano le restrizioni ai movimenti, il tracollo del mercato, l’ansia quando non il panico, ho cominciato a rispondere: “hai ragione, ma ora dimmi una cosa positiva che l’epidemia ti ha fatto scoprire”.

L’elenco è non solo lungo, ma anche molto interessante. Ecco le prime risposte.

  • Ho ritrovato il tempo di leggere un buon libro, non solo legati al lavoro –i più gettonati: La Peste di Camus (che tra l’altro è risalita nelle classifiche nazionali), I promessi sposi e La storia della colonna infame del Manzoni, e Alla ricerca del tempo perduto di Proust.
    Ovvero, si torna alle buone letture
  • Ho montato con mio figlio il trenino della mia infanzia che da anni mi ripromettevo di tirar fuori dalla cantina. Quanti ricordi, e che gioia giocare insieme!
    Ovvero: si riscopre il piacere di giocare insieme ai figli, invece che ognuno appartato con il suo smart device.
  • Ho finalmente riordinato la casa, buttato via le cose vecchie, sistemato gli armadi.
    Ovvero il piacere dell’ordine e della pulizia, primo passo contro il consumismo dissennato.
  • Ho cominciato a fare una passeggiata a mezzogiorno nel parco con mia moglie, come quando eravamo fidanzati.
    Ovvero, il piacere della natura, e della condivisione amorosa.
  • La sera non arrivo a casa distrutta: ho ricominciato a sperimentare in cucina, e i miei figli, non andando a scuola, si divertono a inventare ricette con me.
    Ovvero, la gioia delle arti domestiche.

E ancora:

  • Il lusso del tempo libero, di non fare niente, star seduti sul divano a fare leparole incrociate.
  • Il piacere della conversazione: chi aveva tempo prima di stare mezz’ora a spettegolare al telefono?
  • Guardare le serie in Tv insieme a mia moglie: sono meno stupide di quanto pensassi.
  • I week end non pianificati: svegliarsi tardi, indulgere nella prima colazione, inventarsi il pomeriggio.
  • Mettere ordine nella memoria dello smartphone e del computer: far pulizia nelle email vecchie di anni, cestinare le foto ripetitive e quelle che non ci rendono giustizia
  • Riscoprire le bellezze dell’Italia fuori porta: questo per chi non sta nelle zone rosse..
  • MIO MARITO NON VA PIU’ ALLA PARTITA! Grido di giubilo della moglie di un tifoso.

E ora vi dico quello che ho scoperto io. Dopo anni passati a correre, con calendari infarciti di impegni, riunioni, appuntamenti, non dormendo più di quattro giorni nello stesso letto, facendo e disfando valigie, ho ritrovato IL PIACERE DELLA LENTEZZA. Alzarmi senza la sveglia, assaporare il cibo senza contemporaneamente rispondere al telefono e mandare una mail, lavorare con calma senza essere costretta in orari predeterminati, non viaggiare, non uscire la sera ma mettermi a letto con un libro e una pila di cd, bighellonare, giocare con il gatto, concedermi una passeggiata di un’ora ogni giorno. E scrivere…

Credo che questa epidemia, senza ignorare o sottovalutare la tragedia che crea, possa insegnarci a rivedere i nostri valori, a uscire dal circolo vizioso della velocità e dei consumi, a scoprire ciò che di bello cista intorno invece che andarlo a cercare sempre più lontano.

Viviana Kasam

Analisi di Viviana Kasam

9 marzo 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Scopri tra gli Editoriali