English version | Cerca nel sito:

"Il fondamentalismo è un castello"

di Hafez Haidar

Manifestazione a Parigi

Manifestazione a Parigi

7 gennaio, ore 11 circa, Parigi. Dopo aver sparato a un poliziotto, due uomini con il volto coperto irrompono nella redazione del settimanale Charlie Hebdo. In braccio hanno dei kalashnikov. Poco dopo aprono il fuoco e uccidono dieci tra giornalisti e vignettisti, per poi darsi alla fuga. Il cuore della Francia, Parigi, è stato colpito.

I figli dell’orrore dei Talebani e dell’Isis hanno inflitto un colpo spietato e criminale contro la stampa, la vera voce della democrazia e della libertà. Hanno ucciso a sangue freddo dodici persone, in nome di Allah, urlando ‘Abbiamo vendicato Maometto, abbiamo ucciso Charlie’. Tutto questo è stato compiuto atrocemente in nome di una fede che mette all’epicentro dei suoi dettami la fratellanza, la tolleranza e la convivenza pacifica tra i popoli.
Purtroppo, nonostante gli sforzi di pace di Papa Francesco e dell’Europa intera per costruire un ponte di dialogo tra Oriente e Occidente, oggi questi assassini hanno distrutto in un solo attimo tutto ciò che è stato un sogno per le intere nazioni arabe, gettando sui popoli dell’Islam fango e vergogna.
Il processo di pace tra mondo Arabo e Occidente è ormai appeso ad un filo.
Spetta ai capi arabi più che mai di reagire contro queste orde barbariche per mettere fine a un gruppo di assassini assetati di fama, successo e notorietà. Perché è questo che cercano i terroristi, propaganda a loro favore basata sul sangue degli innocenti.
Non bisogna cadere nel piano diabolico orchestrato dai fondamentalisti, che mira a creare odio, razzismo e fanatismo religioso tra Oriente e Occidente. Che ha tra i suoi obiettivi annientare le basi della civiltà e della democrazia e della convivenza tra i popoli.
Tocca al mondo intero e ai veri musulmani, reagire in maniera decisa contro i terroristi, per mettere fine a una pagina nera della storia dell’umanità senza ma e senza se.
Tutti insieme gridando: ‘Je suis Charlie’.

Il fondamentalismo è un castello
Edificato da uomini sanguinari
Sugli scheletri degli innocenti.
Il fanatismo è una finestra aperta da un popolo
Malato
Verso la distruzione, il degrado, l’inciviltà
E l’eterno pianto.

Hafez Haidar, scrittore e poeta italiano di origine libanese

Analisi di Hafez Haidar, scrittore e poeta italiano di origine libanese

8 gennaio 2015

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Scopri tra gli Editoriali

La storia

​Faraaz Hussein

il giovane che a Dacca ha rinunciato a salvarsi per non lasciare le sue amiche