English version | Cerca nel sito:

L'Italia non è un Paese per donne

di Silvia Golfera

https://suxnovae.wordpress.com/

Dal rientro dalle vacanze estive, c’è un’immagine, statica come una fotografia, che torna ogni tanto a visitarmi: è quella di una donna tutta vestita di nero. Indossa una tuta, maniche e pantaloni lunghi, berretto e occhiali scuri. Passava le giornate parcheggiata sotto l’ombrellone accanto al mio. Non l’ho mai vista allontanarsi da lì. Marito e bambini, in costume da bagno, scorrazzavano per la spiaggia, e pietosamente le portavano ogni tanto un gelato o una bottiglietta d’acqua. Quali pensieri avranno attraversato la testa dei suoi figli? La bambina, costumino rosa pieno di balze, gambette esili e veloci, quale immagine costruirà di sé adulta?

Poi si è aggiunto altro.

In questi giorni, a pochi chilometri da casa mia, una donna è stata uccisa a bastonate dal marito.

Per l’ennesima volta in un Paese la cui Costituzione recita “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso”, rompere un rapporto con un uomo può costare la vita.

E ancora una ragazza, la cui intimità finisce esposta al pubblico in una sorta di moderna flagellazione, viene spinta al suicidio. Lo stesso linciaggio colpirebbe un uomo che esibisse le sue prestazioni?

Sul medesimo social network che ha dato la povera Tiziana in pasto agli sciacalli, ecco la foto di un gruppo di sindaci della mia regione: nella fila conto una donna. Evidentemente le quote rosa si arrestano alla soglia del potere.

Possibile che in oltre 60 anni di democrazia l’Italia non abbia saputo esprimere un primo ministro o un presidente donna? Non sono mancate figure di grande spessore, a cominciare da Nilde Iotti fino a Emma Bonino.

Forse neppure l’Italia, nonostante le dichiarazioni, è un Paese per donne.

Per capirlo basta qualche elementare, basica attenzione al linguaggio, e ci si accorge di quanti modi di dire, barzellette, tic linguistici sessisti passino di bocca in bocca, come se fossero neutri. I termini “troia” e “puttana” sono talmente abituali da essere utilizzati anche in riferimento al sesso maschile, perché chiaramente non esiste un vocabolo corrispondente, ugualmente carico di disprezzo, riferito all’uomo.

Certo vent’anni di berlusconismo hanno fatto scuola, ma i suoi discepoli, che vanno ben oltre lo schieramento politico del suo pifferaio, erano (e sono) ben felici di farsi incantare da un modello culturale che sotto l’apparenza della “modernità” resuscita quanto di più ancestrale tanti continuano a portarsi dentro: un sentimento confuso fatto di pregiudizio, disprezzo, macismo, diffidenza nei confronti delle donne.

Ma forse al mondo non esistono paesi per donne.

Per millenni le donne hanno subito le discriminazioni più feroci, si è dubitato della loro appartenenza al genere umano, della loro natura spirituale, della capacità di accedere al pensiero, le si è ritenute incapaci di controllare gli impulsi, facendo da specchio e da parafulmine a tutte le paranoie maschili.

Sono state per secoli derubate del loro corpo, il cui controllo era il contraltare della mancanza di controllo dell’uomo.

Quando oggi si parla di razzismo e di discriminazione, troppo facilmente si omette di dire che le privilegiate vittime di tali fenomeni sono state, e continuano a essere, le donne.

La donna in nero viene a ricordarmi che anche io appartengo a una “razza” in bilico, il genere femminile, la cui libertà e la cui dignità sono perennemente a rischio.

Non solo nel mondo islamico, irreparabilmente malato di misoginia, ma anche in quello occidentale, che purtroppo ha debolissimi anticorpi per combatterne la malattia e rischia, al contrario, di venirne contagiato. Napolislam, il documentario di Ernesto Pagano, racconta lucidamente come la sottocultura delle periferie ben si sposa con una religione autoritaria e misogina, che libera i suoi adepti dalla fatica di pensare.

La donna in nero mi ricorda che quel sudario è stato pensato per tutte le donne e anche per me. E che “la dignità sociale” e i diritti delle donne stanno ben poco a cuore anche a chi dovrebbe difenderli.

Silvia Golfera

Analisi di Silvia Golfera

22 settembre 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Gariwo, la foresta dei Giusti

una onlus al servizio della memoria

L'intento di Gariwo è di accrescere e approfondire la conoscenza e l'interesse verso le figure e le storie dei Giusti, donne e uomini che si sono battuti e si battono in difesa della dignità
Opera dal 1999 ma nasce ufficialmente nel 2001 come Comitato foresta dei Giusti-Gariwo e nel 2009 diventa onlus. Nel 2020 si trasforma in Fondazione.
È presieduta da Gabriele Nissim. 

Nel 2003 è nato il Giardino dei Giusti di tutto il mondo al Monte Stella di Milano, che dal 2008 è gestito dall'Associazione per il Giardino dei Giusti, di cui Gariwo fa parte con il Comune e l'UCEI.
Nel 2012, accogliendo l'appello di Gariwo, il Parlamento europeo ha istituito la Giornata europea dei Giusti - 6 marzo. Nel 2017 l'Italia è stato il primo Paese a riconoscerla come solennità civile, istituendo la Giornata dei Giusti dell'Umanità.

I nostri contatti

Scopri tra gli Editoriali