English version | Cerca nel sito:

La nostra umanità contro il terrorismo

di Gabriele Nissim

Le immagini dell'attentato all'aeroporto di Istanbul

Le immagini dell'attentato all'aeroporto di Istanbul Ozan Kose, Afp

I terroristi integralisti e totalitari sono come i nazisti. Sono contenti quando uccidono. Il loro piano è quello di dividere l'umanità. Chi non è come loro non ha il diritto di vivere. Vogliono creare paura tra la gente per portare avanti il loro piano.

Dobbiamo creare una grande alleanza tra tutti i democratici - europei, arabi, ebrei, musulmani, credenti, laici, tutte le persone di buona volontà e con un cuore umano - per sconfiggerli. Sarà una battaglia molto lunga perché non sono quattro pazzi, ma hanno dato il via a un pensiero e a una filosofia che hanno creato molti proseliti. Ci sono tanti giovani che credono alle loro follie, come c'erano tanti giovani che credevano al nazismo. Dobbiamo fare un grande lavoro di educazione per non dare spazio al loro pensiero. La gente ha oggi tanta paura perché non esiste una politica chiara e condivisa per sconfiggerli. Se viene a mancare una politica che chiami questo nuovo nemico dell'umanità con il suo nome (integralismo omicida e totalitario) e che ci veda tutti uniti, avranno spazio tutti coloro che vogliono creare muri e divisioni e non vogliono la condivisione e il dialogo tra le culture. Quando ero ragazzo ero orgoglioso di dire ad alta voce che ero antifascista e lottavo per la libertà e contro l'antisemitismo. Anche oggi dobbiamo essere orgogliosi e risoluti nel dire che siamo uniti contro questi nemici della bellezza, dell'amore, della felicità, del gusto della vita, del piacere dell'amicizia. Li sconfiggeremo per un motivo molto semplice: noi amiamo l'umanità.

Oggi, dopo il nuovo terribile attentato che ha colpito la Turchia - un Paese sempre più fragile, perché guidato da un leader come Erdogan che con le sue leggi liberticide e la sua ambiguità in tutte le sue relazioni internazionali ha aperto la strada alle scorrerie dei terroristi dell’Isis - dobbiamo pensare e agire politicamente con coraggio e determinazione.

Ci sono momenti in cui chi ama la libertà e la democrazia deve avere la forza di mettersi in gioco e sostenere tutti coloro che oggi nel mondo sono impegnati nella resistenza al fondamentalismo.

Per questo ha un grande valore morale e simbolico l’iniziativa che stiamo realizzando a Tunisi con l’Ambasciata italiana, il Ministero degli Esteri e il Premio Nobel per la pace Ben Moussa.
Il 15 di luglio inaugureremo il primo Giardino dei Giusti in un Paese arabo, per onorare Khaled al Asaad, Hamadi Abdesslem, Mohamed Bouazizi, Khaled Abdul Wahab.

Sono arabi e musulmani giusti che in questi momenti difficili ci danno grande speranza. Insieme a uomini come loro è possibile sconfiggere il nuovo male radicale che minaccia l’umanità.

Gabriele Nissim, presidente di Gariwo

Analisi di Gabriele Nissim, presidente di Gariwo

29 giugno 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Scopri tra gli Editoriali

Il libro

Sottomissione

Michel Houellebeqc

La storia

Amina Wadud

docente di studi islamici presso il Dipartimento di filosofia e studi religiosi dell'Università americana della Virginia