Gariwo
https://it.gariwo.net/editoriali/rivoglio-il-mio-afghanistan-25358.html
Gariwo

"Rivoglio il mio Afghanistan"

di Rahel Saya

L’articolo che segue è scritto da Rahel Saya, una giornalista afghana fuggita da Kabul dopo la presa dei talebani e oggi rifugiata in Italia. È stato scritto poco prima di un attacco terroristico suicida che lo scorso venerdì ha colpito il centro educativo di Kaaj, nell’area occidentale di Kabul, in cui sono morti decine di adolescenti, per lo più ragazze di etnia hazara. All'attacco sono seguite manifestazioni in tutto il mondo organizzate dalla diaspora hazara, accomunate dall'hashtag #StopHazaraGenocide.

L'Afghanistan è un Paese con 40 milioni di persone, un Paese nel cuore dell'Asia, il 41° Paese più grande del mondo. Dopo 21 anni, è di nuovo sotto il dominio dell'Emirato islamico.

Quanto questa situazione sia difficile, è l'argomento di questo articolo, scritto da un'afghana che vuole raccontare la realtà del suo Paese con tutti gli eventi negativi accaduti in un anno e un mese. Da 403 giorni il popolo afghano, soprattutto le donne e i bambini, è stato privato dei suoi diritti più elementari. Il diritto all'istruzione è stato tolto alle ragazze e il futuro non sembra altro che un'immagine oscura.

La situazione prima dei talebani

Nei 21 anni che hanno preceduto l'ascesa al potere dei talebani nel 2021, il popolo afghano, soprattutto le donne, è uscito dalla prigione di ferro del precedente governo talebano e ha iniziato a lottare per i propri diritti costituzionali e umani.

Le donne afghane hanno studiato con tutte le loro forze e il loro entusiasmo. Sono entrate in politica e hanno lavorato nella società civile. Hanno lottato contro la violenza, sia nascosta che visibile, e hanno fatto molti sacrifici per affermare la loro identità e libertà. E nonostante tutte le sfide, le donne e le mend dell'Afghanistan hanno ottenuto risultati significativi in tutti i campi politici, sociali, economici e culturali. L'Afghanistan aveva gradualmente acquisito il colore e il profumo dello sviluppo. Anche se c'erano problemi e la guerra era in corso in tutte le parti dell'Afghanistan (e le principali vittime della guerra erano le donne), il popolo afghano aveva ancora speranza per il futuro.

Per 21 anni, le donne afghane hanno potuto studiare fino al livello del dottorato, hanno adempiuto alle loro responsabilità di cittadinanza e partecipato in campo politico, sociale ed economico fino a candidarsi alla presidenza. Per 21 anni, gli uomini hanno gradualmente accettato che le donne potessero lavorare anche fuori casa, fianco a fianco con loro in organizzazioni pubbliche e private. Durante questo periodo molti dei nostri compatrioti maschi, rifugiati nei Paesi vicini, sono tornati in Afghanistan. Pur avendo sempre avuto uno spirito patriarcale, hanno dovuto accettare il fatto che le donne non dovessero essere confinate nelle case. Nonostante abbiano affrontato molte minacce, anche nell'ambiente di lavoro, come molestie per strada, stupri, calunnie e diffamazioni, le donne afghane non hanno mai rinunciato alla loro volontà e libertà.

Prima del 2021, l'Afghanistan si stava avviando verso la modernizzazione, grazie a migliaia di chilometri di strade, linee aeree, strutture e Internet. Migliorando il livello di istruzione, la salute e il tenore di vita, i giovani uomini e le donne del mio Paese hanno visto il progresso come una base per un futuro più luminoso.

Cosa è successo ad agosto 2021

Dal 5 al 14 agosto 2021, le province dell'Afghanistan sono cadute una dopo l'altra, e infine il 15 agosto i militanti talebani afghani sono entrati a Kabul e hanno preso il controllo della città. Si chiudevano così i 21 anni della Repubblica ed entrava in vigore il governo dell'Emirato Islamico. La caduta di Kabul, tuttavia, nel giro di poche ore dai primi momenti, ha sollevato grandi interrogativi: Come è potuta accadere una cosa del genere? Perché "l'esercito afghano di 300.000 uomini" non ha opposto la minima resistenza? Queste domande rimarranno per sempre senza risposta nella mente del popolo afghano.

Non era affatto scontato che i talebani potessero governare l'intero territorio dell'Afghanistan.

Il governo e l'esercito afghani non hanno opposto resistenza e hanno accettato rapidamente il dominio talebano. Lo stesso giorno, l'esercito americano ha lasciato frettolosamente l'Afghanistan e il suo popolo da soli sul campo di battaglia. Ora, il 15 agosto è riconosciuto come festa nazionale ufficiale in Afghanistan. In quel giorno, i talebani hanno celebrato l'anniversario della presa del potere. A Kabul si sono tenute attività per commemorare questo giorno e molte persone locali hanno celebrato la fine dell'occupazione dell'Afghanistan con slogan antiamericani. Il popolo afghano chiama il 15 agosto il giorno della "storia nera", mentre i talebani lo definiscono la "vittoria della Jihad" contro l'America e i suoi alleati. Dopo l'ascesa dei talebani in Afghanistan, le donne hanno perso completamente tutte le loro conquiste.

Le scuole femminili oltre la sesta classe sono state chiuse. Alle donne è stato tolto il diritto di continuare a lavorare e sono state imposte loro tutte le restrizioni del caso. Coloro che hanno alzato la voce per la giustizia e il cui slogan era "Pane, lavoro, libertà e partecipazione politica", sono state prelevate con la forza dalle loro case e trasferite in una prigione sconosciuta. Non c'è sicurezza, soprattutto per le donne, e la gravità di questi crimini e violenze non è correttamente denunciata e documentata. Povertà, fame e miseria minacciano la vita di milioni di afghani. La violazione dei diritti delle donne, la disuguaglianza di genere, la discriminazione e il pregiudizio nei confronti dei diritti civili peggiorano di giorno in giorno e hanno completamente distrutto la libertà di espressione.

Reporters Senza Frontiere e l'Associazione dei giornalisti liberi dell'Afghanistan hanno pubblicato un rapporto congiunto in cui si afferma che, con la presa del Paese da parte dei talebani, il 40% delle attività dei media è stato interrotto e l'80% dei giornalisti, comprese le donne, è disoccupato.

In questo rapporto, pubblicato il 21 dicembre 2021, si afferma che la caduta di Kabul ha avuto un impatto negativo sul lavoro dei giornalisti, soprattutto delle donne, in questo Paese, e che, durante questo periodo, 6.400 tra giornalisti e professionisti dei media hanno perso il lavoro. Le giornaliste sono quelle che hanno sofferto di più: quattro su cinque hanno perso il lavoro.

Secondo il rapporto, attualmente non ci sono giornaliste in 15 delle 34 province dell'Afghanistan.

Solo pochi giorni fa i talebani hanno imposto nuove restrizioni alle donne che lavorano nei media:

- Le donne e gli uomini che conducono programmi insieme devono essere separati d'ora in poi.
- Le donne non hanno il diritto di intervistare ospiti maschili.
- Le donne dei media devono indossare abiti neri.
- Lo spazio di lavoro di donne e uomini non deve essere lo stesso.

Nessuno, se non un afghano, può capire quali giorni bui e sporchi abbia vissuto il popolo afghano nell’ultimo anno e un mese. Il mondo vede solo le immagini della situazione, ma nessuno, tranne un afghano, può sentire quanto siano dolorose queste immagini. Non possiamo ignorare che l'Afghanistan sta vivendo una situazione molto critica e, tra tutti i problemi, quello dell'economia è uno dei più preoccupanti. Molte organizzazioni internazionali hanno avvertito di un peggioramento della crisi economica in Afghanistan dopo il governo dei talebani: circa 500.000 persone, la maggior parte delle quali donne, hanno perso il lavoro e il tasso di disoccupazione è in costante aumento. Il settore commerciale ed economico, inoltre, è stato duramente colpito. Gli aiuti internazionali sono stati bloccati e il governo talebano ha dovuto affrontare molte restrizioni economiche.

E il futuro?

Vorrei davvero disegnare il futuro con l'immagine che custodisco del mio mondo di ragazza. Il mio Afghanistan, con le sue alte montagne, i suoi grandi deserti e i suoi prati verdi. Con ragazzi e ragazze nelle scuole, uomini e donne che lavorano insieme, genitori con i loro figli nei cortili e nelle strade, nonne e nonni che fanno assemblee serali fuori dalle case, contadini nei campi con i loro bollitori di tè verde. La vera pace, di nuovo, nel mio Afghanistan. So che sembra impossibile, ma non sono senza speranza e credo che dopo questa grande oscurità che ha inghiottito il mio popolo ci sarà una luce. Una luce che non permetterà a nessun'altra oscurità di entrare. Questo sogno non è solo il mio, ma il sogno di ogni afghano. Chi è che non vuole la libertà e la pace? Chi non vorrebbe chiudere gli occhi e godersi un dolce sonno senza preoccupazioni? Quale persona non vorrebbe assaporare il vero e dolce sapore della libertà e la possibilità di mostrare il proprio vero io? Oggi considero la mia responsabilità quella di essere la voce del mio popolo. E voglio che tutte le organizzazioni nazionali e internazionali siano al fianco del popolo afghano. Nel corso della storia, il mondo è stato testimone di tutte le miserie dell'Afghanistan. Non lasciamo soli i veri combattenti e le vere vittime della storia dell'Afghanistan, che sono donne e bambini. I nostri sforzi saranno ripagati e un giorno scriverò di nuovo del nostro impegno costante. Prendiamo per mano il popolo afghano da ogni angolo del mondo e non lasciamo che sopporti da solo questi giorni terribili, una delle cose più utili che possiamo fare è dire: Siamo con voi!

Rahel Saya

Analisi di

5 ottobre 2022

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Grazie per aver dato la tua adesione!

Scopri tra gli Editoriali

carica altri contenuti