English version | Cerca nel sito:

​Ruanda, i Giusti e la speranza per l’umanità

di Kizito Kalima

Un murale dedicato ai Giusti per il genocidio ruandese

Un murale dedicato ai Giusti per il genocidio ruandese C215

Essere umani significa dividere gli altri uomini in categorie. La maggior parte delle persone tratta quelli che mettiamo nel nostro gruppo con gentilezza e quelli che non fanno parte del nostro gruppo con animosità. Troppo spesso quell'animosità porta le persone a infliggere gli atti più diabolici che possiamo immaginare a quelli considerati “non del nostro genere". Tuttavia, alcune persone nei momenti più bui scelgono di comportarsi diversamente. Trattano i perseguitati con benevolenza. Dobbiamo imparare cosa spinge le persone a scegliere la luce sull'oscurità se vogliamo evitare di ripetere gli episodi più oscuri dell'esistenza umana.

Ventisei anni fa, in Ruanda, le persone collocate nella categoria denominata "Hutu" hanno massacrato circa un milione di quanti erano stati inseriti nel gruppo chiamato "Tutsi" per non aver commesso altri crimini se non quello di essere "Tutsi". Il massacro è durato solo 100 giorni. Migliaia di altri Tutsi sono stati torturati e violentati e migliaia hanno visto morire i propri cari. Da adolescente, sono stato ferito durante questo genocidio e ho visto i miei cari assassinati. Una settimana dopo l'inizio delle violenze, una banda di assassini stava per uccidermi. Sono sopravvissuto perché un uomo si è gettato sopra di me per parare il colpo con il suo corpo.

Di recente ho fatto il mio primo viaggio in Ruanda da quando sono fuggito negli Stati Uniti poco dopo il genocidio. Il viaggio è stata la mia prima occasione per ringraziare l'uomo che ha rischiato la sua vita per salvare la mia. Questa nostra storia, quel nobile atto, fornisce un indizio per evitare futuri genocidi. In occasione del 26° anniversario del genocidio ruandese del 1994, vorrei condividere con voi una piccola parte di quella storia.

Nell'aspetto fisico, rappresentiamo gli stereotipi estremi che ogni categoria di persone, Hutu e Tutsi, vedeva nell'altra. Se fossero stati i geni ereditati dai nostri antenati a determinare chi avremmo amato e odiato, quell’uomo avrebbe sferrato il colpo contro di me, invece di bloccarlo. Tuttavia, mio padre mi ha insegnato che le categorie di Hutu e Tutsi erano un’illusione, perché tutti siamo figli di Dio e dobbiamo trattare gli altri come nostri parenti. Mio padre praticava spesso questa filosofia. Cercava sempre modi per aiutare le persone a prescindere dalla categoria a cui gli altri dicevano che appartenesse. Quando ero un bambino molto piccolo, mio padre assunse un adolescente per aiutarlo nelle faccende domestiche. Il ragazzo aveva un disperato bisogno di lavoro e di un posto dove vivere. Siamo cresciuti insieme, sapendo che l'altro non era un parente di sangue, ma pensavamo all'altro come nostro fratello.

I nostri genitori influenzano spesso il modo in cui inseriamo le persone nelle “categorie” e il nostro comportamento nei confronti dei membri di tali categorie. Tuttavia, lo fanno non attraverso i nostri geni, ma insegnandoci ad amare. Questo dà all'umanità speranza per un futuro in cui nessuno debba sperimentare il genocidio. Per onorare coloro che sono morti ventisei anni fa, dobbiamo conoscere tutto ciò che possiamo su coloro che hanno imparato ad amare quando gli altri odiavano, e poi raccontare agli altri ciò che abbiamo imparato.

Kizito Kalima, The Peace Center for Forgiveness and Reconciliation di Indianapolis

Analisi di Kizito Kalima, The Peace Center for Forgiveness and Reconciliation di Indianapolis

6 aprile 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Scopri tra gli Editoriali

Multimedia

Il genocidio del Ruanda raccontato agli studenti

con Yolande Mukagasana e Jacqueline Mukansonera

La storia

Zura Karuhimbi

Curatrice ruandese, sfruttando la superstizione salvò dozzine di Tutsi dal genocidio