English version | Cerca nel sito:

Sul futuro di Gariwo: Educare alla scelta del bene

di Antonio Ferrari

Un'immagine della riunione degli ambasciatori e dei collaboratori di Gariwo ai Bagni Misteriosi

Un'immagine della riunione degli ambasciatori e dei collaboratori di Gariwo ai Bagni Misteriosi

Assai interessante e avvincente la riunione degli ambasciatori e dei collaboratori di Gariwo ai Bagni Misteriosi, annessi al Franco Parenti, convocata e guidata dal fondatore di Gariwo Gabriele Nissim. Mi sono trovato a mio agio, perché alla tentazione del rituale si è sovrapposto il desiderio e la volontà di dar vita a un franco scambio di opinioni. “Franco”, come insegnano i diplomatici di carriera, significa schietto e a volte assai duro.

Mi hanno convinto numerosi interventi, a cominciare da quello del fondatore, che ha insistito su due concetti: l’identità e la responsabilità, come binari insostituibili per spiegare che cosa intende Gariwo con i suoi Giardini dei Giusti, e con la loro stella cometa: il Giardino principale, che brilla sul Montestella di Milano. Nissim è un roccioso sognatore, ma è anche concreto e realista. È un uomo che non si nasconde le difficoltà. Mentre non è arduo continuare a celebrare chi ha ascoltato la coscienza nel passato, e ha compiuto gesti profondamente umani per proteggere e sostenere chi era vittima della più feroce ingiustizia, è più difficile individuare i Giusti di oggi, adeguando la ricerca alle convulsioni di un mondo nel quale sembrano saltate quasi tutte le certezze. C’è chi, nella discussione, ha parlato di dignità e di coraggio delle “minoranze” da opporre ai deliri e alle scelte discutibili di “maggioranze” superficiali e impaurite.

Alcuni, e in particolare Anna Foa, hanno parlato dell’impegno prezioso e insostituibile dell’educazione. C’è chi ha insistito sostenendo che i Giardini dei Giusti dovrebbero diventare “pietre d’inciampo” della scelta del bene. A me convince molto di più quanto ha detto un giovane ambasciatore di Gariwo sostenendo che i ragazzi, i giovanissimi, che sono molto più assetati di sapere di quanto immaginiamo, sono e diventeranno le vere e vive “pietre d’inciampo” per vincere l’indifferenza dei genitori, insomma di coloro che continuano a manifestare fastidio per gli esempi più nobili.

Sulla diffusione dei Giardini ho idee molto personali. Più che riempire la cartina geografica di crocette meritorie, sarei favorevole a consolidare quelli che già esistono e scegliere i nuovi appena si coglie la possibilità di realizzare un obiettivo partecipato e condiviso. Rifiuto per principio la scelta dei Giusti sulla base delle divisioni e delle censure incrociate di un particolare territorio. Parlo in particolare del mondo arabo, che conosco abbastanza bene. All’idea di aprire un nuovo Giardino tollerato, e temo presto dimenticato, antepongo una fase di preparazione accurata, nel nome e con il valore dell’educazione alla scelta del bene. 

Antonio Ferrari, editorialista del Corriere della Sera

Analisi di Antonio Ferrari, editorialista del Corriere della Sera

23 luglio 2019

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Scopri tra gli Editoriali