Gariwo
https://it.gariwo.net/educazione/bando-di-concorso-adotta-un-giusto-201819-20697.html
Gariwo

Bando di concorso Adotta un Giusto 2018/19

premiazione degli elaborati vincitori

Il bando di concorso Adotta un Giusto 2018/19 - proposto da Gariwo per l'Associazione per il Giardino dei Giusti di Milano (composta da Gariwo, Comune di Milano e UCEI), quest’anno in collaborazione con il MIUR -, ha visto la partecipazione di 300 istituti di tutta Italia con più di mille elaborati (testi letterari, video, racconti a fumetti, fotografie) ispirati alle storie dei Giusti adottati, che hanno accompagnato i ragazzi nel corso dell’anno scolastico.

Alla cerimonia di premiazione, tenutasi il 13 maggio presso il Teatro PIME di Milano, erano presenti più di 600 tra studenti e insegnanti da tutta Italia. La giornata è stata aperta dal Presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé, sono intervenuti il Presidente di Gariwo Gabriele Nissim e la Responsabile della Commissione didattica di Gariwo Anna Maria Samuelli, che ha presentato i lavori artistici e letterari realizzati nelle scuole su una o più figure onorate al Giardino del Monte Stella e nel Giardino Virtuale partendo dalla frase “C’è un albero per ogni uomo che ha scelto il bene”. Gli attori Luca D'Addino e Veronica Franzosi hanno letto alcuni estratti dei lavori vincitori, rendendo sulla scena i suggestivi testi scritti dai ragazzi.

Emozionante è stata la testimonianza di Eugène Muhire Rwigilira, sopravvissuto al genocidio in Ruanda, che ha raccontato come durante quei terribili giorni del 1994, ci siano stati dei Giusti che si sono opposti al male, soccorrendo e salvando i perseguitati e dimostrando come, anche nei momenti più bui, si possa conservare la propria umanità. In sala era presente anche Vito Fiorino, Giusto dell'accoglienza al Giardino virtuale del Monte Stella, che ha parlato del naufragio del 3 ottobre 2013 insieme a uno dei ragazzi eritrei salvati da Costantino Baratta, Giusto al Giardino dei Giusti di tutto il mondo del Monte Stella. 

I vincitori sono stati premiati dalla giuria composta da Franca Schiavon del Comune di Milano, Giorgio Mortara dell’UCEI, e dalla commissione didattica di Gariwo. Gli elaborati vincitori e le menzioni speciali sono disponibili nel box approfondimenti, di seguito li riportiamo con le relative motivazioni.

Scuole primarie 

categoria Testo letterario 

Le classi V A e V B dell’I.C. “Casale” di Brindisi ricevono il terzo premio per gli elaborati sulla Guardia Costiera e Costantino Baratta: testo poetico interessante dai contenuti pregevoli che rivela l’attenzione dei ragazzi per coloro che salvano i migranti. 

Il secondo premio è stato assegnato alla classe IV F dell’I.C. “Erodoto” di Cosenza per l’elaborato sulla Guardia Costiera: testo poetico che riflette l’adesione emotiva dei giovani allievi per le vicende dei migranti. Ricercata la forma stilistica, senza forzature retoriche

Il primo premio lo riceve la classe V dell’Istituto Adamoli scuola “G. Mazzini” di Besozzo per l’elaborato su Etty Hillesum: su sfondo grafico originale dedicato a Etty Hillesum la lettera riferisce in termini propri, elementi tratti dal diario con una riflessione attenta e partecipata

categoria Cortometraggio - Videoclip

Il terzo premio va alla classe II A dell’Istituto BEST di Asti per l’elaborato su Sonita Alizadeh: il video riesce a trasferire in un linguaggio musicale accattivante i principi contenuti ed espressi nella Carta dei Diritti del Fanciullo rimanendo fedele alla cifra stilistica della rapper Sonita Alizadeh

Il secondo premio lo vincono le classi IV A, IV B e IV C dell’I.C. “Sant’Eufemia” di Lamezia Terme per l’elaborato su Primo Levi: il video documenta la costruzione di un albero con gru di origami costruite con fogli di fotocopie relative alla Shoah, con l’obiettivo di dare speranza

Il primo premio è stato assegnato alla classe IV C dell’I.D.D. “S. Castromediano” IV Circolo di Lecce per l’elaborato su Costantino Baratta: commovente rievocazione della vicenda di Costantino Baratta attuata con una scelta sapiente d’immagini e colonna sonora

categoria Disegno - Racconto a fumetti 

Il terzo premio va alla classe III B della Scuola Primaria di Brescello per il lavoro corale sui Giusti: buona resa grafica della vita del Giusto Nelson Mandela, con la presenza di elementi simbolici significativi, ben focalizzate le tappe fondamentali della sua formazione

Vince il secondo premio la classe V B dell’I.C. “Villadose” di Rovigo per l’elaborato su Rocco Chinnici: lavoro di pregio con uso sapiente di colori e materiali che ben si sposano con il Giusto adottato

Un primo premio ex aequo è stato assegnato alle classi V E e V F del plesso P.R. Dibari del VI Circolo “R. Girondi” di Barletta per gli elaborati su Carlo Angela e Gino Bartali: elaborati ricchi di fantasia con immagini riprodotte e disegni originali. L’opera potrebbe essere considerata materiale didattico da proporre ad altre scuole.

Un secondo primo premio ex aequo è stato assegnato alle classi III A, B, C e V C del'I.D.D. "S. Castromediano" IV Circolo di Lecce per l'elaborato su Daphne Vloumidi: quadro che unifica in un'armoniosa sintesi visiva passato e presente restando fedele alla realtà storica

categoria Fotografia 

Vincono il secondo premio le classi IV e V dell’Istituto Fracassetti - Capodarco plesso Salvadori di Fermo per l’elaborato su Eric Kempson: apprezzabile il tentativo di rendere la difficile condizione dei migranti attraverso un’immagine evocativa.

Il primo premio va alla classe V dell’I.C. delle Scuole Ebraiche “Morpurgo Tedeschi” di Trieste per l’elaborato su Adele Zara: eccellente ricostruzione fotografica di una vicenda famigliare di salvataggio nell’ambito della Shoah. Gli studenti, attori e fotografi, interpretano con sensibilità la situazione storica di Adele Zara

Scuole medie

categoria Testo letterario

Il terzo premio va alla classe III E dell’I.C. “S. Lucia” di Bergamo per l’elaborato su Sophie Scholl: lavoro individuale che approfondisce la figura di Sophie Scholl attraverso una ricostruzione stilisticamente efficace del processo.

Il secondo premio va alla classe I D dell’I.C. “Francesco Giorgio” di Licata per l’elaborato su Angelo e Felicita Ballabio: lavoro che ha il pregio di unire passato e presente illustrando la vicenda dei coniugi Ballabio accostata al tema odierno dell’accoglienza di giovani profughi.

Il primo premio è stato assegnato alla classe II B dell’Istituto “Primo Levi” di Milano per il lavoro corale sui Giusti: lavoro collettivo di ampio respiro comprensivo di testi ed immagini graficamente curate che affronta nove figure di Giusti con una accurata documentazione. Valido l’approccio personale avvertito nella tessitura dei testi.

categoria Cortometraggio - Videoclip

Un terzo premio ex aequo è stato assegnato alla classe III C dell’Istituto “Iqbal Masih” di Pioltello per l’elaborato su Nelson Mandela: dimostra di saper trasferire in forma drammatica i momenti salienti della vita di Mandela. Sapiente alternanza di momenti dedicati alla pura informazione con scene dinamiche che tengono acceso l’interesse dello spettatore. Un terzo premio ex aequo va anche alla classe III A dell’I.C. “Guido Gozzano” plesso di Bosconero di Rivarolo Canavese per l’elaborato su Romeo Dallaire: video originale e creativo che comunica in modo intenso il dramma del genocidio Ruandese, l’impotenza di Romeo Dallaire e il silenzio del mondo.

Un secondo premio ex aequo va alla classe III A della “Scuola Europa” di Milano per l’elaborato su Vito Fiorino: utilizzando il formato “draw my life", gli studenti ricostruiscono con un linguaggio efficace e molto riuscito la vicenda di Vito Fiorino. Un secondo premio ex aequo è stato assegnato anche alle classi II A e II B dell’I.C. “Duca D’Aosta” di Ossona per l’elaborato su Ferdinando Valletti Ghezzi: video costruito con originalità e partecipazione attiva di entrambe le classi, si segnala per l’efficacia simbolica della drammatizzazione.

Il primo premio va alla classe II E dell’I.C. “Don Milani” di Druento per l’elaborato su Costantino Baratta e Vito Fiorino: video emozionante con alto valore simbolico. Perfetta integrazione tra testo, immagini e musica.

categoria Fotografia

Il terzo premio va alla classe II A dell’I.C. “Giulio Cesare” di Osimo-Offagna per l’elaborato su Felicia Bartolotta Impastato: ricostruzione teatrale secondo la tradizione siciliana che simboleggia la lotta di Peppino, uomo vero in un modo di “pupi”.

Il secondo premio lo vince la classe II E dell’I.C. “Uruguay” di Roma per l’elaborato su Felicia Bartolotta Impastato: simbolicamente efficace la resa della condizione di Felicia e dell’impegno antimafia di Peppino.

Il primo premio lo vince la classe III D dell’Istituto “Don Pasquino Borghi” di Reggio Emilia per l’elaborato su Nelson Mandela: la fotografia documenta il lavoro dedicato dagli studenti a Nelson Mandela la cui figura viene resa col metodo della “street art” e con opportune citazioni del Giusto sul tronco dell’albero.

categoria Disegno - Racconto a fumetti

Il terzo premio è stato assegnatoalla classe III C dell’Istituto “Ada Negri” di Cavenago Brianza per il lavoro corale sui Giusti: opera accurata ed articolata frutto di un lavoro collettivo di tutta la classe che documenta con sensibilità le figure di Sonita Alizadeh, Felicia Impastato, Primo Levi e Sophie Scholl.

Il secondo premio lo riceve la classe III A della Scuola Interprovinciale “Sibillini” di Comunanza per l’elaborato su Costantino Baratta: opera originale che racconta in modo personale ed efficace il progressivo avvicinamento degli studenti a Costantino Baratta.

Vince il primo premio la classe III D dell’I.C. “Rogasi” di Pozzallo per l’elaborato su Nelson Mandela: opera accurata che documenta le fasi di preparazione del lavoro da parte della classe e che ha come esito una narrazione efficace e coinvolgente sulla figura di Nelson Mandela.

Scuole superiori

categoria Testo letterario 

Il terzo premio è stato assegnato alla classe III E dell’I.T.E. “Galilei” di Vibo Valentia per l’elaborato su Rocco Chinnici: in un linguaggio accurato ed elegante, il testo delinea con precisione storica un’immagine umanamente coinvolgente del magistrato Rocco Chinnici. 

Il secondo premio va alla classe II A del Liceo Linguistico “G. Galilei” di Napoli per l’elaborato su Giorgio Perlasca: ricorrendo ad un dialogo immaginario tra Giorgio Perlasca e Padre Zanotti, il lavorofa emergere efficacemente l’universalità del messaggio dei Giusti. 

Il primo premio è stato assegnato alla classe III Liceo Classico dell’Istituto Omnicomprensivo “F. De Sanctis” di Lacedonia per l'elaborato su Sophie Scholl: lavoro originale e creativo che ha il pregio di attualizzare il messaggio di Sophie Scholl attraverso il richiamo delle sfide del presente. 

categoria Cortometraggio - Videoclip 

Il terzo premio va alla classe IV BL del Liceo Scientifico Statale “Archimede” di Acireale per l’elaborato su Samir Kassir: video originale, accurata esecuzione, colpisce la capacità di sottolineare l’importanza della memoria attiva, stilisticamente accattivante. 

Il secondo premio è stato assegnato alla classe V A arti figurative del Liceo Artistico “Mannucci” di Jesi per l’elaborato sulla famiglia Virgili: video originale e creativo che segue “i passi” di una famiglia ebrea accolta e aiutata dall’intera comunità nel percorso verso la salvezza. 

Un primo premio ex aequo della categoria va alla classe IV A Liceo Artistico Design dell’Istituto Superiore “Bonaventura Secusio” di Caltagirone per l’elaborato su Calogero Marrone: tra accurata ricostruzione documentaria e fiction, lavoro suggestivo che sintetizza linguaggio filmico, sensibilità estetica e testo teatrale. Restituisce un’immagine commovente e credibile del Giusto scelto. Un secondo primo premio ex aequo va al Laboratorio Responsabilità del Liceo Scientifico “Marconi” di Pesaro per l’elaborato su Sophie Scholl: messa in scena teatrale creativa che restituisce il profondo significato del messaggio dei Giusti. 

categoria Fotografia

Il secondo premio va alla classe II D Liceo Scientifico dell’Istituto “Principe Umberto” di Catania per l’elaborato su Razan Zaitouneh: ricostruzione fotografica a forte impatto emotivo che restituisce il dramma dell’avvocatessa siriana Razan Zaitouneh. 

Il primo premio è stato assegnato alla classe V A grafica e comunicazione dell’I.S. “Archimede” di Napoli per gli elaborati su Costantino Baratta e Ghayath Mattar: fotografie altamente evocative elaborate con tecnica impeccabile. 

categoria Disegno - Racconto a fumetti 

Il terzo premio lo vince la classe II LSSA dell’Istituto “Maria Ausiliatrice” di Milano per l’elaborato su Costantino Baratta: espressivo fumetto che ricostruisce, pur in assenza di parole, in modo efficace la vicenda di Costantino Baratta. 

Il secondo premio va alla classe IV LC dell’I.I.S. “Angelo Frammartino” di Monterotondo per il lavoro corale sui Giusti: album antologico che presenta diversi ed efficaci ritratti di Giusti accompagnati da sintetiche note biografiche. 

Il primo premio è stato assegnato alle classi II C e II D del Liceo Scientifico “V. Vecchi” di Trani per gli elaborati su Sonita Alizadeh, Vito Fiorino e Primo Levi: lavoro di ampio e dettagliato respiro che mostra un impegno corale intorno alle figure di Giusti dal presente al passato. 


Menzioni speciali

Le menzioni speciali sono state conferite alle scuole che si sono contraddistinte per il loro impegno ed originalità nel raccontare le figure dei Giusti.

Scuole primarie 

categoria Disegno - Racconto a fumetti

Riceve una menzione speciale  la classe II A dell’I.C. “Carlo Alberto Dalla Chiesa” di Roma per l’elaborato su Vito Fiorino: dalle immagini dei partecipanti più giovani, emerge freschezza di sentimenti nella ricostruzione della vicenda di Vito Fiorino e dei valori che essa trasmette

Per la raffinatezza delle immagini e sintesi efficace della storia frutto di un percorso preparatorio impegnativo ed articolato si sono distinte anche le classi IV e V della Scuola Primaria “Patronato Leone XIII” di Vicenza con l’elaborato su Ettore Castiglioni.  

Scuole medie

categoria Testo letterario

La classe III C dell’I.C. “Ada Negri” plesso di Cavenago Brianza vince una menzione speciale per la poesia su Vito Fiorino: titolo evocativo per una poesia dedicata a Vito Fiorino che ne staglia la figura con grande adesione emotiva.

Si è contraddistinta per il proprio lavoro meritevole la classe II Fdell’Istituto “Galilei-Mazzini” di Catania per la poesia su Felicia Bartolotta Impastato: intarsio di lingua italiana e dialetto siciliano che evoca con efficacia la tragicità della vicenda di Felicia Impastato.

Riceve una menzione speciale anche la classe II C dell’Istituto “Carducci” di Firenze per la poesia su Etty Hillesum: la poesia interpreta con sensibilità anche stilistica la figura di Etty Hillesum colta nell’ultima drammatica fase della sua vita.

categoria Disegno - Racconto a fumetti

La classe III D dell’I.C. “A. Vassallo” di Boves si è distinta per gli elaborati su Don Francesco Brondello e Don Raimondo Viale: il lavoro affronta con sensibilità e vivacità illustrativa la vicenda dei Giusti Don Francresco Brondello e Don Raimondo Viale

Scuole superiori

categoria Testo letterario 

Alla classe III Cdel Liceo Classico-Musicale “B. Zucchi” di Monza è stata assegnata una menzione speciale per la poesia su Suor Enrichetta Alfieri: suoi versi sono colloqui dell'anima coi Giusti che hanno saputo chinarsi sull'uomo offeso, sulla dignità calpestata, sul corpo violato. Per questo ci parla con parola tenue e ferma, con umile attesa che i Giusti ripetano la bellezza del bene difficile e possibile, la gioia austera della vita che si offre e dona al mondo una vita altra. 

L’I.I.S.S. di Bojano ha meritato una menzione speciale per l’elaborato su Carlo Angela: in una forma grafica accattivante e ben articolata, viene ricostruita sinteticamente la vicenda del Giusto Carlo Angela. 

categoria Cortometraggio - Videoclip 

Alla classe I B manutenzione dell’I.S.I.S. “Segato-Brustolon” di Belluno è stata assegnata una menzione speciale per l’elaborato su Gino Bartali: si sottolinea l’originalità del lavoro e la capacità di trasferire in un linguaggio vicino alla propria generazione il messaggio dei Giusti e la figura esemplare di Gino Bartali. 

I ragazzi dell’I.C. “F.lli Mercantini” e dell’I.I.S. “Luigi Donati” di Fossombrone si sono contraddistinti per l’elaborato su Gino Bartali: lavoro corale incentrato sulla figura di Gino Bartali che integra musica e testi poetici, rivela una intensa partecipazione emotiva in un progetto di inclusione scolastica. 

Grazie a tutti per la straordinaria partecipazione di quest'anno e per aver interpretato in modo creativo ed emozionante le storie dei Giusti, rendendole ancora più vive e attuali.

Premiazione Bando Adotta un Giusto 2018/19

Approfondimenti su Gariwo