Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Disponibili online i materiali del convegno "Le virtù dei Giusti e l'identità dell'Europa"

con una riflessione di Anna Maria Samuelli

Si è concluso con una straordinaria partecipazione il convegno internazionale "Le virtù dei Giusti e l'identità dell'Europa", svoltosi a Palazzo Marino il 9 e 13 novembre 2012.
Sono ora disponibili, sul canale Youtube di Gariwo, i video degli interventi di Salvatore Natoli, Stefano Levi Della Torre, Sante Maletta, Gabriele Nissim, Francesca Nodari, Francesco Tava, Pietro Kuciukian e Massimo Cacciari
Vi proponiamo di seguito una riflessione di Anna Maria Samuelli, membro della Sezione Didattica di Gariwo, che presenta le relazioni.
(nel box approfondimenti la versione estesa della riflessione e la rassegna stampa convegno)


Le virtù dei giusti rendono più luminose le stelle dell’Europa?

Insegnanti, studenti, simpatizzanti, rappresentanti delle istituzioni, lasciano Sala Alessi  a Palazzo Marino scambiandosi  impressioni e idee. Qualcuno cerca di intrattenere i relatori per qualche chiarimento. Si spengono le luci sul Convegno internazionale “Le virtù dei Giusti e l’identità dell’Europa”, organizzato dall’Associazione del Giardino dei giusti di Milano, ma sullo sfondo del cielo blu della bandiera dell’Europa  le stelle appaiono più luminose. La memoria dei giusti, fatta vivere attraverso  lo sguardo dei filosofi e dei pensatori , è più nitida; la mappa dei concetti  più chiaramente fondata e meno arduo  appare il compito di utilizzare la crisi che oggi stiamo vivendo per una riproposizione dell’etica e dei valori dell’umanesimo nella nostra quotidianità. L’esempio dei giusti e dei resistenti morali è fecondo per indicare una direzione diversa  ai processi storici in atto, e per un recupero dei valori  della cultura europea,  la democrazia,  i diritti umani,  il pluralismo, la pace, oggi oscurati dalla crisi economica e politica in atto.

In questa fase di riflessione seguita al traguardo raggiunto da Gariwo e dai suoi sostenitori con l’istituzione da parte del parlamento europeo della “Giornata europea in memoria dei Giusti”, è apparso utile dare al convegno un taglio speculativo, nell’intento di enucleare i  concetti  che fondano le virtù dei giusti  coincidenti con i valori più alti della cultura europea.
L’Europa non si rinsalda con la concorrenza tra le memorie. Il concetto di “Giusto tra le Nazioni”, che continua a custodire la forza fondativa delle origini, diventa oggi un punto di riferimento per ricordare quanti, in tutti i genocidi e i totalitarismi hanno avuto il coraggio di difendere la dignità umana,  per se stessi e per i perseguitati. Siamo di fronte a  memorie che  “corrono insieme”, come ha sottolineato Salvatore Natoli nella relazione di apertura del Convegno, a  memorie che sono legate al bene: il bene unifica, il male divide.
Ci è stato affidato un compito, “salvare i giusti” per salvare l’identità nobile dell’Europa.
Le domande poste da Gabriele Nissim in apertura della seconda giornata sono state il perno attorno cui si è costruito, ante e post,  il percorso di riflessione. Di che cosa si sostanzia l’agire dei giusti? Perché i giusti e i resistenti morali sono i custodi della cultura europea? E ancora, quale la relazione tra la memoria del bene e l’educazione alla responsabilità ? Non è forse il rapporto con se stessi che salva l’uomo e gli permette di agire “per l’altro”? 

Salvatore Natoli richiama le parole chiave di un vocabolario comune dei giusti: libertà, rispetto, attenzione, e soprattutto dignità. Visibile è il legame della dignità con il bene e con l’universale, poiché ciò che “si addice” e non può essere tolto all’uomo è la sua umanità.
L’umanità di tutti è “indelebile” e il giusto è colui che si fa carico dell’altro perché lo vede nella “dignità” che, fin dal secolo dei lumi  è alla base dei diritti umani, patrimonio comune dell’Europa. Accettare che venga negata l’umanità, accettare che venga tolto all’uomo ciò che “di fatto”gli  appartiene, vale a dire la libertà e il suo essere fine e non mezzo,  fa nascere ogni tipo di violenza. L’esempio dei giusti  fa si che ognuno di noi riconosca in se stesso la possibilità di una donazione senza contropartite. Non siamo sul terreno dell’obbligo morale come norma astratta e neppure sul terreno della solidarietà caritatevole. È il volto dell’altro che mi dà la forza di indignarmi,di reagire di fronte all’ingiustizia. Si tratta dell’inevitabilità del sentirsi obbligati. Nei  casi estremi delle persecuzioni nei regimi totalitari,il volto della vittima ha dato ai giusti il coraggio di opporsi e salvare, sfidando il potere che indica nel perseguitato il nemico. Un “pathos morale” li ha spinti al di là del diritto e li ha costretti a uscire dall’indifferenza. Hanno salvato la dignità in se stessi e nell’altro, riconoscendola un bene universale.

L’intervento di Stefano Levi Della Torre si incentra sul concetto paradossale di “giustizia fuorilegge”. I giusti si sottraggono prima di tutto agli stereotipi dell’ideologia e della propaganda dei regimi e hanno il coraggio di tradire i valori socialmente riconosciuti in nome di una giustizia totalmente interiorizzata.
Devono vincere, prima di tutto dentro di sé, ciò che appartiene al senso comune; rinunciano ai vantaggi sociali, a relazione consolidate Si espongono ed espongono altri al pericolo. Diventano una minaccia per il regime e si trovano  soli.
 I giusti pensano in autonomia, dicono “no” in nome del principio universale che vede nel perseguitato non un semplice vicino, ma il plesios, il prossimo. La coscienza dalla quale i giusti traggono la forza di reagire al male, “non è un fatto puramente personale: è lo sguardo interiorizzato di una comunità virtuale di persone con cui abbiamo via via diviso valori, idee morali e politiche”. Allargare questa comunità di persone di buona volontà,  darebbe forza al giusto e lo farebbe sentire meno solo. 

A questo obiettivo hanno teso gli sforzi di Jan Patoĉka e Vaclav Havel, come emerge dalla relazione di Sante Maletta. I giusti e i resistenti morali che compongono la schiera dei dissidenti , hanno pagato col carcere e, in alcuni casi, con la tortura, la loro determinazione a resistere  alle lusinghe dell’ideologia. Il loro obiettivio non era la giustizia politica o la rivoluzione, bensì la trasformazione della società civile. È l’eredità della cultura europea che ha dato ai dissidenti le risorse spirituali per una disobbedienza civile non violenta, espressa attraverso il circuito clandestino del samizdat. L’esperienza del dissenso ci fa capire che il problema dell’uomo che vive nei regimi totalitari e post-totalitari è essenzialmente etico. I concetti di “cura dell’anima”, di “credibilità morale” e la disponibilità al sacrificio sono l’asse portante del pensiero di Patoĉka.  Da parte sua , Havel scriveva: “Non voglio cambiare me stesso, ma voglio essere un me stesso migliore”.  Lo “slancio più potente” citato da Sante Maletta,  fa riferimento a un recupero dei valori umanistico-cristiano che sono l’anima dell’Europa. Come  può avvenire per gli uomini la conquista  della loro credibilità morale?


Nella visione di Emmanuel Levinas, oggetto della relazione di Francesca  Nodari , ciò che apre alla dimensione morale è la corporeità finita e mortale, la scoperta della “bisognosità”,del limite. L’uscire da sé e il farsi incontro all’Altro, discende necessariamente dalla nostra condizione esistenziale e si presenta nella forma della “responsabilità incarnata”. “L‘ io è colui che prima di ogni decisione è eletto per portare tutta la responsabilità del Mondo” . L’esperienza del lager, con tutto il suo carico di dolore e disperazione, ha determinato in Levinas l’abbandono del solipsismo ontologico, la scoperta della propria colpevolezza e la conseguente decisione di “iniziare qualcosa con se stesso” ; questo significa scoprirsi nel bisogno dell’Altro/degli altri.  L’altro non è mai per il mio potere e l’ io non si accresce per via di “poteri”,ma attraverso la “pazienza” di fronte all’altro, incarnata nel “gesto messianico della carezza”. I giusti e i resistenti morali che hanno saputo compiere “il gesto”, sono , in questo modo, la speranza per il presente. 

Il concetto di sacrificio e di comunità in Patoĉka sono al centro della relazione di Francesco Tava. L’espressione di sé nell’ attività creativa che è cura dell’anima, genera una comunità spirituale che costituisce l’orizzonte entro il quale il soggetto dissidente si assume la responsabilità di opporsi sino al limite del sacrificio. Il pensiero posto a servizio delle dinamiche della storia diventa assunzione di responsabilità, scelta di non stare ai margini degli eventi tragici e delle “scosse” del divenire. Il concetto di libertà, sul quale Patoĉka ha riflettuto a lungo e il concetto di sacrificio, ”pratica destabilizzante per eccellenza capace di far tremare l’ordine delle forze”,  trovano fondamento nella scelta etico- politica di adesione a Charta 77 da lui compiuta. La soggettività dissidente crea una nuova aggregazione comunitaria,apre uno spazio pubblico in un’Europa che porta ancora sulle spalle il fardello delle immani tragedie del XX secolo.

Il genocidio degli armeni, la prima di queste tragedie, nella testimonianza di Pietro Kuciukian, figlio di un  sopravvissuto,è stato l’orizzonte da cui sono nate le domande sul problema del male, che nella forma di prima pulizia etnica del XX secolo ha mostrato la sua scandalosa gratuità. Immergersi nella storia di suo padre e del suo popolo, per una sorta di costrizione interna, ma anche per vincere il  silenzio e la pena di una memoria negata, gli ha fatto toccare con mano il fardello troppo pesante di una memoria imperniata solo sul male. Le storie dei carnefici sono state sostituite con le storie  dei salvatori, dei buoni al tempo del male.
Le riflessioni proposte dal Convegno, prima tappa in vista della celebrazione della  Giornata europea in memoria dei giusti, fanno nascere la speranza che un’Europa capace di onorare gli esempi dei giusti, sia anche un’Europa all’altezza della sua storia migliore. Introducendo l’intervento di Massimo Cacciari che conclude il convegno, Pietro Kuciukian sottolinea  come i giusti, nel gesto di rottura sono esempi che costituiscono il cuore della   memoria educativa per le nuove generazioni. 

“L’idea dei giusti è un’idea  grande e difficile”, esordisce Massimo Cacciari, un’idea che eccede la legge e il diritto avendo una dimensione di paradossalità e di straordinarietà. Non ha a che fare né con la giustizia distributiva, visto che il giusto si svuota del suum per donarsi interamente, né con la giustizia punitiva. Il giusto dona e perdona, è portatore di  un’idea di bene che eccede ogni calcolo e misura. Il giusto è portatore di bene in quanto il bene è lasciare che l’altro sia, nella sua libertà e persino nel suo opporsi. Il male è isolarsi, rinchiudersi, non guardare, non vedere,  non rispondere. Il male è comune, il bene è straordinario. È questo male comune che ha reso possibile i genocidi e i totalitarismi del  XX secolo e che ancora rende possibile la catena della vendetta e delle stragi. L’azione del giusto è straordinaria , poiché è più facile rispondere al male con il male che rispondere salvando e testimoniando la verità.

Dall’intervento conclusivo di Massimo Cacciari si può ricavare che l’esistenza  storica dei giusti, ci fornisce il criterio di distinzione tra bene e male e se da una parte rende chiara la sostanza straordinaria ed eccezionale del loro agire, dall’altra testimonia che questa strada non è impraticabile.

4 dicembre 2012

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Convegno Le virtù dei Giusti e l'identità dell'Europa

Palazzo Marino, Milano | 9-13 novembre 2012

Educazione

la didattica di Wefor al servizio della memoria

Diffondere la conoscenza dei Giusti tra i giovani è tra i principali obiettivi di Gariwo. Il veicolo più efficace è il rapporto con la scuola, attraverso gli insegnanti impegnati a confrontarsi con i problemi contemporanei nella formazione della coscienza civile e morale delle nuove generazioni... La memoria, individuale e collettiva, è un tassello fondamentale nella formazione dei giovani e un potente strumento nelle mani degli educatori: per questo parliamo di memoria educativa nella costruzione dell’identità...
Gariwo ha sviluppato con gli educatori, docenti, accademici, intellettuali e associazioni, sia in Italia che all’estero, uno scambio di esperienze, di informazioni e di elaborazioni, da rendere disponibili a tutti gli operatori della formazione, sotto forma di progetti didattici, riflessioni, relazioni, riferimenti teorici, indicazioni bibliografiche e notizie dal mondo dell’istruzione...
Per indicare i Giusti come punti di riferimento della coscienza europea, con il progetto Wefor abbiamo creato la didattica deGiardini virtuali d’Europa, dove idealmente sono piantati gli alberi per i Giusti dei diversi Paesi; una sezione è interamente dedicata alle scuole, dal titolo significativo YouFor, in cui sono raccolti i materiali per gli insegnanti, i contributi delle classi, gli elaborati e le ricerche degli studenti, oltre a un vasta raccolta di supporti di approfondimento. 

leggi tutto