English version | Cerca nel sito:

Defiance - i giorni del coraggio

Edward Zwick
Drammatico, USA, 2008



“Comunemente si tende ad associare l’immagine dell’Olocausto con il concetto di persecuzione e oppressione. Tuttavia è molto di più di questo, perché bisogna capire che esiste una differenza tra passività e impotenza e bisogna comprendere che l’impulso a resistere era stato sempre presente". Le parole sono di Edward Zwick [...] Il regista di Blood Diamond e L’ultimo samurai questa volta ci trasporta nella seconda Guerra mondiale, ispirandosi a una storia vera narrata dal libro Defiance – Gli Ebrei Che Sfidarono Hitler di Nechama Tec.
Nell’estate del 1941 l’armata di Hitler aveva iniziato la sua campagna di conquista. Di lì a poco l’Europa sarebbe stata sopraffatta dalla sua potenza con la condanna a morte per milioni di persone. Ma per i tre fratelli Tuvas, Zus e Asael Bielski, giovani agricoltori ebrei dell’entroterra bielorusso ( interpretati da Daniel Craig, Liev Schreiber e Jamie Bell ), divenne qualcosa di diverso. Sfuggiti alla morte, i tre trovarono rifugio in un fitto bosco in terra polacca che conoscevano fin dall’infanzia. Qui iniziò la loro disperata e impossibile impresa di resistenza contro le truppe naziste. La notizia della loro strenue lotta da semplice sussurro esplose con audacia e si diffuse tanto da far giungere molti altri ad unirsi alla loro battaglia, uomini e donne, giovani e vecchi disposti a rischiare tutto anche per un singolo momento di libertà...

Finita la guerra, la storia dei fratelli Bielski si disperse. Tuvia e Zus si trasferirono prima in Israele e in seguito a New York dove vissero pacificamente un’ordinaria vita americana come tassista (Tuvia) e camionista (Zus). Non amavano molto parlare del passato nemmeno con i loro bambini, anche se molti sopravvissuti iniziarono a raccontare la storia di come i fratelli li salvarono durante la grande guerra. Sulia Rubin, eternamente grata ai fratelli Bielski per averla accolta nella loro comunità, raccontò al New York Times in un’intervista del 2000: “Non sarei mai sopravvissuta senza i Bielski”. Solo dopo la morte di Tuvia nel 1987 i ricercatori iniziarono a rispolverare la storia dei fratelli. La più illustre tra questi storici fu Nechama Tec, professoressa di sociologia presso l’Università di Stamford nel Connecticut, che nel 1993 pubblicò il libro da cui è tratto il film.


Il film affronta il problema legato alle accuse di "passività" degli ebrei perseguitati e riapre il dibattito sul riconoscimento agli ebrei del titolo di "Giusti tra le Nazioni".

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Shoah e nazismo

film, documentari

segnalati da Gariwo