Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

(C’è) vita nei Balcani?

Alexandar Zograf
Black Velvet, Bologna, 2005

Alexandar Zograf, pseudonimo di Saša Rakezic, è nato a Pancevo, Vojvodina, nel '63. Giornalista e disegnatore di fumetti. 
(C’è) Vita nei Balcani? racconta con uno stile scarno, ma estremamente efficace, in forma di diario, gli avvenimenti cha hanno colpito la cittadina serba di Pancevo nel corso del 2001. L’autore coniuga elementi di cronaca, eventi del passato, esperienze personali e visioni oniriche in 32 pagine intrise di un debole senso di ottimismo per il futuro del proprio Paese. Il disegno, solo in apparenza elementare e semplice, asseconda alla perfezione i voli onirici dello psiconauta Zograf, che continua a mostrare il suo splendido talento narrativo e a stupire per la facilità con cui riesce a far riflettere su un tema drammatico come quello della guerra.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Fumetti

per raccontare la realtà con la forza della fantasia

Nel mondo della graphic novel, fucina immaginifica del fantastico, la tendenza autobiografica, memorialistica, storica e di reportage del reale trasfigurato è sempre stata presente e spesso connaturata al lavoro dei grandi maestri dell'arte sequenziale.
Il fumetto, nel suo essere comunque stilizzato, antirealistico e interpretativo per natura e tradizione, determina infatti una forma di comunicazione efficacemente distaccata dalla materia trattata, permettendo così la narrazione incisiva di temi crudi e difficile come le storie dei genocidi che hanno caratterizzato il ventesimo secolo.
Anche le figure dei "Giusti" sono sempre più spesso assunte dalla graphic novel come forma artistica di espressione del reale, in cui si può specchiare la Storia per far emergere un messaggio etico rivolto ai giovani, di insegnamento e di speranza per il loro futuro.