English version | Cerca nel sito:

La memoria siamo noi

Progetto memoria delle scuola primaria Montessori e della scuola secondaria di I° grado Montale di Bollate

Il Progetto Memoria, in linea con i principi didattici dello Yad Vashem di Gerusalemme e a seguito dell’esperienza svolta negli anni precedenti, si pone l’obiettivo di presentare l'argomento dei Giusti agli studenti delle classi quinte della Scuola Primaria Montessori e delle classi terze della Scuola Secondaria di I° grado Montale di Bollate. Raccontare storie, senza però snaturare o svilire ciò che realmente furono i genocidi e le grandi tragedie dell’umanità, cercando semplicemente di utilizzare un linguaggio e uno strumento, quello appunto della storia, chiaro e accessibile ai bambini/ragazzi.

Il Parlamento italiano ha istituito, con la legge n° 211 del 2000, il 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, quale “Giorno della Memoria in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti”.

Il 10 maggio 2012 il Parlamento Europeo ha istituito la Giornata europea dei Giusti il 6 marzo, data della scomparsa dell'artefice del Viale dei Giusti Moshe Bejski. Dal 7 dicembre 2017 la Giornata dei Giusti è solennità civile in Italia (legge 212/2017).

Il Progetto Memoria ha l’intento di trattare questi due importanti eventi e di celebrare l’esempio dei Giusti del passato e del presente per diffondere i valori della responsabilità, della tolleranza e della solidarietà. A partire dalla definizione data dallo Yad Vashem e stimolati dalla Giornata Europea dei Giusti, è stato infatti esteso il concetto di Giusto sino a includere quanti, in ogni parte del mondo, hanno salvato e difeso la vita e la dignità umana.

Ciò che rimane urgente è far crescere nuovi testimoni, dal momento che il tempo sta portando via i testimoni diretti di quanto avvenuto nella Shoah, ma soprattutto di stimolarli a fare scelte giuste e consapevoli nei confronti delle molteplici minacce della società attuale.

Se trasmettiamo l’idea che i Giusti sono esseri uguali a noi, con difetti e contraddizioni,mostriamo che la bontà è possibile, che noi siamo esseri umani fragili, abbiamo una vita limitata e non possiamo essere eroi perfetti. Se trasmettiamo questo messaggio,quindi, dimostriamo che c’è una possibilità di essere Giusti nei momenti chiave. In questo modo la distanza tra il Giusto e un essere normale si accorcia, e aumenta la responsabilità. Chi non fa delle cose possibili è maggiormente responsabile di chi non fa delle cose impossibili. Chi è indifferente rispetto agli ebrei - uso questo termine per ricordare la parola INDIFFERENZA scolpita all’ingresso del Memoriale della Shoah diMilano - non è chi non ha voluto morire per gli ebrei, ma chi ha voltato la testa dall’altra parte. Ecco allora che se trasmettiamo l’idea di un Giusto comune e non eroico, trasmettiamo anche quella della bontà possibile, che diventa irresponsabilità quando,nella possibilità di fare il bene, non si agisce.” (Gabriele Nissim, presidente di Gariwo).

Obiettivi formativi e competenze attesedel progetto Memoria:

  1. Ripercorrere le tappe salienti della storia della Shoah attraverso le storie raccontate in classe e attraverso l’intervento di testimoni;
  2. ricordare la Shoah e riflettere sulla modalità di trasmissione della memoria individuale e sul valore che essa ha per la memoria collettiva;
  3. elaborare contenuti per una possibile didattica della Shoah;
  4. i Giusti: chi sono? Andare oltre la Shoah.

Il progetto ho previsto la realizzazione di un docu-film per stimolare il ruolo di testimoni dei ragazzi.

Trailer del docu-film prodotto dalla scuola Montessori e Montale di Bollate a conclusione del progetto Memoria. 

A cura del Prof. Mirko Luppi con la collaborazione dei docenti e degli alunni delle classi quinte della scuola primaria Montessori e delle classi terze della scuola secondaria Montale di Bollate.

Per richiedere copia del docu-fim in versione integrale scrivere a memoriamontessori@gmai.com.

Collaboratore alla produzione Giovanni Signorelli;
collaboratore alla realizzazione del Docu-film Luca Negretti;
consulenza storica e musicale Manuela Sorani;
c
on l'amichevole partecipazione di Daniel Fishman, Liliana Segre e Silvano Sorani.

Gariwo ringrazia il Prof. Mirko Luppi per il materiale fornito.

26 giugno 2019

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Educazione

la didattica di Wefor al servizio della memoria

Diffondere la conoscenza dei Giusti tra i giovani è tra i principali obiettivi di Gariwo. Il veicolo più efficace è il rapporto con la scuola, attraverso gli insegnanti impegnati a confrontarsi con i problemi contemporanei nella formazione della coscienza civile e morale delle nuove generazioni... La memoria, individuale e collettiva, è un tassello fondamentale nella formazione dei giovani e un potente strumento nelle mani degli educatori: per questo parliamo di memoria educativa nella costruzione dell’identità...
Gariwo ha sviluppato con gli educatori, docenti, accademici, intellettuali e associazioni, sia in Italia che all’estero, uno scambio di esperienze, di informazioni e di elaborazioni, da rendere disponibili a tutti gli operatori della formazione, sotto forma di progetti didattici, riflessioni, relazioni, riferimenti teorici, indicazioni bibliografiche e notizie dal mondo dell’istruzione...
Per indicare i Giusti come punti di riferimento della coscienza europea, con il progetto Wefor abbiamo creato la didattica deGiardini virtuali d’Europa, dove idealmente sono piantati gli alberi per i Giusti dei diversi Paesi; una sezione è interamente dedicata alle scuole, dal titolo significativo YouFor, in cui sono raccolti i materiali per gli insegnanti, i contributi delle classi, gli elaborati e le ricerche degli studenti, oltre a un vasta raccolta di supporti di approfondimento. 

leggi tutto