Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Giardino di tenebra. Viaggio in Nagorno Karabagh

Pietro Kuciukian (foto di Gariwo)

Pietro Kuciukian (foto di Gariwo)

Pietro Kuciukian
Guerini, Milano, 2003

Il libro descrive il conflitto tra Azerbaigian e Armenia per il possesso della regione del Nagorno Karabagh: 30.000 morti e quasi un milione di sfollati tra azeri e armeni. Nell'estate del 1994 si giunge a un armistizio che sembrerebbe reggere tuttora, sebbene costantemente interrotto da singoli episodi di scambio di fuoco. Una pace armata, le forma più stabile di non belligeranza che si fonda sull'esperienza della guerra fredda e che, tuttavia, non può protrarsi all'infinito.
In una terra di conflitto, nella quale non esistono investimenti di tipo economico, né prospettive di ricostruzione, dove risulta quasi impossibile ogni sorta di approvvigionamento, in particolare quello energetico, Pietro Kuciukian si avventura in un diario di viaggio attraverso una delle più belle regioni del Caucaso, e ci racconta, non soltanto la storia di un paese insanguinato al centro degli interessi geopolitici mondiali, ma soprattutto la storia delle sue genti, che continuano a vivere in un conflitto irrisolto e troppo spesso dimenticato dai media.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Libri - Arte e cultura armene

tra identità e memoria

Il popolo armeno nel corso dei secoli si è trovato a vivere, tranne rare eccezioni, in una realtà di frontiera, geograficamente e politicamente divisa tra Occidente e Oriente, ostaggio dei conflitti incessanti tra imperi e popoli (persiani, greci, parti, romani, arabi, bizantini, turchi ottomani, russi….), su un territorio dai confini talmente variabili che raramente l’Armenia geografica ha coinciso con la nazione armena, segnata da continui massacri e deportazioni della sua gente. Di qui la condizione costante di divisione e diaspora, e la necessità di coabitare con altre culture senza perdere la propria identità, fondata e consolidata nella tradizione culturale, letteraria, linguistica, religiosa e artistica, piuttosto che nell’appartenenza territoriale.
I saggi presenti nella seguente bibliografia, pur non trattando direttamente il tema del genocidio del popolo armeno, vi sono intimamente legati per il forte ruolo simbolico che la sua cultura ha assunto come forma di resistenza al tentativo dei nazionalisti turchi di cancellarne l’identità, non soltanto attraverso il genocidio ma anche con la distruzione del suo millenario patrimonio culturale, delle sue vestigia storiche e artistiche, come le chiese, i monasteri, i cimiteri, luoghi della memoria divenuti simboli di una identità minacciata.