English version | Cerca nel sito:

Condannato a uccidere - memorie di un patriota armeno

Arshavir Shiragian
prefazione di Marcello Flores, Guerini e Associati, 2005

Nel 1919 la corte marziale ottomana condanna a morte in contumacia, con l’accusa di “sterminio di tutto un popolo”, i principali dirigenti politici turchi, responsabili del genocidio che negli anni della Prima Guerra Mondiale decimò il popolo armeno.
La confusa situazione internazionale del dopoguerra fa tuttavia in modo che l’oblio scenda sui delitti commessi e che la sentenza emessa non venga di fatto mai eseguita: ha così inizio l’“operazione Nemesis”, di cui Shigarian sarà uno dei principali protagonisti.
In quest’opera egli narra delle sue missioni, delle esecuzioni e di come l’atroce genocidio gli abbia segnato per sempre la vita.
Pubblicate per la prima volta nel 1976, ancora oggi, a distanza di ani, queste memorie offrono una straordinaria testimonianza, portando con sé spunti di riflessione su temi fondamentali quali giustizia, vendetta, crimini di massa e terrorismo.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Libri - Genocidio armeno e "Giusti"

racconti e testimonianze

Romanzi, poesie, ricordi, resoconti segnalati da Gariwo.