English version | Cerca nel sito:

Con te sorride il mio cuore. Viaggio tra gli armeni nascosti della Turchia

Kemal Yalçin
Edizioni lavoro, Roma, 2006

Dortmund, 1992. L’incontro con Meline, insegnante di turco di origine armena, è all’origine del viaggio iniziatico compiuto dall’autore - scrittore turco che vive in Germania - e protagonista in Anatolia, alla ricerca degli “armeni nascosti”.
Il risultato è un appassionante reportage sui discendenti dei sopravvissuti al genocidio, che cominciano a riscoprire la propria identità nazionale celata per anni.
Un romanzo-affresco di grande suggestione e d'inestimabile valore documentario, che scava nella storia e nella contemporaneità di un Paese affascinante e complesso e offre al lettore una serie di personaggi e paesaggi di straordinaria autenticità.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Libri - Turchi e Armeni

voci di dialogo

 In Turchia sono sempre più numerose le voci di storici, scrittori, intellettuali ed editori coraggiosi, impegnati nella ricerca della verità sul genocidio del popolo armeno, pianificato e portato a compimento per volontà del Governo dei Giovani Turchi sulla spinta di un nazionalismo esasperato, nel territorio che era dell’impero ottomano. A distanza di quasi un secolo queste voci si levano sempre più apertamente, con grande coraggio, e vanno lette come un segnale importante della volontà dellla società civile turca di riappropriarsi della propria storia nella verità e di promuovere un dialogo tra popolo turco e popolo armeno, al fine di porre le basi, senza pregiudiziali reciproche, per un processo di riconciliazione duraturo, in opposizione al governo che si mantiene su posizioni ostinatamente negazioniste e di chiusura.Solo atti concreti di conoscenza e di cultura possono produrre solidi progressi sulla strada del riconoscimento reciproco e del superamento delle tentazioni nazionaliste ancora così diffuse.
In questa sezione bibliografica sono indicati alcuni testi che costituiscono le voci nuove della società civile turca impegnata in un arduo cammino, costellato di minacce di morte, come nel caso di Elif Shafak, o pagato con la stessa vita, come dimostra l’assassinio di Hrant Dink.