English version | Cerca nel sito:

L'arca della morte. 10.000 giorni nelle prigioni comuniste

Pjetër Filip Arbnori, a cura di Dario Fertilio
Mauro Pagliai Editore, 2018

"La cosa più importante per un uomo condannato da una dittatura a lunghi anni di prigione è lo sforzo di non staccarsi dalla vita che esiste fuori dalle sbarre e dal filo spinato."

Pjeter Arbnori, attivista albanese, ha trascorso oltre ventotto anni nelle prigioni del suo Paese per essersi opposto alla feroce dittatura di Enver Hoxha. La sua testimonianza è il racconto di un carcere in cui l'igiene è scarsa e la violenza una realtà quotidiana: ma più che il fisico, è la dignità umana a essere ferita in profondità. 

Mai pubblicato in Italia prima d'ora, il diario si impone come una delle testimonianze più lucide e drammatiche della violenza comunista.

Pjetër Filip Arbnori nacque a Durazzo, in Albania, il 18 gennaio 1935. Politico, scrittore, attivista, fu soprannominato “il Mandela dei Balcani” per aver resistito a una detenzione lunga 28 anni nelle disumane carceri albanesi. È morto a Napoli l’8 luglio del 2006.
Dario Fertilio, giornalista per molti anni al Corriere della Sera, autore di saggi e romanzi. I temi conduttori della sua opera sono la ribellione contro il potere ingiusto e l’autoritarismo, la libertà di comunicare, il coraggio di amare. 

Scheda tratta dal sito della casa editrice

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Libri - Gulag e totalitarismo

racconti e testimonianze

segnalate da Gariwo