English version | Cerca nel sito:

Memorie

Andrej Sacharov
Sugarco, Milano, 1990

Nel suo lavoro Sacharov era già allora convinto di operare per un ideale di pace e progresso: l’equilibrio nucleare come deterrente a un confronto militare globale tra i due blocchi. Ribadirà e svilupperà questi convincimenti nel saggio samizdat del 1968 Progresso, coesistenza e libertà intellettuale, che auspica, oltre all’avvicinamento delle due massime potenze, un deciso ripudio in Patria delle tentazioni neostaliniste.

Quando muore, il 14 dicembre ‘89, Sacharov, già impegnato in un’offensiva parlamentare per l’abolizione dell’art. 6 della Costituzione sovietica sul ruolo-guida del PC, sta anche lavorando senza risparmio ad un progetto di nuova Costituzione. Le sue Memorie escono postume nel 1990.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Libri - Gulag e totalitarismo

racconti e testimonianze

segnalate da Gariwo