English version | Cerca nel sito:

La cuoca e il mangia-uomini: sui rapporti tra stato, marxismo e campi di concentramento

André Gluksmann
L'erba voglio, Milano, 1977

C’è una battuta fin troppo citata di Marx: «io non sono marxista». Anche di Stalin, per ragioni diverse, i marxisti occidentali tendono spesso a dire che non era un errante per definizione...
Possiamo continuare ad accontentarci di questo? Non siamo forse continuamente costretti, dalla allucinante realtà dei campi e dei manicomi, da questo immenso errore/orrore, a porci questioni ben più sconvolgenti? Se il nesso teoria-pratica è centrale per il marxismo, non siamo forse costretti a porre in questione il marxismo stesso, il leninismo stesso, come espressioni storicamente incarnate di una «rivoluzione dall’altro» che si è tradotta, anche, nell’universo concentrazionario del Gulag?

André Glucksmann, già noto in Italia per il «Discorso della guerra», 1969 e «Fascismo: il vecchio e il nuovo», 1974, ha detto di questo libro che, nelle «voci plebee» provenienti dall’est, nel grido della «cuoca» di fronte alla macchina mangia-uomini, ha colto gli stessi accenti della contestazione intrapresa nel ’68 in Occidente. E nello stesso spirito, e contro gli anatemi «preventivi» risuonati così rumorosamente in Italia, che le edizioni «L’erba voglio» decidono oggi di pubblicarlo.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Libri - Gulag e totalitarismo

saggi

Leggere per conoscere, approfondire, riflettere.