English version | Cerca nel sito:

146, Boulevard Haussmann

Copertina del libro

Copertina del libro

Alberindo Grimani
ed. Youcanprint, 2013

L’incredibile storia di Emanuele Brunatto, il grande difensore di Padre Pio, nella Francia occupata dai nazisti per salvare i perseguitati dalla Gestapo, soprattutto ebrei. A guerra finita, fu condannato a morte per collaborazionismo ma poi, grazie alle testimonianze ebree, fu riabilitato e si stanno raccogliendo le prove per inserire il suo nome tra i 'Giusti tra le nazioni'.

Dalla Premessa: "Nella Parigi occupata dai nazisti tra il 1940 e il 1944, ha operato un uomo, un italiano avvolto nel mistero di una leggenda quasi sempre a lui sfavorevole. C'è chi lo chiama spia, chi truffatore e chi, infine, lo odia e copre di fango ed ingiurie di ogni tipo per il semplice motivo che è stato il più grande difensore di Padre Pio da Pietrelcina, il Santo stigmatizzato. [...] Sicuramente, il commercio con il nemico era l'attività svolta alla luce del sole per coprire l'aiuto agli ebrei e ai perseguitati muovendosi nell'ombra; o, forse più semplicemente, il commercio con il nemico fu accettato, iniziato e continuato in funzione dell'attività di salvataggio.  Qualunque sia stata la causa principale di quella situazione in cui Brunatto agì e operò - e di cui i suoi detrattori non hanno voluto prendere atto, ignorando coscientemente [...] i documenti ufficiali [...], Brunatto nella sua opera di salvataggio non fece distinzioni di nazionalità o di fede religiosa o politica..."

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Libri - Shoah e "Giusti tra le Nazioni" di fronte al nazismo

racconti e testimonianze

Romanzi, poesie, ricordi, resoconti segnalati da Gariwo.