English version | Cerca nel sito:

Maus

Art Spiegelman
Panini Comics, Roma, 2004

Maus è il primo e ormai celebre caso, pubblicato per la prima volta nel 1978, di tentativo di ricorrere all’arma fumetto per trattare la drammaticità di un tema come quello dell’Olocausto.
Come afferma lo stesso Spiegelman, la scelta del fumetto non è casuale, “è un linguaggio popolare che ne incorpora altri, un linguaggio vitale ed espressivo che parla con le mani.”
Maus è un doppio racconto. È la storia di una delle più grandi tragedie dell’umanità, l’Olocausto, vista con la lente deformante di una satira che racconta gli ebrei come topi, i tedeschi nei panni di gatti crudeli e i polacchi come maiali. Ma anche la storia del rapporto tra lo stesso autore e suo padre, sopravvissuto all’Olocausto, un rapporto complesso in cui un ruolo centrale assume proprio la ricostruzione della memoria, ciò che fa di questo volume un capolavoro assoluto e indiscusso nel suo genere.

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Libri - Shoah e "Giusti tra le Nazioni" di fronte al nazismo

racconti e testimonianze

Romanzi, poesie, ricordi, resoconti segnalati da Gariwo.