English version | Cerca nel sito:

Storia della deportazione dall'Italia 1943 - 1945. Militari, ebrei e politici nei lager del Terzo Reich

Giuseppe Mayda
Bollati Boringhieri, Torino, 2002

"Non esisteva fino ad oggi un profilo, documentato e aggiornato sul piano bibliografico, di una pagina come questa fra le più cruente della nostra storia nazionale: la deportazione nel 1943-45 di oltre un milione di italiani – ebrei, zingari, politici e militari – nei lager del Terzo Reich. Nel suo lavoro Mayda, ripercorrendo le vicende della deportazione, sottolinea il ruolo della Repubblica sociale italiana che fu di complicità attiva ma anche di iniziativa autonoma, sfatando la leggenda secondo cui furono i nazisti gli unici artefici della «soluzione finale» nel nostro paese mentre la RSI l’avrebbe subìta passivamente a causa della propria impotenza politico-militare. Wehrmacht e SS da una parte e lo Stato-fantoccio di Salò con i gerarchi dall’altra concordarono comuni progetti di deportazione degli ebrei e degli oppositori politici. L’organizzazione dei campi di concentramento inItalia e della rete dei trasporti destinata a trasferire in massa i deportati nel Reich fu uno dei punti operativi su cui si rinsaldò l’Asse nazifascista. E sull’altare della rinnovata alleanza la RSI lasciò al loro destino gli 800 000 militari già abbandonati dal re e da Badoglio l’8 settembre 1943".
quarta di copertina


Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Libri - Shoah, nazismo e "Giusti tra le Nazioni"

saggi

per conoscere, approfondire, riflettere.