Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Memoria

Le paure del mondo e i Giusti

La fenomenologia dell’odio, del risentimento, dell’aggressività, del fastidio dell’altro, del razzismo e dell’antisemitismo è, in questa fase della nostra vita pubblica, piuttosto vasta e pervasiva.


Onore al coraggio

Il 6 marzo ricorre la settima Giornata Europea dei Giusti. L’idea di Giusto di Nissim è diversa da quella di Yad Vashem: Giusto è chiunque abbia sfidato il conformismo dei più rifiutandosi di obbedire a leggi e direttive inique.


Lega Serie A e FIGC con Gariwo per la Giornata dei Giusti dell’Umanità

La Lega Serie A e la FIGC aderiscono alla Giornata dei Giusti dellUmanità del 6 marzo accogliendo l’invito di Gariwo, la foresta dei Giusti a partecipare alle centinaia di iniziative organizzate in tutta Italia in occasione di questa Giornata, riconosciuta come solennità civile dal Parlamento Italiano.


Addio, Mamma Fiore

Il 1 febbraio 2019 si è spenta ad Amburgo Hilde Rosenberg, testimone del genocidio dei sinti, nota ai tedeschi come "Mama Blume". Una donna minuta, sicura di sé, che sapeva sfidare i pregiudizi.


Dialogo con Gyorgy Litvan su Istvan Bibo

Alcuni passaggi della conversazione che il presidente di Gariwo Gabriele Nissim ha tenuto nel 1999 a Budapest con Gyorgy Litvan, storico ungherese, amico di Istvan Bibo e suo compagno di prigionia. Ne emerge il ritratto di un uomo, Bibo, di grande intelligenza e forza morale, "l’incarnazione stessa della coscienza".


La lotta intellettuale e morale di Istvan Bibo

Nel 2000, a Padova, la nuora di Istvan Bibo ha portato la sua testimonianza per ricordare la figura del Giusto, coscienza critica della nazione durante entrambi i totalitarismi. Riportiamo alcuni passaggi del suo intervento, che è disponibile integralmente nel box approfondimenti.


Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Multimedia

Fumetto e Memoria

premiazione del bando "Adotta un Giusto"

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia