English version | Cerca nel sito:

Memoria

Il messaggio del Sottosegretario Gustavo Adolfo Cioppa

Nel DNA del genere umano c’è del bene e questo ha permesso ai Giusti di compiere azioni coraggiose ed ancora oggi di educarci con l’esempio alla difesa del Bene.

Mi auguro che la giornata di oggi, che è un momento di forte raccoglimento, di un ricordo che si deve trasformare in stimolo per tutti noi, di impegno etico e morale, dia ancora più impulso e forza alle attività che dovranno concretizzarsi al più presto.


Il tuo futuro è possibile solo se è "Giusto".

Giusto nel significato di decidere di assumersi la cura, la responsabilità dell’altro, perché senza la qualità della relazione non c’è riconoscimento dell’uomo con l’uomo, quindi non c’è futuro. La stessa possibilità di vita dipende dalla nostra scelta morale, e i Giusti sono “profeti” della disposizione morale con cui affrontare il futuro.


​Nasce GariwoNetwork

Si terrà giovedì 16 novembre al Centro Congressi della Fondazione Cariplo a Milano il primo incontro internazionale per il lancio di GariwoNetwork, la rete che unirà tutti i soggetti impegnati nella diffusione del messaggio dei Giusti. Ottanta Giardini dei Giusti sono sorti in Italia e nel mondo grazie alla passione di amministratori pubblici, associazioni, insegnanti, semplici cittadini, sull’esempio del Giardino del Monte Stella di Milano, nato nel 2003 su proposta di Gariwo.


La rete dei Giusti

Negli anni Gariwo ha lavorato con comuni, associazioni, istituzioni, scuole e semplici cittadini per diffondere in Italia e nel mondo il messaggio dei Giusti. Ne è nata una rete di Giardini e didattica formata da realtà diverse, che si sono date appuntamento il 16 novembre 2017 al primo incontro del GariwoNetwork. Ecco i numeri della rete.


Da Yad Vashem ai Giardini di tutto il mondo...verso GariwoNetwork

Pubblichiamo di seguito l'intervento di apertura - del direttore di Gariwo Ulianova Radice -del convegno internazionale "La responsabilità nel nostro tempo. La sfida di GariwoNetwork", che si è tenuto il 16 novembre alla Fondazione Cariplo di Milano.


Perché Israele ha lasciato andare Mengele?

Ronen Bergman, esperto di intelligence, racconta la caccia a Josef Mengele da parte del Mossad, che non si concluse con la cattura del criminale nazista, il quale morì da uomo libero nel 1979. Come agisce Israele nei confronti dei nemici?


Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Multimedia

Fumetto e Memoria, I Giusti parlano ai giovani

l'iniziativa di Gariwo per la Giornata della Memoria 2016

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia