English version | Cerca nel sito:

Memoria

Ricordare i Giusti, con uno sguardo al presente

"I Giusti erano necessari ieri e sono necessari anche oggi, e quindi guardiamo ai Giusti del tempo presente". Così Gabriele Nissim, presidente di Gariwo, conclude il convegno La memoria del Bene e l’educazione alla Responsabilità, tenutosi il 3 marzo 2015 a Palazzo Cusani a Milano.


Memoria e oblio

Si avvicina il 27 gennaio, Giornata della Memoria. Davide Schiffer, studioso di neuroscienze e professore emerito all’Università di Torino, è autore di un saggio, Memoria e oblio (Golem editore), che analizza l’evoluzione della memoria con la progressiva scomparsa dei testimoni diretti. Abbiamo chiesto a Schiffer, a sua volta testimone della Shoah, di parlarci di memoria, oblio, perdono ed empatia.


Milano premia Gabriele Nissim

"L'impegno profuso da Gabriele Nissim si è concretizzato in un'opera costante per la prevenzione di nuovi crimini contro l'umanità, con la ricerca e la divulgazione delle figure esemplari dei Giusti diretta soprattutto verso i giovani, la creazione di Gariwo e la campagna che ha portato alla Giornata europea dei Giusti".


Ambrogino d'Oro a Gabriele Nissim

Gabriele Nissim, presidente di Gariwo, la foresta dei Giusti, è tra le personalità che il Comune di Milano ha deciso di premiare con l'Ambrogino d'Oro, l'onorificenza intitolata al Santo Patrono della città


Bookcity Milano 2014

Dal 13 al 16 novembre torna a Milano Bookcity, la manifestazione promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano dedicata ai libri e alla lettura. Il cuore dell’evento sarà il Castello Sforzesco, ma la rassegna prevede iniziative diffuse sul territorio milanese, in teatri, biblioteche, musei e istituzioni culturali.


La caduta del Muro, 25 anni dopo

Berlino si prepara a celebrare il 25esimo anniversario della caduta del Muro con un’installazione di 8.000 palloncini bianchi lungo l’ex tracciato della barriera e tre giorni ricchi di eventi. Intanto, un gruppo di artisti ha organizzato una protesta per puntare l'attenzione sui "nuovi muri europei".


Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia