English version | Cerca nel sito:

Memoria

Il Marrone: la storia di un Giusto

Domenica 19 maggio 2019, presso il Memoriale della Shoah di Milano - Piazza Edmond Jacob Safra, 1 -, si terrà la presentazione del progetto di realizzazione de “Il Marrone”: un film indipendente ispirato alla vita di Calogero Marrone, “Giusto tra le Nazioni” che salvò centinaia di ebrei fornendo loro documenti falsi.


Cent'anni dal genocidio dei Greci del Ponto

A cento anni dal genocidio, "della millenaria presenza dei greci dei Ponto sulle coste del Mar Nero sopravvivono la lingua, la cultura, i ricordi - tramandati di generazione in generazione -, e il dovere morale, per noi discendenti dei sopravvissuti, di mantenere viva la memoria delle 353 mila vittime, che non hanno avuto neppure il diritto a una tomba". Di Maria Tatsos, giornalista e scrittrice. 


Polonia, "ebrei invisibili"?

"Dopo il crollo del comunismo, per vent’anni i sondaggi hanno rilevato un indebolimento dell’antisemitismo che sembrava addirittura sparito dal panorama politico. Alla fine degli anni ’90 essere antisemiti è ritornata a essere una posizione accettabile, tollerata." Dall'intervista a Konstanty Gebert di Elisabetta Rosaspina


​Milena, la terribile ragazza di Praga

All’Istituto italiano di Cultura di Praga, di fronte a 160 giovani e ai loro insegnanti, Andreas Pieralli ha presentato il libro di Donatella Sasso, Milena, la terribile ragazza di Praga (Effatà, Cantalupa, 2014), biografia di Milena Jesenská, morta a Ravensbrück nel 1944 e proclamata Giusta fra le Nazioni nel 1994.


In ricordo di Ursula Hirschmann

"Ecco probabilmente Ursula Hirschmann, se fosse presente qui tra noi oggi, inviterebbe i cittadini europei – e in particolare le cittadine europee – ad essere vigili e a votare con coscienza e senso di responsabilità". Di Maria Pia Di Nonno, dellSapienza Università di Roma, autrice di "Europa. Brevi ritratti delle Madri Fondatrici" (Edizioni Nuova Cultura 2017). 


Onore al coraggio

Il 6 marzo ricorre la settima Giornata Europea dei Giusti. L’idea di Giusto di Nissim è diversa da quella di Yad Vashem: Giusto è chiunque abbia sfidato il conformismo dei più rifiutandosi di obbedire a leggi e direttive inique.


Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Multimedia

Fare Memoria a Calvisano

Ruggero Bresciani, Associazione Ideando

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia