English version | Cerca nel sito:

Dal Passato al Presente: i Giusti in mezzo a noi

l'iniziativa di Gariwo per la Giornata della Memoria 2017

24 gennaio 2017
Ore 9.30 – 12.30
Teatro Elfo Puccini, Milano

Celebrare la Giornata della Memoria significa per noi non solo ricordare la tragedia della Shoah, ma anche soffermarsi sul bene fatto da persone giuste in un contesto di male estremo. Ci sembra questo il modo migliore per indicare una strada di speranza. Vogliamo che le azioni dei Giusti ispirino anche oggi le scelte di quanti devono confrontarsi con le guerre, il terrorismo, le emergenze umanitarie. La lezione del passato deve valere anche nel nostro travagliato presente. Non basta affermare che non si devono ripetere mai più gli orrori del passato, occorre anche indicare un modo per raggiungere quell’obiettivo. Anche oggi, come ieri, c’è bisogno dell’esempio dei Giusti.

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto didattico e del Concorso “Adotta un Giusto”, promosso dall’Associazione per il Giardino dei Giusti (composta da Comune di Milano, Gariwo e l’UCEI) ed è rivolta alle scuole di ogni ordine e grado. Nel corso della mattinata saranno presentati e premiati i lavori degli studenti vincitori, ma l’iniziativa è aperta anche alle classi che non hanno partecipato al concorso.

Dopo i saluti istituzionali del presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolè e l’intervento di un fondatore di Gariwo, seguirà il messaggio di Roberto Jarach, Vicepresidente Memoriale della Shoah di Milano, che ci racconterà l’esperienza dell’apertura del Binario 21 ai rifugiati.

Seguirà la testimonianza di Regina Catrambone, che con il marito Christopher ha fondato il MOAS (Migrant Offshore Aid Station) per rispondere all’appello dei disperati che tentano di sbarcare sulle coste del Mediterraneo e ha messo a disposizione il suo patrimonio per organizzare due grandi imbarcazioni di soccorso che coadiuvano il Corpo della Guardia Costiera nelle operazioni di salvataggio dei migranti. E ascolteremo anche la testimonianza di Padre Mussie Zerai, “l’angelo dei profughi”, un eritreo presidente dell’associazione “Habeshia”, che offre assistenza ai richiedenti asilo e ai rifugiati presenti sul territorio italiano.

Seguiranno le presentazioni dei lavori degli studenti e le premiazioni dei vincitori.

Nel corso della mattinata, saranno proiettati brevi video e proposte alcune significative letture sui Giusti che onoreremo al Monte Stella il 15 marzo 2017.

Per info e prenotazioni: didattica@gariwo.net

10 gennaio 2017

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Dal Passato al Presente: i Giusti in mezzo a noi

Iniziativa per il Giorno della Memoria al Teatro Elfo Puccini

Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Multimedia

La didattica di Gariwo per i bambini

Emanuela Bellotti racconta i progetti per i più piccoli

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia