English version | Cerca nel sito:

Giornata dei Giusti 2020 a Milano

scopri tutti gli eventi!

La Giornata dei Giusti si arricchisce di tanti eventi dedicati alle figure esemplari che saranno onorate al Giardino del Monte Stella il prossimo 10 marzo. 

Ecco di seguito l'elenco di tutte le iniziative:

3 marzo, ore 12.30 - RINVIATO

Aula Crociera Alta di Studi Umanistici Università Statale di Milano - Via Festa del Perdono 7
1938: Martinetti e l'Università di Milano di fronte alle leggi razziali

Saluti:
Elio Franzini, rettore Università degli Studi di Milano
Luca Bianchi, direttore del Dipartimento di Filosofia Piero Martinetti
Antonino De Francesco, direttore del Dipartimento Studi Storici
Gabriele Nissim, presidente di Gariwo, la foresta dei Giusti

Interventi:
Curatori della mostra: Emanuele Edallo (Dipartimento Studi Storici); Yuri Gallo (Biblioteca di Filosofia); Luca Natali (Dipartimento di Filosofia); Giovanni Rota (Ispf - Cnr)
Anna Foa, storica, già docente all'Università La Sapienza di Roma

Successiva inaugurazione della mostra documentaria "1938: Martinetti, l'Università di Milano e le Leggi Razziali" nei locali dell'Antica Ghiacciaia, Biblioteca di Filosofia. Mostra che sarà visitabile dal lunedì al venerdì a partire dal 3 marzo sino al 13 marzo. Conterrà documenti sulle vicende relative alla persecuzione antiebraica nell'Università di Milano, con le storie di alcuni professori espulsi; una sezione dedicata al comportamento di Martinetti di fronte alle Leggi Razziali; un approfondimento sulle teorie razziste nel contesto filosofico italiano del Novecento.
L'iniziativa è organizzata da Gariwo in collaborazione con il Dipartimento di Filosofia Piero Martinetti, il Dipartimento di Studi Storici e la Biblioteca di Filosofia.

5 marzo, ore 10.00 - RINVIATO
Aula Magna Università degli Studi Milano Bicocca - Piazza dell’Ateneo Nuovo 1

Dialoghi civili - Essere Giusti per l’ambiente
Parlare di cambiamenti climatici nella Giornata dei Giusti per l’umanità

In occasione della Giornata dei Giusti dell’umanità, partendo da un approfondimento scientifico del tema ambientale, presentazione della Carta delle responsabilità dell’ambiente e delle figure dei Giusti per l’ambiente come Wallace Broecker, scelto per essere onorato al Giardino del Monte Stella.
L’evento è parte della rassegna della Civil Week.

Saluti istituzionali
Prof.ssa Giovanna Iannantuoni - Rettrice
Prof.ssa Maria Grazia Riva - Delegata per la Comunicazione

Introduzione
Maria Luce Frezzotti, Monica Guerra - docenti Unimib

Interventi
Gabriele Nissim - Presidente Gariwo “La responsabilità di un pianeta fragile e i Giusti per l’ambiente”
Enrico Bonatti - Geologo “Il Giusto Wallace Broecker e il riscaldamento globale”
Enea Roveda – Amministratore Delegato Gruppo LifeGate “Com’è cambiata la sostenibilità negli ultimi 20 anni?”
Barbara Delmonte - Docente Unimib “ I ghiacci polari: archivi naturali di storia climatica della Terra”
Micol Rossini - Docente Unimib “L'osservazione della Terra per il monitoraggio degli effetti del cambiamento climatico”
Elena dell'Agnese - Docente Unimib “Il pianeta Terra e gli esseri viventi in un clima che cambia”

Modera
Federico Taddia - Giornalista di Radio 24

8 marzo, ore 10 - CANCELLATO 
Sinagoga centrale, Sala Jarach - Via Guastalla 19
Le donne e la Shoah. Lo straordinario salvataggio di Rosenstrasse

Nel febbraio 1943 circa 2.000 ebrei vennero incarcerati in una struttura sulla Rosenstrasse, nell’ambito della retata finale degli ebrei di Berlino. Da quel momento, centinaia di donne si riunirono in quella strata per protestare, e riuscirono a far liberare tutti i prigionieri.

Saluti:
Milo Hasbani, presidente Comunità ebraica di Milano
Gadi Schoenheit, assessore alla cultura Comunità ebraica di Milano
Gabriele Nissim, presidente Gariwo, la foresta dei Giusti

Interventi:
Rita Kuhn, sopravvissuta alla deportazione grazie alla madre, una delle donne di Rosenstrasse
Nathan Stoltzfus, docente di Storia alla Florida State University

8 marzo, ore 16 - RINVIATO 
Fa’ la cosa giusta - Fieramilanocity, Spazio Comune di Milano
L'eredità morale di Hevrin Khalaf

Incontro con i familiari dell’attivista curda che si batteva per la democrazia, la soluzione pacifica dei conflitti e l’emancipazione delle donne in Siria.
L’evento è parte della rassegna della Civil Week

Interventi:
Saadie Mustafa, madre di Hevrin
Hamid Khalaf, fratello di Hevrin


Le iniziative danno il via alle celebrazioni ufficiali della Giornata dei Giusti a Milano, che si svolgeranno il 9 e il 10 marzo con i seguenti appuntamenti:

9 marzo, ore 21 
Teatro Dal Verme - 
Via S. Giovanni sul Muro
Concerto per i Giusti con i Virtuosi del Teatro alla Scala.
Il concerto è gratuito su prenotazione. Clicca qui per prenotare 

10 marzo, ore 10.30
Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano
Cerimonia di dedica delle targhe ai nuovi Giusti.

10 marzo, ore 15
Sala Alessi, Palazzo Marino - 
Piazza della Scala, 2
Consegna delle pergamene per i Giusti onorati nel Giardino Virtuale.

Per maggiori informazioni: 
0236707648
segreteria@gariwo.net

11 febbraio 2020

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia