English version | Cerca nel sito:

​Giornata dei Giusti: memoria dell’offesa, memoria della scelta

di Anna Foa

Alla memoria dell’offesa, che vogliamo preservare da ogni tentativo di negazione, di rimozione, di indifferenza, vogliamo accostare la memoria della resistenza, della scelta. Alla Giornata della Memoria, che è la memoria dell’offesa, vogliamo accostare la Giornata dei Giusti. Se ne sentiva davvero il bisogno? Credo proprio di sì, e per molti motivi. Non si tratta di creare un’altra ricorrenza, ma di cercare attraverso la memoria dei Giusti di illuminare i problemi dell’oggi, di stimolare con l’esempio le scelte responsabili dell’oggi. Ricordando i Giusti, infatti, onorandone il coraggio e le azioni, interveniamo direttamente nella qualità della memoria dell’offesa - cioè della memoria della Shoah - e ne limitiamo possibili chiusure, eventuali fossilizzazioni. Attraverso i Giusti, possiamo guardare trasversalmente a tutti i genocidi che hanno caratterizzato il Novecento, a tutte le violenze che lo hanno segnato, perpetuando la memoria di quanti hanno fatto scelte di vita, hanno aiutato le vittime, hanno guardato in faccia il male. Alcuni non per una volta sola, come quell’Armin Wegner di cui Gabriele Nissim ci ha con maestria raccontato la storia, che ha saputo reagire tanto al genocidio degli armeni che a Hitler. Attraverso la memoria dei Giusti, che ci consente il confronto, rinunciamo a guardare l’offesa solo attraverso gli occhi delle vittime, abbandoniamo ogni tentazione di mettere in concorrenza le vittime. Il confronto tra i genocidi non mira a costruire una graduatoria del male ma, arricchito dall’esempio di quanti hanno consapevolmente e coraggiosamente scelto il bene, a sottolineare anche la forza eterna dell’esempio, la libertà dell’individuo di scegliere il bene.

Abbiamo molte volte ripetuto, e ne siamo tuttora convinti, che ciò che distingue gli ebrei (e in un certo senso anche i rom e i sinti) dalle altre vittime non è tanto la quantità del male subito, ma il fatto di averlo subito senza scelta, per il solo fatto di essere nati. È vero, certo, ce ne parla anche Primo Levi in un confronto tra gli internati militari e gli ebrei. Gli ebrei non hanno scelto, anche perché non avevano alcuna possibilità di scelta. Ma se solo l’avessero avuta (e nel campo riemerge sotto altre forme, ad esempio nei kapò) ecco che sarebbero stati riportati a quel calderone di varia umanità (i prigionieri, gli esseri umani) che potevano cercare di sopravvivere a spese dell’altro oppure dedicare la loro vita a salvarlo.

Ed ecco che ricordare i Giusti, ricostruirne le storie tanto spesso dimenticate, le scelte sofferte e dense di pericoli, ci aiuta a ricomporre quella storia, la memoria dell’offesa. Non solo storia di vittime ma storia di Giusti, di salvatori. E il male è ciò che ha avuto bisogno di giusti per non trionfare. C’è nella nostra volontà di celebrare i Giusti un bisogno di ricomposizione, di tikkun. Un bisogno di riportare le vittime per eccellenza, gli ebrei, dentro l’umanità tutta. Non solo vittime, potremmo dire. Esseri umani, innanzi tutto, come coloro che hanno provato a salvarli, a proteggerli. Nessun ebreo in Italia, è stato detto, si sarebbe salvato se non ci fosse stata la mano di un non ebreo protesa a sorreggerlo, nasconderlo, nutrirlo. Sottrarlo al suo destino di vittima e rimetterlo fra gli esseri umani. Questo dobbiamo trasmettere per far sì che la memoria non sia una parola vuota e che le generazioni imparino a scegliere e ad essere responsabili.

Anna Foa, storica e docente all'Università La Sapienza di Roma

Analisi di Anna Foa, storica e docente all'Università La Sapienza di Roma

23 settembre 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Scopri tra gli Editoriali

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia