Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Giorno del Ricordo

per le vittime delle Foibe

Oggi lo Stato italiano celebra il Giorno del Ricordo per le vittime delle Foibe, istituito dalla legge 92 del 30 marzo 2004. Le foibe sono cavità carsiche dove fra il 1943 e il 1947 sono stati gettati, vivi e morti, quasi diecimila italiani.

Dopo la firma dell’armistizio dell’8 settembre 1943 in Istria e in Dalmazia i partigiani slavi si scagliano contro i fascisti e gli italiani non comunisti considerati invasori.

Nella primavera del 1945, la Jugoslavia occupa Trieste, Gorizia e l’Istria e il suo esercito si scatena contro gli italiani. Finiscono dentro le foibe fascisti, cattolici, liberaldemocratici, socialisti, uomini di chiesa, donne, anziani e bambini. La persecuzione continua fino al 1947,quando viene fissato il confine fra Italia e Jugoslavia.

Il luogo simbolo dell'eccidio è la Foiba di Basovizza, dichiarato monumento nazionale. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha dichiarato, nel corso della Cerimonia al Quirinale: "In ciascun Paese si ha il dovere di coltivare le proprie memorie, di non cancellare le tracce delle sofferenze subite dal proprio popolo". 

In occasione delle Manifestazioni per il Giorno del Ricordo la Rai ha prodotto il primo documentario in 3D dal titolo Foibe, scritto e diretto da Roberto Olla, che raccoglie importanti testimonianze di Graziano Udovisi , sopravvissuto alla foiba e morto lo scorso anno, e di Licia Cossetto, sorella della vittima Norma.

Marcello Veneziani scrive sulle colonne de Il Giornale "È malefico identificare la memoria con l’orrore, come accade in queste giornate dedicate ai genocidi. Pri­mo, perché la memoria non può essere monopolizzata dall’orrore e identificata con gli stermini, ma devono trovar posto anche i ricordi storici di eventi positivi.

Secondo, perché la memoria non va esercitata solo con eventi pubblici e tra­gici ma anche con ricordi teneri e priva­ti, perché la sede dei ricordi è il cuore e non il tribunale. Terzo, perché se ricor­dare è sempre un tornare sugli orrori, se la storia va studiata solo come teatro del Male, la gente alla fine preferisce dimen­ticare per continuare a vivere e pensare al futuro".

10 febbraio 2011

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Multimedia

I Giardini delle Giuste e dei Giusti

i progetti sui Giusti in Sicilia

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia