English version | Cerca nel sito:

Giorno della Memoria 2014

Calendario delle iniziative

Il 27 gennaio, data della liberazione del capo di Auschwitz, si celebra la Giornata della Memoria,  riconosciuta dalle Nazioni Unite e celebrata anche in Italia dal 2001 dopo che il parlamento ha votato, nel luglio 2000, la legge per istituire questa ricorrenza. 
Come ogni anno, le città italiane organizzano numerose iniziative per ricordare le vittime del nazismo e lo sterminio degli ebrei.

GLI EVENTI DI GARIWO

20 gennaio, Milano: in collaborazione con la Fondazione Memoriale della Shoah per la Giornata della Memoria 2014, iniziativa I Giusti lungo i binari della responsabilità personale. Spettacolo teatrale "Il Memorioso", un monologo di Massimiliano Speziani e Paola Bigatto ispirato alla figura di Moshe Bejski e tratto dai libri di Gabriele Nissim La bontà insensata e Il tribunale del bene. Interventi di Cecile Kyenge, Ministro per l'integrazione, Roberto Jarach, presidente Fondazione Memoriale della Shoah e Gabriele Nissim, presidente di Gariwo. Ore 18.30, Memoriale della Shoah

Dal 21 al 24 gennaio, Milano: visite guidate, per le scuole medie e superiori, al Giardino dei Giusti di tutto il mondo. A cura della Commissione didattica di Gariwo. Ore 9, Giardino dei Giusti del Monte Stella

27 gennaio, Firenze: Meeting organizzato dalla Regione Toscana Chi salva una vita, salva il mondo intero. Alla ricerca dei Giusti. Saluti di Matteo Renzi, Sindaco del Comune di Firenze, Andrea Pieroni, Presidente Unione Province Italiane ed Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana. Interventi di Tatiana e Andra Bucci, deportate ad Auschwitz, Kitty Braun Falaschi, deportata a Ravensbrück e Bergen-Belsen, Marcello Martini, giovane staffetta partigiana  e deportato a Mauthausen, Antonio Ceseri, internato in Germania come militare e sopravvissuto alla strage di soldati italiani di Treuenbrietzen, Kleoniki Valleri, Presidente del Parlamento degli studenti della Toscana, Thomas Punkenhofer, Sindaco del Comune di Mauthausen, Claire Ly, sopravvissuta e testimone del genocidio cambogiano, Gabriele Nissim, presidente di Gariwo. Ore 9.30, Nelson Mandela forum (Viale Paoli)

27 gennaio, Praga: l’Istituto Italiano di Cultura di Praga organizza un incontro con Helga Weiss, autrice del volume Il diario di Helga. La vita di una ragazza nei campi di Terezin e Auschwitz. Intervienti di Ivan Klíma , scrittore e saggista e Letizia Kostner, con un contributo filmato fornito da “TG 1 Storia”. Nel corso della presentazione verrà proiettato il cortometraggio Helga L520 del regista Miloš Zvěřina 


29 gennaio, Riva del Garda: incontro con le scuole elementari e medie Giornata della Memoria della Shoah. Adottiamo un Giusto: un albero per ogni uomo che ha scelto il bene. Interventi di Annamaria Samuelli ed Emanuela Bellotti, della Commissione didattica di Gariwo, e piantumazione di un melograno con le dediche per i Giusti scritte dai bambin.  Ore 9, Sala Comprensoriale della Comunità di Valle del C9



IL CALENDARIO

12 gennaio, Venezia: Deposizione delle “Pietre d'inciampo”, ideate dall'artista Gunter Demnig, posizionate davanti alla casa in cui abitò il deportato e sulle quali è inciso il  nome, l'anno di nascita, la data di deportazione e quella della morte. Ore 11, campo del Ghetto Novo

Dal 13 al 16 gennaio, Trento: Incontri con Susanne Raweh, sopravvissuta alla Shoah e autrice del libro La storia della nonna bambina. La Shoah raccontata ai bambini. Sede della Fondazione Caritro, Via Calepina 1.

Dal 17 gennaio al 2 febbraio, Asola (Mn): al Museo Civico mostra Budapest, i luoghi di Perlasca del giornalista Massimo Moscardi. Inaugurazione 17 gennaio ore 18.00 

18 gennaio, Modica: incontro  Il dramma della shoah tra storia e teologia,coordinato da Fiorenza Cirmi e sviluppato da Teresa Floridia, docente di storia e filosofia nel Liceo classico di Modica e dal Presidente del Caffè Quasimodo Domenico Pisana. Letture di Daniela Fava e Giovanni Peligra

Dal 18 al 26 gennaio, Cevo (BS): Mostra bibliografica Per non dimenticare, dedicata alla Shoah e concorso per le scuole Voci della memoria: le donne nella Resistenza. Museo della Resistenza di Valsaviore, Via Guglielmo Marconi 38 

20 gennaio, Firenze: Convegno su Enrica Calabresi, in occasione del settantesimo anniversario dalla sua scomparsa. A cura dell'associazione Amici di Israele della Toscana. Introduce Sara Cividalli, Presidente della Comunità Ebraica di Firenze. Ore 10.00, Sala Servi Via Farini 6

22 gennaio, Milano: La Bocca Ha Divorato il Fiume, spettacolo teatrale sul Porrajmos, lo sterminio nazista del popolo rom. Ore 21.00, Teatro La Scala della Vita - Via Giuseppe Piolti De Bianchi 47 

22 gennaio, Brescia:  Conferenza stampa di presentazione della rassegna Fare memoria. Tra volti e luoghi. Interventi di Emilio Del Bono, Sindaco di Brescia,  Rosa Milini, vice-Sindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Erbusco, Andrea Ratti, Sindaco del Comune di Orzinuovi, Gianmarco Cossandi, Assessore alla Cultura del Comune di Palazzolo sull’Oglio
e Francesca Nodari, direttore scientifico di Filosofi lungo l'Oglio.  Ore 10.15, Sala Giunta del Comune di Brescia

22 gennaio, Firenze:  Ricordare cantando, concerto del musicista e celebre burattinaio Piero Nissim, affiancato dalla chitarra di Francesco Guarneri. L'appuntamento sarà presentato dallo storico medievale Michele Luzzati, con un intervento dell’assessore alla cultura del Comune di Firenze Sergio Givone. Seguirà la proiezione del documentario Giorgio Nissim. Un eroe semplice, realizzato dalla giornalista Rai Vera Paggi. Ore alle 17,  Auditorium dell’Ente Cassa di Risparmio (via Folco Portinari 5)

Dal 23 gennaio al 28 febbraio, Padova: Wahrheit macht frei - Auschwitz, la verità rende liberimostra fotografica di Elisa Mortin e Giancarlo Soncin sul campo di Auschwitz. La mostra si compone di circa 100 scatti in bianco e nero raccolti durante 3 viaggi in Polonia tra il 2012 e il 2013 ed è corredata da contenuti storici che conducono il visitatore in un viaggio a ritroso nel tempo, calandolo nella drammatica realtà di un Campo di Concentramento. Inaugurazione il 23 gennaio alle ore 18 presso le Scuderie di palazzo Moroni.

23 gennaio, Lugano: adattamento teatrale di Se questo è un uomo di Primo Levi, a cura di Delia Cajelli. Con troupe teatrale e la presenza in scena di 200 allievi delle scuole medie del luganese. Ore 15, Palazzo dei Congressi, Sala B

23 gennaio, Catania: premiazione del concorso per studenti indetto dall'Università di Catania. Il progetto prevede due borse di studio per il miglior scritto o cortometraggio realizzato sul tema della Shoah. Aula magna dell'Università (Piazza Università 2), ore 17.00

24 gennaio, Milano: incontro Il valore della testimonianza. Interventi di Massimo Castoldi, Fondazione Memoria della Deportazione, Giuliano Pisapia, Sindaco di Milano, Gianfranco Marsi, presidente ANED, Venazio Gibillini, deportato a Flossenburg e Dachau e Liliana Segre, deportata ad Auschwiitz. Ore 11, Sala convegni di Palazzo Reale

24 gennaio, San Giorgio su Legnano: i rappresentati di due famiglie, i Bassi e i Contente - legati da una vicenda di silenzioso eroismo negli anni della caccia agli ebrei - incontrano gli alunni della Scuola Media. In collaborazione con Associazione Senza Confini. Ore 10.00, Sala Consiliare “Giacomo Bassi” del Palazzo Comunale 

24 gennaio, Alessandria: ore 9,30 davanti alla Sinagoga di via Milano, saluto delle autorità, Lettura dei nomi dei deportati alessandrini morti nei campi di sterminio, Preghiera interreligiosa. Segue un corteo di trasferimento per le vie della città fino al Carro della Memoria, piazzale Deportati Ebrei (tra via Scassi e piazzale Berlinguer). Accensione del Braciere della Memoria e, a seguire, preghiera per le vittime della Shoah e riflessioni sulla Shoah da parte degli studenti delle scuole cittadine

25 gennaio, Faenza: cerimonia inaugurale della Mostra didattico-documentaria La Shoah in "Europa" nelle pagine del Diario di Anna Frank. Ore 10.30, Auditorium Don Milani dell'IC Europea (via Corbari) 

25 gennaio, Maratea: incontro con gli studenti I Giusti, la memoria, la Shoah. Interventi di Franco Perlasca, figlio del Giusto Giorgio, e Andrea Ungari, docente di Storia contemporanea dell'Università Marconi di Roma. Ore 18, Sala biblioteca ISIS.

25 gennaio, Siracusa: Shoah: in memoria ed onore di Settimia Spizzichino. Incontro con Carla di Veroli, nipote di Settimia Spizzichino e componente dell'ANED. Ore 9.30, Sala Borsellino di Palazzo del Vermexio

25 gennaio, Busto Arsizio: Spettacolo “Yossl Rakover si rivolge a Dio”, tratto dal libro di Kolitz Zvi, a cura della Compagnia Teatrale “I Tubì”. Ore 18, Biblioteca comunale. Qui il programma completo delle iniziative di Busto Arsizio


25 gennaio, Marostica: I Giusti tra le Nazioni - San Zenone, uan comunità di giusti. Incontro con gli studenti. Ore 10 -11, Aula Magna Istituto comprensivo di Marostica.

25 gennaio, Castelsardo: L’Istituto Comprensivo Eleonora d’Arborea ospita l’Istituto Comprensivo di Orani "Bambini nella Shoah". Inaugurazione mostra I campi dello sterminio.
Presentazione e coordinamento di Marina Moncelsi. Ore 9,30.


Dal 25 gennaio al 1 febbraio, Locate Triulzi:  BERESHIT, esposizione di Valentina Carrera a cura di Alessandro Baito. L'esposizione sarà visitabile secondo i seguenti orari: sabato 25 e domenica 26 dalle 15 alle 19, sabato 1 dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19, gli altri giorni su appuntamento. Ore 15.00, presso l'Auditorium di via Calori 9


26 gennaio, Milano: partecipazione di Vera Vigevani Jarach alla trasmissione di Fabio Fazio Che tempo che fa, per presentare il progetto, Il rumore della memoria. Il viaggio di Vera dalla Shoah ai desaparecidos del regista Marco Bechis in collaborazione con i giornalisti del Corriere della Sera Antonio Ferrari e Alessia Rastelli


26 gennaio, Roma: progetto "Identità e rinascita. Incontro culturale e artistico dedicato al giorno della Memoria", organizzato dall'Associazione Prospettive Mediterranee. Incontro-dibattito nel quale si esploreranno i temi della riscoperta e della ricostruzione dell’identità culturale, politica, storico-sociale del popolo ebraico in un momento di emergenza e crisi, quale è stato l’immediato dopoguerra. Ore 10-12, Stazione Ostiense

26 gennaio, Bitonto: presentazione del progetto "Le libertà. Negate, conquistate, cercate". Saluti di Michele Abbaticchio, Sindaco di Bitonto, Rocco Mangini, Assessore al Marketing Territoriale, Vito Masciale, Assessore all'Istruzione, Domerio Mundo, preside Liceo linguistico European Language School. Inaugurazione mostra "E la memoria salverà il mondo". Ore 17, European Language School. Qui il programma completo delle iniziative, che arriveranno fino al 10 marzo, per l'inaugurazione del Giardino dei Giusti


27 gennaio, Milano:  Concerto "Neve diventeremo" del gruppo dei 7grani. Il progetto è ispirato alla storia del partigiano deportato a Buchenwald Rado Zuccon. Ore 18, Feltrinelli Express (Stazione Centrale - Piazza Duca d'Aosta) 

27 gennaio, Milano: Milano ricorda la Shoah. Concerto, riflessioni e testimonianze. Ore 20.00, Sala Verdi del Conservatorio G. Verdi di Milano. Ingresso libero fino ad esaurimento posti

27 gennaio, Milano:
incontro Noi, testimoni oggi. Interventi di Gad Lerner, giornalista, ed Eugenio Schek, presidente del Centro Studi Beth Shlomò. A seguire mostra fotografica sul tema della memoria preparata dagli studenti del liceo S. Allende. Ore 9.30, Auditorium Centro Puecher (Via Ulisse Dini 7)

27 gennaio, Milano: 
Consegna del Fondo Pupino Samonà e mostra del progetto per il Memoriale italiano di Auschwitz, in collaborazione con il Dipartimento di Architttura dell’ Università d Palermo, il dArTe  Università Mediterranea di Reggio Calabria. Intervengono: Paolo A. Samonà, Luciano Formica, Coordinatore della Scuola di restauro e Maria Chiara Palandri, Docente di Restauro dei materiali cartacei. Ore 10, 30, Sala Napoleonica, Accademia di Belle Arti di Brera.


27 gennaio, Sesto San GiovanniConvegno per docenti e studenti La deportazione femminile. Voci di donne: il modo specifico in cui le donne hanno vissuto e poi raccontato il lager. Presiede Bruno Bersani, presidente del comitato “In treno per la memoria”; introduce Nino Baseotto, segretario Cgil Lombardia. Ore 9, Spazioarte (via Maestri del Lavoro)

27 gennaio, Tivoli: L'orologio del ferroviere, teatro canzone sulla storia di Michele Bolgia, ferroviere della stazione Tiburtina durante l'occupazione nazifascista di Roma. Con Alberto Marchetti, Paolo Alimonti e Franco Marchetti. Ore 9 e ore 11, Auditorium dell'Istituto Fermi (Via Acquaregna)

27 gennaio, Seveso: "Tracce di Memoria", rappresentazione teatrale sulla Shoah degli allievi dell'Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci, con la collaborazione dell'Associazione Cartanima Teatro e dell'Associazione Senza Confini. Ore 21, Centro pastorale ambrosiano

27 gennaio, Carate Brianza: Conferenza a cura del Prof. Pietro Tosco – docente di Letteratura Russa alle Università di Verona e Mosca – sul romanzo ‘Vita e destino’ di Vasilij Grossman, per gli studenti di alcune classi dell’ITIS ‘Leonardo Da Vinci’ e del Liceo ‘Don Gnocchi’. Ore 11,00, Auditorium BCC - via S. Pellico

27 gennaio, Napoli:
Concerto della Memoria, con musiche di Puccini, Verdi, Poulenc, Bernstein. Ore 18,00, Teatro San Carlo

27 gennaio, San Vincenzo:
Le leggi razziali. Lettura teatralizzata dell'associazione LaAV - Lettura ad Alta Voce - e musica dal vivo per ricostruire in chiave drammaturgica gli eventi e le testimonianze delle vittime delle leggi razziali. Ore 21, Teatro Verdi

Dal 27 gennaio al 4 maggio, Sarno
: Mostra fotografica I bambini della Shoah, presso il Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno


27 gennaio, Foggia: 1945-2014. Presente e memoria, un percorso tra arte e storia a cure delle classi quinte della scuola primaria e dell'infanzia San Giovanni Bosco. Interventi di Vincenzo Pietradura, figlio di un deportato a Dachau, Francesco Lo Toro, ricercatore di musica concentrazionaria, Rosalbina Perricone, presidente UNICEF, Antonio LoMele, artista.

27 gennaio, Padova: Caro bambino mio, c'è stata una ragione. Reading musicale di Valeria Palumbo su Alice Herz-Sommer, con i ragazzi della scuola Bacone. Ore 11,45, Sala dei Giganti al Liviano


27 gennaio, Bolzano: Nadia Neri, psicologa e autrice del libro "Un'estrema compassione" (Mondadori), presenta la figura di Etty Hillesum. A cura di Mirella Sandrini. Aula Magna del liceo classico G. Carducci


27 gennaio, Saronno: Incontro con Don Giovanni Barbareschi, scout del gruppo clandestino Aquile Randagie, cappellano Brigate Fiamme Verdi, Medaglia d'Argento della Resistenza. Ore 10, Teatro Giuditta Pasta (Via 1 Maggio). In serata, alle 21, concerto live "Cantando con le Aquile Randagie", la storia degli scout che si ribellarono al fascismo raccontata con le loro canzoni


27 e 28 gennaio, Padova: proiezione del film Hannah Arendt, di Margaret Von Trotta. Ore 18.30 e 21.30, Cinema Mpx (Via Bonporti 10)

28 gennaio, Cesena: Più che mediocre - Ovvero storia di un incontro tra un monaco e una famiglia ebrea. Di Lelia Serra, da un’idea di Filippo Panzavolta.  Ore 10, Teatro Verdi 


28 gennaio, Riva del Garda:  "Destinatario sconosciuto" di Katherine Kressmann Taylor (ed. Bur Rizzoli) a cura del Gruppo il Tè delle letture, regia di Sabrina Simonetto.
Ore 20,30, Biblioteca Civica

29 gennaio, Milano: il Centro Pime di Milano, in collaborazione con l’Editrice 66thand2nd, organizza una serata di approfondimento e riflessione, allargando lo sguardo anche al genocidio del Rwanda. Un’occasione per fare memoria, ma anche per immaginare percorsi di giustizia e riconciliazione. Interventi di Gabriele Nissim, presidente di Gariwo, e Scholastique Mukasonga, scrittrice rwandese. Ore 21, Centro Pime

29 gennaio, San Donato Milanese:
presentazione del libro La strada del coraggio. Gino Bartali, eroe silenzioso. Introduzione di Antonia Broglia, Presidente Commissione biblioteca di San Donato, Salvatore Pennisi e Cristiana Zanetti di Gariwo. Ore 21, Cascina Roma - Piazza delle Arti


29 gennaio, Mirandola: Presentazione del libro Odoardo Focherini. Lettere dalla prigionia e dai campi di concentramento (ed EDB). Saluto di Maino Benatti, sindaco di Mirandola, Don Luca Baraldi, responsabile del tavolo di lavoro per la Beatificazione. Interventi di Francesco Mai, ricercatore, Maria Peri e Odoardo Semellini, curatori del volume. Ore 20.30, Auditorium Scuole Medie Montanari (Via D. Pietri 4) 


29 gennaio, Castellanza: spettacolo teatrale "I giusti tra le nazioni", realizzato dagli studenti dell'Istituto Fermi e della Scuola Media San Giulio in collaborazione con l'Associazione I Drammanauti. Il progetto che ha portato alla realizzazione di questa iniziativa è nato dopo la visione del Memorioso, lo spettacolo di Massimiliano Speziani con regia di Paola Bigatto tratto dai libri di Gabriele Nissim. Ore 21, Teatro di Via Dante


Dal 30 gennaio al 2 febbraio, Milano: spettacolo teatrale Alice, 88 tasti nella storia, della Compagnia Note di Quinta. Ore 18,30, Teatro Oscar di via Lattanzio

31 gennaio, Thiene (Vi)incontro riservato agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado Giorgio Perlasca, il padovano Giusto tra le Nazioni. Interviene Franco Perlasca, custode della memoria del padre. 


31 gennaio, Nuoro: l’Istituto Tecnico G.P.Chironi ospita Mario Avagliano per parlare del suo libro Di pura razza italiana. L’Italia “ariana” di fronte alle leggi razziali. Coordina Marina Moncelsi. Ore 18, aula Magna ITC Chironi, via Toscana


3 febbraio, Castione della Presolana: "Luoghi di storia e memoria. I campi della deportazione". Conferenza di Angelo Bendotti dedicata agli studenti. Ore 10, Scuola media di Castione

10 gennaio 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Il libro

Spie e zie

Siegmund Ginzberg

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia