Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Giorno della Memoria 2018

calendario iniziative

Il 27 gennaio viene celebrata la liberazione del campo di sterminio di Auschwitz e con essa la Giornata della Memoria. Questa ricorrenza è riconosciuta dalle Nazioni Unite e viene celebrata anche in Italia dal 2001, dopo l'approvazione del Parlamento nel 2000 del disegno di legge volto a riconoscere questa ricorrenza.

Come ogni anno, le città italiane organizzano numerose iniziative per ricordare le vittime del nazismo e lo sterminio degli ebrei.

GLI EVENTI DI GARIWO

24 gennaio, Milano Teatro Elfo Puccini“Responsabilità contro indifferenza. Oggi come ieri scegliamo di accogliere. Il programma, dalle 9.30 alle 12.30, propone la testimonianza di Roberto Jarach, vicepresidente della Fondazione Memoriale della Shoah di Milano, che racconta l’esperienza di ospitalità ai profughi fornita dal Binario 21 e dialoga con il Presidente di Gariwo, Gabriele Nissim. Elisa Giunipero racconta la storia degli ebrei a Shanghai e di Ho Feng Shang, console cinese a Vienna durante la Seconda guerra mondiale, uno dei primi diplomatici a impegnarsi nella difesa degli ebrei. A seguire testimonianza di Emilio Barbarani, che operò nell’Ambasciata italiana a Santiago del Cile negli anni ’70. Concludono gli interventi il console armeno e co-fondatore di Gariwo, Pietro Kuciukian, e il giornalista Simone Zoppellaro.

VI SEGNALIAMO ANCHE

18 gennaio, Roma “Il Processo”. A 80 anni dalla firma delle leggi “per la difesa della razza”. L’“incontro - processo” ai provvedimenti razziali fascisti - organizzato dalla giornalista Viviana Kasam e Marilena Citelli Francese, a cura di Elisa Greco - si terrà alle ore 20.30 presso l’Auditorium Parco della Musica Sala Sinopoli.

20 gennaio, Seveso (MB)“I cittadini di Seveso incontrano i fedeli della Città di San Francesco”. Santa Messa “Ai martiri dei genocidi” presso il Santuario di San Pietro Martire di Seveso (ore 19). A seguire Cena Conviviale di gemellaggio presso l’Oratorio Paolo VI (ore 20.15) e Saluti di Don Carlo Pirotta e delle Autorità cittadine (ore 21.30). MEMORIE, a cura di Marina Rosati - ideatrice e curatrice del “Museo della Memoria, Assisi 1943-44”.

20 e 21 gennaio, Assisi: in occasione del primo del ciclo di incontri "Assisi ricorda la Shoah" viene organizzata una escursione a Milano con visita guidata al Giardino dei Giusti e al Memoriale della Shoah. Durante la giornata, vi saranno due incontri sui Giusti e una cerimonia di messa a dimora di un albero dedicato al Vescovado di Assisi. Inoltre, si celebrerà il gemellaggio con il Giardino dei Giusti di Solaro (MI).

21 gennaio, Parco delle Groane di Solaro (MB)“Giorno della Memoria per il Parco delle Groane. Ore 9.30, con il saluto delle Autorità si apre la produzione teatrale Assisi 1943-1945. Ore 11 Cerimonia al Bosco in onore dei Giusti di Assisi (albero e cippo dedicato a Mons. Giuseppe Placido Nicolini e Don Aldo Brunacci, già Giusti tra le Nazioni). Nel pomeriggio, alle 14, visita al Memoriale della Shoah di Milano, accompagnata dal Presidente della Comunità Ebraica di Milano e dal Rabbino Capo Rav Alfonso Arbib. Sarà presente anche il Presidente del Consiglio Comunale Lamberto Bertolé.

21 gennaio, Milano: alle ore 10, visita guidata al Binario 21 e al Memoriale della Shoah, seguita alle ore 11 dalla conferenza L’impegno della memoria per contrastare, oggi, odio e indifferenza nella Sala Reale della Stazione Centrale, organizzata da ANPI Biassono e Associazione Culturale Osculati. Partecipano all’iniziativa Stefano Malorgio, Segretario Filt Cgil Lombardia, Antonio Chiodo, di Emergency Monza e Brianza, Aldo Luperini, della Comunità Ebraica Progressiva Lev Cadash, Loris Maconi, Segretario Anpi Monza e Brianza.

22 gennaio, Lugano: “La questione del negazionismo: dalla Shoah al Web”. Alle ore 18 al LUX art house dibattito sul negazionismo con Manuela Consonni, direttore di The Vidal Sassoon International for Study of the Antisemitism, Gadi Luzzato Voghera, direttore CDEC, e Pietro Kuciukian, scrittore e console onorario della Repubblica d'Armenia in Italia. Modera la sessione l’organizzatrice dell’evento Viviana Kasam, presidente BrainCircleItalia - associazione che si occupa da quattro anni di realizzare gli eventi inaugurali per il Giorno della Memoria, sotto l’egida della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dell’UCEI. Prima del dibattito, anche nelle date seguenti, verrà proiettato il film Denial - La verità negata di Mick Jackson, che racconta magistralmente questo tema attuale.

22 gennaio, Milano: alle ore 11, preso la Casa dei Diritti di Milano, si terrà la conferenza stampa “Le università di Milano sui treni della memoria” sul progetto educativo “Promemoria_Auschwitz”, realizzato dalle associazioni "DEINA” e “Il Razzismo è una brutta storia”. Grazie a questo progetto, più di 1400 giovani visiteranno nel febbraio 2018 gli ex lager di Auschwitz e Birkenau, confrontandosi tra loro in una serie di incontri sul tema del razzismo nella società di oggi.

23 gennaio, Milano: “La questione del negazionismo: dalla Shoah al Web”. Al cinema Spazio Oberdan, ore 18.30, dibattito sul negazionismo con Manuela Consonni, Stefano Gatti, esperto di negazionismo in rete, e Gabriele Nissim, presidente di Gariwo. Modera la sessione l’organizzatrice dell’evento Viviana Kasam.

23 gennaio, Benevento: alle ore 19.00, presso l’Auditorium “San Vittorino”, promosso dal Rotary Club di Benevento si terrà un dibattito pubblico sul tema "La legislazione razziale italiana. Analisi su: origini, responsabilità e illegittimità a 80 anni dalla sua emanazione". Interverranno il professore Felice Casucci dell’Università degli Studi del Sannio, l’avvocato Davide Jona Falco dell’Unione delle Comunità Ebraiche in Roma. Il dibattito sarà introdotto dal Presidente del Rotary avv. Giovanni Cavuoto e dai saluti del Prefetto Paola Galeone. Coordinatrice la giornalista Enza Nunziato. Letture a cura degli studenti del Liceo Scientifico “G. Rummo” di Benevento.

24 gennaio, Roma: “La questione del negazionismo: dalla Shoah al Web”. Al Teatro Eliseo alle ore 20.00 dibattito sul negazionismo con Manuela Consonni, Anna Foa, storica Università Sapienza di Roma, Arturo di Corinto, giornalista e docente universitario di comunicazione digitale e internet studies. Modera la sessione Viviana Kasam.

24 gennaio, Assisi: alle ore 16, presso la Sala della Conciliazione, si terrà l'incontro “Gino Bartali: l’Uomo, il Ciclista, il Giusto e il suo rapporto con Assisi”, con la partecipazione della nipote Gioia Bartali, Franco Bechis, direttore del Corriere dell’Umbria, e Veronica Cavallucci, Assessore allo Sport. L'evento, il secondo di "Assisi ricorda la Shoah", si aprirà con i saluti del Sindaco Stefania Proietti e del Vescovo Domenico Sorrentino. A seguire, “Assisi e il Giro d’Italia 2018. Itinerario di Pace”.

25 gennaio, Milano“Incontro all’Università della terza età”. Organizzato da Auser Volontariato Forlanini Onlus. Interviene Carlo Sala, membro della Commissione Didattica di Gariwo.

25 gennaio, Milano: Proiezione del film documentario "Alla ricerca delle radici del Male". Organizzata dalla Fondazione CDEC alle ore 17.00 presso la Società Umanitaria. Di Israel Moscati prodotto da Clipper Media con Raicinema. Insieme all'autore del documentario saranno presenti Mino Chamla, della Scuola ebraica di Milano, Gadi Luzzato Voghera, Direttore della Fondazione CDEC, e Ricardo Zanzi, Docente Humanitier di Cinema.

25 gennaio, Benevento: alle ore 17.00, con il Circolo cittadino del Pd e il patrocinio morale della Comunità Ebraica di Napoli, presso la Biblioteca Provinciale “Antonio Mellusi” di Benevento, sarà presentato il libro Vivà. Tra passione e coraggio la storia di Vittoria Nenni” di Antonio Tedesco, dedicato alla figlia di Pietro Nenni, leader del Partito Socialista Italiano, morta nel campo di concentramento di Auschwitz. Interventi programmati del senatore Giorgio Benvenuto e dell’Autore.

25 gennaio, Roma: alle ore 10.00, presso la sede LUMSA, si terrà l’incontro “Totalitarismo e cultura nell’Europa tra le due guerre”, promosso dalla Fondazione Internazionale Raoul Wallenberg. Interverranno Giampaolo Malgeri, Direttore del progretto scuola/lavoro di Lumsa, Claudio Siniscalchi, di Lumsa, Gabriella Yael Franzone, della Comunità ebraica di Roma, Silvia Costantini, della Fondazione Internazionale Raoul Wallenberg, e gli studenti di Lumsa e del Liceo Scientifico Newton. Coordina Gennaro Colangelo, docente Lumsa. 

26 gennaio, Aula Magna IIS “Leonardo da Vinci” Maccarese - Fiumicino (RM): “Le candele della memoria”. L’incontro sulla Shoah con Hora Aboaf, che avrà luogo dalle ore 9.10 alle 11.15. Fa parte di "Appuntamento con la Memoria”, una serie di iniziative - incontri, convegni, rappresentazioni teatrali e cinematografiche - per riflettere sulla storia e la Memoria - organizzata ogni anno dal 2008 dall’Istituto Superiore “Leonardo da Vinci” con il patrocinio del Comune di Fiumicino.

26 gennaio, Nova Milanese (MI): Alla Cena della Legalità di Libera, Associazione nomi e numeri contro le Mafie, verrà riproposta alle ore 21.30 la produzione teatrale Assisi 1943-45.

26 gennaio, Verano Brianza (MB): alle ore 21, nella biblioteca comunale si terrà il confronto interculturale e interreligioso fra le comunità cattolica, musulmana e ebraica La responsabilità e l’educazione di fronte alle sfide dei nostri giorni. Interverranno Maryan Ismail, antropologa ed ex rifugiata politica, Aldo Luperini, della Comunità Ebraica Progressiva Lev Chadash, Don Giovanni Rigamonti, parroco di Verano Brianza. Coordina il presidente ANPI di Verano Brianza.

26 e 27 gennaio, Assisi: in occasione del terzo incontro di "Assisi ricorda la Shoah", dalle ore 10 alle 13 si terranno visite guidate per studenti e cittadini al Museo della Memoria Assisi 1943-1944, allestito presso la Pinacoteca Comunale. A cura di Marina Rosati, direttrice e ideatrice del Museo.

26 e 28 gennaio, Milano: in queste due date, dalle ore 10 alle ore 17.30 (18.00 di domenica) si protranno effettuare gratuitamente visite sia guidate che libere al Memoriale della Shoah. È obbligatoria la prenotazione sul sito TicketOne - costo di gestione della prevendita pari a 1,50€. Il Memoriale resterà inoltre aperto alla cittadinanza tutte le domeniche del mese di febbraio dalle ore 10.00 alle 18.00.

27 gennaio, San Donato Milanese (MI): appuntamento in occasione del Giorno della Memoria presso nell'auditorium del Liceo Scientifico Primo Levi, ore 17. Interverranno Salvatore Pennisi e Cristiana Zanetti, membri della Commissione Didattica di Gariwo. La celebrazione continuerà poi con una studentessa che citerà i sei Giusti scelti dagli studenti: G. Perlasca, Don Barbareschi, G. Bartali, Père Marie-Benoit, Irena Sendler e Oskar Schlinder. Ci sarà poi uno spettacolo che drammatizza le vite di questi Giusti.

27 gennaio, Milano: alle ore 20.00, presso la Sala Verdi del Conservatorio di Musica G. Verdi, l’Associazione Figli della Shoah insieme alla Comunità Ebraica di Milano, la Fondazione CDEC, il Memoriale della Shoah di Milano e a Gariwo organizza l’evento musicale “Destinatario Sconosciuto”, ispirato al romanzo omonimo della scrittrice statunitense Kathrine Kressmann Taylor - ambientato tra la Germania e gli Stati Uniti negli anni torbidi dell’ascesa del nazismo. 

27 gennaio, Milano: “Musica per i Giusti”. Presso l'Auditorium G. Di Vittorio della Camera del Lavoro di Milano alle ore 17.30. Un concerto che è il racconto, tra aneddoti e memorie, della vita e dell’impegno dell’affermato pianista Gaetano Liguori, che - grazie alla collaborazione con Gariwo - si assume in questa occasione il compito di ricordare quelle persone che, in qualsiasi guerra o genocidio, si sono sacrificate per salvare altre vite umane al di là di divisioni etniche, culturali o ideologiche. Insieme al batterista Masismo Pintori e il bassista Roberto Del Piano, Liguori porta alla Camera del Lavoro l’unione tra aspetti artistici e impegno sociale.

27 gennaio, Seveso (MB): "Storie e Memorie" dalle interviste del documentarista Puccy Paleari. Durante l'incontro si parlerà di storia locale e deportazione. Verrà inoltre presentato il libro di Pietro Arienti "Dalla Brianza ai lager del Terzo Reich". 

27 gennaio, Milano: presso la Palazzina Liberty di Milano alle ore 14.30 si svolgerà una Conferenza-concerto sulla musica del compositore italiano di religione ebraica Mario Castelnuovo Tedesco, costretto alla fuga negli USA in seguito alle leggi razziali. I relatori saranno Filippo Del Corno, Assessore alla cultura del Comune di Milano, Oreste Bossini, critico musicale e giornalista di Rai3, Mila De Santis, storica.

27 gennaio, Benevento: alle ore 11.00, al Palazzo del Governo gli studenti del Liceo “G. Guacci” di Benevento eseguiranno brani musicali di Ilse Weber, poetessa e musicista ebrea deportata a Tezerìn e ad Aushwitz e leggeranno testi sulle tematiche legate al Giorno della Memoria.

27 gennaio, Meleto - Castelnuovo (AR): alle ore 9.00 passeggiata della Memoria. Musica e parole con le voci di Marco Badiali e Giammarco Lovari. Parteciperanno anche gli studenti delle classi prime e seconde della scuola secondaria dell’Istituto Comprensivo “Dante Alighieri”. Al termine della passeggiata al Mine inaugurazione dell'installazione “Porta Pensieri”.

27 gennaio, Cadorago (CO): alle ore 10, presso l'Istituto Comprensivo di Cadorago, gli studenti presenteranno i propri materiali di approfondimento sul tema "La memoria del bene". In questa occasione verranno ricordati i Giusti di Cadorago, insieme ai Giusti di ieri e di oggi.

27 gennaio, Torre de' Passeri (Pescara): Da nove anni la città bandisce il concorso "I giovani ricordano la Shoah", rivolto agli studenti. Quest'anno verrà organizzata una premiazione con esibizione canora degli studenti che proporranno brani legati al tema. In palio un Viaggio della memoria organizzato dal Comune.

27 gennaio, Offida (AP): alle ore 10.30, presso il Teatro Serpente Aureo, avrà luogo una reading di musica e poesia per il Giorno della Memoria. Ingresso libero.

28 gennaio, Assisi: alle ore 15, “Itinerario alla scoperta dei luoghi assisani della Memoria”, una visita guidata al complesso monumentale della Basilica di San Francesco dove furono accolti gli ebrei, a cura di Sergio Fusetti (responsabile dei restauri della Basilica). L'evento chiude il ciclo di incontri "Assisi ricorda la Shoah".

28 gennaio, Roma: alle ore 10.30, presso la Sala della Guerra della Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea, verrà inaugurata la quarta edizione della mostra "La Shoah dell'Arte: Architetture della Shoah", focalizzata sullo spazio urbano e sulle architetture della Shoah. L'inaugurazione si aprirà con la presentazione dei libri "Hitler non è mai esistito - Un memorabile oblio" di Furio Colombo e Vittorio Pavoncello e "I Quaderni della Shoah 2015-2017". Seguiranno inoltre numerose altre performance, come indicate dal programma.

30 gennaio, Benevento: alle ore 11.00, presso il Salone della Prefettura al Palazzo del Governo, si terrà la conferenza “Esclusi per legge. Riflessioni a ottanta anni dalla promulgazione delle leggi razziali” di Valerio Di Porto, Consigliere parlamentare della Camera dei Deputati. Interverrà Gerardo Giuliano, Giudice presso il Tribunale di Benevento. Parteciperanno gli studenti.

30 gennaio, Roma: alle ore 17, presso la Casa della Memoria e della Storia, si terrà l’incontro “Giusti di ieri e Giusti di oggi”, organizzato dalla Comunità Ebraica Progressiva Beth Hillel Roma e da Gariwo. Interverranno Anna Foa, storica, e Pupa Garibba, ricercatrice di storia orale.

31 gennaio, Aula Magna IIS “Leonardo da Vinci” Maccarese - Fiumicino (RM): “Auschwitz: “viaggio all’inferno” di Giovanni Anfuso - Produzione Raffaello. La rappresentazione teatrale sul tema della Shoah si terrà dalle ore 9.10 alle 11.15 e fa parte di "Appuntamento con la Memoria”.

31 gennaio, Abbiategrasso (MI): Al Cinema Al Corso alle ore 21.15, il gruppo teatrale WIP dell'ISS Bachelet di Abbiategrasso presenta lo spettacolo "Il cuore pensante. Tracce di memoria dal Diario di Etty Hillesum. Regia di Maurizio Brandalese. 

1 febbraio, Milano: alle ore 18.00 si terrà presso il Memoriale della Shoah la presentazione del libro di Sergio Luzzatto “I bambini di Moshe. Gli orfani della Shoah e la nascita di Israele” - il quale racconta le vicende di circa settecento bambini sopravvissuti alla Shoah che, grazie all'aiuto di Moshe Zairi, sono rinati cittadini della nuova Israele. A parlarne con l’autore, Marco Cavallarin e Gad Lerner; modererà l’incontro Marco Vigevani.

1 febbraio, Casale Monferrato (AL): alle ore 10, presso l’Istituto “Leardi”, Adriana Ottolenghi Torre della comunità ebraica di Casale verrà intervistata da Giacomo Ferrari, presidente dell’Associazione Italia-Israele (Vercelli-Novara-Casale). Interverrà inoltre Giuseppe Tosi, consigliere dell’Associazione e studioso e documentarista indipendente che ha effettuato ricerche sul tema “Salvati, Salvatori e Giusti fra le Nazioni delle terre novaresi”.

2 febbraio, Cavriglia (AR): Al Teatro Comunale verrà proposto “Bartali: prima tappa”ore 21:30. Uno spettacolo aperto al pubblico del cartellone di “Fondazione Toscana Spettacolo”.

3 febbraio, Benevento: alle ore 10.00, presso l’Aula Magna del Liceo Scientifico “G. Rummo”, con la collaborazione della Lega Italiana dei Diritti dell’Uomo, verrà presentato il libro "Elio, l'ultimo dei Giusti" di Frediano Sessi. Oltre all'autore interverrà  l'avv. Luigi Diego Perifano, Presidente della Lidu.

4 febbraio, Milano: alle ore 18, il Memoriale della Shoah ospiterà il concerto Echi ebraici nella musica europeacon musiche di Musorgskij, Rimskij-Korsakov, Ravel, Rodrigo, Šostakovič. Interpreti del concerto il soprano Maria Klimenko, il mezzosoprano Vittoria Vimercati, il tenore Alessandro Tamiozzo e il pianista Sergio Lattes. È obbligatoria la prenotazione.

7 febbraio, Palazzolo sull'Oglio (BS): alle ore 11.00, presso la Casa della Musica, si terrà un incontro con Gabriele Nissim (qui il programma completo). 

9 febbraio, Parma: alle ore 17.30, presso l’Auditorium di Palazzo del Governatore, si terrà l'incontro "Gino Bartali: un Giusto sui pedali. Il campione che salvò gli ebrei" - progetto dell'Istituto Pietro Giordani di Parma "Liberi di Ricordare". All'iniziativa interverranno Gioia Bartali, la nipote di Gino Bartali, Ulianova Radice, direttrice di Gariwo, e Vittorio Adorni, campione del mondo di ciclismo. Modera Gabriele Balestrazzi.

10 febbraio, Parma: alle ore 9.00 al Teatro al Parco avrà luogo l'iniziativa Crimini di solidarietà, Il rischio di scegliere il bene - sempre del progetto dell’Istituto Pietro Giordani di Parma “Liberi di Ricordare”. Con la partecipazione della nipote del Giusto tra le Nazioni Gino Bartali, Gioia Bartali e della Direttrice di Gariwo Ulianova Radice. Durante l'incontro un gruppo di ragazzi dell'istituto presentano la figura di Luisa Minardi, crocerossina parmigiana. 

13 febbraio, Milano:“I Bambini di Teheran. Una video installazione della scrittrice, giornalista e storica Farian Sabahi - ospitata nell’Auditorium del Mudec, il Museo delle Culture di Milano - su una vicenda poco nota della Seconda guerra mondiale che lega, con un unico filo, Polonia, Iran e Israele. 

11 gennaio 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Multimedia

Le attività educative sui Giusti a Varsavia

organizzate dalla "Casa Incontri con la Storia"