English version | Cerca nel sito:

Muore lo storico Randolph Braham

il massimo esperto americano della storia d'Ungheria durante la Shoah

Randolph L. Braham nel suo studio

Randolph L. Braham nel suo studio Lajos Soos/EPA, via Shutterstock

Il New York Times ha annunciato in un articolo del 28 novembre 2018, la morte dello storico Randolph Braham. Lo studioso di origine ungherese, che era il massimo esperto americano di storia dell'Ungheria durante la Shoah, nel 2011 rifiutò dal suo Paese di nascita il conferimento dell'Ordine al Merito, per protesta contro quello che riteneva un tragico colpo di spugna ai danni della memoria delle vittime della furia nazista. Oltre a questo, Braham chiese che il proprio nome venisse rimosso dalla biblioteca e dal Centro Informazioni dell'Holocaust Memorial Center di Budapest, in ungherese Holokauszt Emlekkozpont, che, secondo lui, non svolgeva il suo compito di opporsi alla falsificazione della storia attuata dal governo ungherese. Braham ha svolto un ruolo di guida di fronte ai tentativi del governo nazionalista ungherese di mettere sullo stesso piano l'eliminazione di 600.000 ebrei ungheresi nei lager nazisti, soprattutto Auschwitz, e le sofferenze dei cittadini ungheresi sotto il nazismo. Ricordando che la maggior parte degli ungheresi non solo non si oppose all'invasione tedesca dell'Ungheria, ma la applaudì. Il suo lavoro è stato definito una "bussola morale per tutti gli storici".

Tra le sue opere si ricordano il monumentale libro The Politics of Genocide: The Holocaust in Hungary (1981) e il testo in tre volumi The Geographical Encyclopedia of the Holocaust in Hungary (2013), che hanno predisposto le basi di ciò che la Prof.ssa Maria M. Kovacs della Central European University - nell'accoglierlo a Budapest l'anno scorso - aveva descritto come uno "studio di incomparabile accuratezza, panoramico e al contempo capace di affrontare ogni microscopico dettaglio sulla Shoah ungherese”.

Lo studioso, con una brillante carriera ultratrentennale, testimone della Shoah - durante la quale molta parte della sua famiglia perse la vita e lui fu costretto a servire nel battaglione degli schiavi dell’esercito Ungherese in Ucraina, venendo poi catturato dai sovietici - riteneva suo dovere continuare a documentare il genocidio nazista e rifiutare di tacere di fronte a una possibile distorsione di ciò che accadde. 

18 dicembre 2018

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Il libro

Spie e zie

Siegmund Ginzberg

Multimedia

Intervista a Pietro Kuciukian

Nel centenario del genocidio armeno

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia