English version | Cerca nel sito:

Quattro giorni di visite al Monte Stella

per il progetto "Adotta un Giusto"

"Grazie per aver difeso tutte le persone che hanno dovuto subire i maltrattamenti di Hitler...grazie perché hai combattuto per la giustizia di tutti noi..."

"Grazie per aver donato un sorriso a tutti gli ebrei e ai deportati"

"Per Armin Wegner: grazie, ti stimo per tutto ciò che hai fatto. Sei molto coraggioso e meriti molto"

"Questa rosa è per ogni Giusto che ha combattuto contro ogni discriminazione"

Sono alcuni dei pensieri scritti dagli oltre 400 ragazzi delle scuole medie e superiori di Milano e dell'hinterland che hanno preso parte alle visite guidate al Giardino dei Giusti del Monte Stella, organizzate dalla Commissione didattica di Gariwo.

Durante gli incontri, ogni classe ha presentato una figura esemplare scelta tra quelle onorate al Giardino di Milano, dopo averne approfondito in aula la vicenda storica e umana, tramite scritti e documenti. Agli interventi degli studenti, che hanno deposto dei brevi pensieri accanto ai cippi dei Giusti accompagnati da un fiore o da un disegno, sono state alternate delle letture recitate dal regista Francesco Di Maggio dell’Associazione Ser-tea-zeit e da alcuni giovani attori.

L'iniziativa rientra nel progetto didattico di Gariwo “Adotta un Giusto” e rappresenta una tappa del percorso di approfondimento sulla “memoria del Bene” che culminerà nella cerimonia di dedica dei nuovi alberi il prossimo 6 marzo, Giornata europea dei Giusti

L’obiettivo è stimolare tra i più giovani la riflessione sulla responsabilità personale, anche attraverso l’esperienza “fisica” dell’incontro con gli alberi e i cippi dedicati ai Giusti nel Giardino, concepito come spazio di dialogo, incontro e partecipazione attiva. 

Tra i Giusti preferiti dagli studenti Armin Wegner, Sophie Scholl, Anna Politkovskaja, Yolande Mukagasana, Svetlana Broz, Moshe Besjki, Vaclav Havel, Primo Levi e Romeo Dallaire.

22 gennaio 2014

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Visite guidate al Giardino del Monte Stella

Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Multimedia

Piantare alberi, seminare il bene a Copertino

Giuseppe Cozzetto e il nuovo Giardino dei Giusti

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia