English version | Cerca nel sito:

Werner von der Schulenburg

Un uomo contro il nazismo

Gebhard Werner von der Schulenburg nasce a Pinneberg, nel nord della Germania, nel 1881. Discendente da una famiglia nobile, comincia presto la sua carriera militare ma nel 1902 deve lasciare l'esercito per infortunio e da allora decide di dedicarsi allo studio della giurisprudenza. Nel frattempo comincia anche una parallela vita artistica con la scrittura di diversi romanzi, commedie teatrali e raccolte di poesie. Diventa referendario ad Amburgo ma ben presto lascia il lavoro per dedicarsi alla storia dell'arte.

Allo scoppio della prima guerra mondiale si arruola volontario nell'esercito. Più tardi, ferito in un incidente d'auto, viene destinato all'ufficio stampa di guerra. 
Dopo la guerra si trasferisce in Svizzera, anche se mantiene costanti contatti con la Germania, e comincia a occuparsi dello scambio culturale italo-tedesco, anche scrivendo su alcune riviste del settore. Dal 1930 si esprime apertamente contro Hitler e per questo risulta scomodo inviso al regime. Nel 1936 diventa celebre come commediografo e la nuova notorietà gli dà il coraggio di affrontare con ancora più forza il regime, facendo appello al Ministero della propaganda per un intervento a favore di alcuni amici ebrei, atto che gli costa la censura delle sue opere teatrali. 

Nel 1939 si trasferisce a Roma, dove lavora per gli affari culturali dell'ambasciata tedesca; risulta però scomodo in quanto si rifiuta di accettare incarichi che non rispecchino le sue convinzioni civili. 
Durante la seconda guerra mondiale la Gestapo comincia a perseguitarlo. Schulenburg si rifugia allora a Venezia e poi in Baviera. Perde tutti i suoi beni e riesce infine a ottenere un permesso di soggiorno di un anno per cure mediche in Svizzera. 
Dopo la guerra si trasferisce a Magliasina, vicino a Lugano, dove muore a causa di un attacco cardiaco.

Di seguito proponiamo la traduzione di una poesia composta da Werner von der Schulenburg, tradotta da sua figlia Sibyl:

IN FUGA

Guarda, cara, guarda...
Con lame roventi il sole dardeggia
un misero campo di rovine,
l'imago del nostro destino: il crollo usuale
in terra straniera e ostile.

Solo i cipressi si ergono alti
svettanti nella convinzione
di essere alfine vincitori su ogni malevolo strepitare delle cicale.
Annunciano il sorgere del futuro.

Lo senti, cara, il mare...
Vorrebbe consolarci
e col suo chiacchiericcio
virare in gioia lo strazio dell'addio;
invitante, da costa a costa,
se entrambi avremo il coraggio

di viaggiare in Yahweh fuori dal tempo
anche attraverso questo secolo.
Niente paura, niente vendetta, solo sale
della terra, devoti nella fede
che sarà di nuovo patria.

2 febbraio 2016

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Memoria

ricordare il passato per costruire il futuro

Il Comitato internazionale I Giusti per gli armeni. La Memoria è il futuro fondato da Piero Kuciukian per commemorare chi si è impegnato contro il genocidio del 1915, focalizza sin dal titolo la funzione del ricordo, che non è un nostalgico voltarsi indietro nella Storia, ma un ben più corposo dare un senso al passato per costruire un futuro che non ne ripeta gli errori. 
La memoria ha tanti risolti e presenta esiti contrastanti, in positivo o in negativo a seconda di come viene trattata. Riflettere sugli avvenimenti che ci hanno preceduto per capire il presente significa ricercare le coordinate che ci permettano di interpretare le nuove situazioni con la consapevolezza dei pericoli o delle opportunità che certi meccanismi culturali, sociali e individuali innescano. L'esperienza dei genocidi del Novecento, il fenomeno dei totalitarismi, sfociati in una devastante guerra mondiale, gli equilibri della guerra fredda, ci forniscono indizi molto precisi sulle pretese di egemonia geopolitica e sulle derive umanitarie da evitare; mentre l'esempio dei Giusti, il loro variegato impegno a favore dei perseguitati, la richiesta di libertà, l'autonomia di pensiero e l'istanza di difesa della dignità umana, sono altrettanti referenti da assumere per evitare le trappole dell'arroganza, della negazione della verità, del rifiuto della diversità, della chiusura all'altro, della decisione unilaterale.

leggi tutto

Il libro

Il segreto

Antonio Ferrari

Multimedia

Un progetto formativo a Taranto

Anna Maria La Neve racconta il percorso della città

La storia

Willy Brandt

il Cancelliere tedesco che si inginocchiò al Memoriale della Shoah di Varsavia