Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

"Quando i libri andarono in guerra"

come l'America armò i suoi soldati... di cultura, contro Hitler

Leggere un buon libro, mentre infuria la battaglia. Non è un lusso da generali d'altri tempi, e non avveniva esattamente in questo modo. Fatto sta che l'esercito americano, durante la Seconda guerra mondiale, rifornì i soldati che combattevano il nazismo anche di libri. Perché lo scontro non era solamente militare, ma anche culturale e ideologico, contro un nemico dalla propaganda insistente e pervasiva. 

Questo è quanto racconta il libro When Books Went To War, che come da sottotitolo ambisce a raccontare "le storie che ci aiutarono a vincere la Seconda guerra mondiale", di Molly Guptill Manning, procuratore a New York.

Le edizioni dell'esercito USA e numerosi editori privati capirono che ci voleva un grande sforzo anche intellettuale per vincere contro le sirene della purezza razziale e della società "perfetta". Così fecero stampare in primis 20 milioni di libri a copertina rigida, e partirono donazioni con cui le famiglie diedero ai soldati altri milioni di testi vecchi e nuovi da leggere al fronte o nei campi di addestramento in America. Questo mentre i nazisti arrivavano a bruciare ben 100 milioni di libri. 

Gli ostacoli anche mentali e psicologici non furono indifferenti ed era inoltre difficile individuare i libri adatti allo scopo. 

Partirono per il fronte copie di manuali di come lavorare a maglia, libri di teologia, manuali per imprenditori o viaggiatori. Nel 1943 arrivò la svolta: i soldati furono riforniti di ben 120 milioni di libri tascabili, in un'operazione che creò icone letterarie (Un albero cresce a Brooklyn, di Betty Smith) e salvò alcuni testi dall'irrilevanza, come per esempio Il Grande Gatsby,  che in quel momento non stava avendo grande successo. 

1 marzo 2019

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Educazione

la didattica di Wefor al servizio della memoria

Diffondere la conoscenza dei Giusti tra i giovani è tra i principali obiettivi di Gariwo. Il veicolo più efficace è il rapporto con la scuola, attraverso gli insegnanti impegnati a confrontarsi con i problemi contemporanei nella formazione della coscienza civile e morale delle nuove generazioni... La memoria, individuale e collettiva, è un tassello fondamentale nella formazione dei giovani e un potente strumento nelle mani degli educatori: per questo parliamo di memoria educativa nella costruzione dell’identità...
Gariwo ha sviluppato con gli educatori, docenti, accademici, intellettuali e associazioni, sia in Italia che all’estero, uno scambio di esperienze, di informazioni e di elaborazioni, da rendere disponibili a tutti gli operatori della formazione, sotto forma di progetti didattici, riflessioni, relazioni, riferimenti teorici, indicazioni bibliografiche e notizie dal mondo dell’istruzione...
Per indicare i Giusti come punti di riferimento della coscienza europea, con il progetto Wefor abbiamo creato la didattica deGiardini virtuali d’Europa, dove idealmente sono piantati gli alberi per i Giusti dei diversi Paesi; una sezione è interamente dedicata alle scuole, dal titolo significativo YouFor, in cui sono raccolti i materiali per gli insegnanti, i contributi delle classi, gli elaborati e le ricerche degli studenti, oltre a un vasta raccolta di supporti di approfondimento. 

leggi tutto

Multimedia

Rifugiati e migranti economici

le parole di Janiki Cingoli