English version | Cerca nel sito:

Rassegna stampa | Un'arbitro donna per Italia-Turchia

La proposta di Gariwo all'Uefa dal punto di vista dei giornali

Alla proposta pubblica di Gariwo rivolta all’Uefa, affinché la partita inaugurale degli Europei di calcio sia arbitrata da un’arbitro donna è seguito un ampio dibattito sui social, che ha visto esponenti della politica, dello sport e della cultura chiedere a gran voce alle istituzioni calcistiche di prendere posizione.

Anche i media nazionali hanno dato rilevanza alla campagna, strettamente legata alla denuncia della negazione dei diritti umani in Turchia. Ne hanno parlato Repubblica con un articolo della redazione sportiva, il Corriere della Sera (attraverso un video editoriale di Antonio Ferrari), il Quotidiano Nazionale (con un articolo a firma di Elena Comelli del 27 aprile, online e nei cartacei del gruppo, che interseca la questione calcistica con la querelle sull'accoglienza dedicata a Ursula von der Leyen in occasione dell'incontro con Erdogan) e Vanity Fair, che sulla questione ha intervistato il designatore arbitrale, nonché ex arbitro, Nicola Rizzoli.

Il progetto di approfondimento calcistico "The sport light" ha dato ampia copertura all'iniziativa attraverso una lunga intervista video a Joshua Evangelista dell'ufficio stampa di Gariwo. Hanno parlato della proposta anche Riforma, Ultima Voce, Cronache Lucane, la Bottega del Barbieri e l’agenzia Angeli Press.

25 maggio 2021

Non perderti le storie dei Giusti e della memoria del Bene

Una volta al mese riceverai una selezione a cura della redazione di Gariwo degli articoli ed iniziative più interessanti. Per iscriverti compila i campi sottostanti e clicca su iscrizione.




Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano le norme sulla privacy e i termini di servizio di Google.

Educazione

la didattica di Wefor al servizio della memoria

Diffondere la conoscenza dei Giusti tra i giovani è tra i principali obiettivi di Gariwo. Il veicolo più efficace è il rapporto con la scuola, attraverso gli insegnanti impegnati a confrontarsi con i problemi contemporanei nella formazione della coscienza civile e morale delle nuove generazioni... La memoria, individuale e collettiva, è un tassello fondamentale nella formazione dei giovani e un potente strumento nelle mani degli educatori: per questo parliamo di memoria educativa nella costruzione dell’identità...
Gariwo ha sviluppato con gli educatori, docenti, accademici, intellettuali e associazioni, sia in Italia che all’estero, uno scambio di esperienze, di informazioni e di elaborazioni, da rendere disponibili a tutti gli operatori della formazione, sotto forma di progetti didattici, riflessioni, relazioni, riferimenti teorici, indicazioni bibliografiche e notizie dal mondo dell’istruzione...
Per indicare i Giusti come punti di riferimento della coscienza europea, con il progetto Wefor abbiamo creato la didattica deGiardini virtuali d’Europa, dove idealmente sono piantati gli alberi per i Giusti dei diversi Paesi; una sezione è interamente dedicata alle scuole, dal titolo significativo YouFor, in cui sono raccolti i materiali per gli insegnanti, i contributi delle classi, gli elaborati e le ricerche degli studenti, oltre a un vasta raccolta di supporti di approfondimento. 

leggi tutto