Gariwo: la foresta dei Giusti GariwoNetwork

English version | Cerca nel sito:

Flash News

Due studenti uccisi in Nicaragua

nell'attacco delle forze paramilitari contro l'università

18 luglio 2018

Managua

Gli universitari protestavano contro le violazioni dei diritti umani sotto il governo di Ortega. Attacco prima nell'ateneo della capitale, poi in diverse chiese, con uccisione di due studenti e un agguato armato a un vescovo cattolico, mons. Abelardo Mata, rimasto illeso.

Turchia: fine dello stato d'emergenza

e nuove leggi antiterrorismo

18 luglio 2018

Ankara

proposte dal partito di governo AKP e considerate dall'opposizione altrettanto oppressive quanto le misure adottate dopo il fallito colpo di stato del 15 luglio 2016, che hanno portato al licenziamento di 130.000 persone (funzionari pubblici, docenti, magistrati) accusati di legami con il terrorismo, e alla chiusura di 200 società di media e 1.500 organizzazioni non governative.

Varata la nuova Costituzione cubana

proprietà privata, diritti LGBT e presunzione d'innocenza tra le novità

24 luglio 2018

L'Avana

Riformata la Carta che vigeva dal 1976 sull'isola. Ora le coppie gay non si trovano più davanti a ostacoli di ordine costituzionale, la proprietà e l'iniziativa private sono sancite, e compaiono anche diritti da noi dati per scontati, come la presunzione di innocenza nei processi penali. La nuova Costituzione sarà sottoposta a referendum popolare a ferragosto.

Un frutteto di pace tra Armenia e Azerbaijan

nel cuore della riserva d'acqua dello Joghaz

dal 2016

villaggio di Berkaber, regione del Tavush (Armenia)

Due anni fa, sognando la pace, Ara Khudaverdyan ha rimesso in produzione il frutteto di cachi dei genitori con l'aiuto di un donatore privato: lo ha chiamato “Giardino della pace”. Sorge nel villaggio di Berkaber, che è stato uno dei luoghi più caldi del conflitto tra Armenia e Azerbaijan. In questi anni i Khudaverdyans hanno già perso due autovetture, danneggiate da spari arrivati dal versante azero, questo però non li ha fermati e intendono espandere la propria attività. 

Segnaliamo la storia raccontata su Osservatorio balcani e caucaso. 

Don Pietro Pappagallo riconosciuto Giusto tra le Nazioni

si prodigò per nascondere e salvare gli ebrei

16 luglio 2018

Yad Vashem, Israele

durante l'occupazione tedesca collaborò con la lotta clandestina e aiutò ebrei, soldati sbandati, antifascisti e alleati in fuga. Tradito, fu consegnato ai tedeschi e giustiziato. Il suo nome compare sul muro perimetrale dello Yad Vashem, luogo del Ricordo a Gerusalemme, dove sono onorati 400 italiani. Nel 2012 a Roma è stata collocata una pietra d'inciampo dedicata a Don Pappagallo.

Un Comitato per la protezione dei diritti umani

lo stabilisce il Senato

16 luglio 2018

Senato della Repubblica

Con 260 voti a favore, 0 contro e 16 astenuti è stato creato una Comitato che, con 25 membri, avrà il compito di proteggere i diritti umani. L'idea, che nasce dall'esigenza di contrastare l'attuale rinascita dei razzismi, è stata suggerita dalla Senatrice Liliana Segre

"È necessario mettersi subito al lavoro, perché il rischio che l'umanità ricada nei momenti bui, come direbbe Hannah Arendt, è sempre dietro l'angolo", ha detto Liliana Segre in un messaggio inviato ai suoi colleghi senatori. "Questo strumento ci ricorda come il decennio più lungo del ventesimo secolo che ha traghettato il nostro Paese attraverso la tempesta dell'inconcepibile fino all'età dei diritti, non è ancora finito".

Il dolore, la forza e il perdono: le basi del Memoriale di Charleston

al via i lavori per il monumento che ricorderà la strage

16 luglio 2018

USA

Un Memoriale composto da uno spazio meditativo e un'area giardino sorgerà presso la Emanuel Church, che il 17 giugno 2015 fu attaccata dal suprematista bianco 21 enne Dylann S. Roof. Sull'opera in marmo nella cui progettazione è stato coinvolto anche lo studio che ha curato il Memoriale di Ground Zero di Manhattan, saranno inscritti i nomi delle vittime dell'aggressione razzista: Rev. Sharonda Coleman-Singleton, Rev. DePayne Middleton Doctor, Cynthia Hurd, Ethel Lee Lance, Susie Jackson, Rev. Clementa Pinckney, Tywanza Sanders, the Rev. Daniel Simmons e Myra Thompson.