La messa al bando dell'HDP, grave errore politico

La messa al bando dell'HDP, grave errore politico

il Parlamento europeo condanna la repressione in Turchia

Nella Risoluzione approvata l'8 luglio 2021 il Parlamento europeo ha espresso "profonda preoccupazione" per gli attacchi contro l'opposizione in Turchia, in particolare contro il partito filo-curdo HDP (che rischia lo scioglimento dopo la recente sentenza della Corte costituzionale turca), e ha chiesto alle autorità di garantire il pluralismo e il rispetto delle libertà di associazione e di espressione.

In Afghanistan rischiamo un nuovo genocidio

In Afghanistan rischiamo un nuovo genocidio

Il giornalista Basir Ahang racconta cosa succede alle minoranze dopo l’addio degli USA

Mentre le forze statunitensi completano il ritiro dall’Afghanistan, nelle ultime settimane i talebani hanno conquistato decine di distretti in tutto il Paese. "Hanno massacrato i bambini, anche quando erano nelle pance della madri negli ospedali pediatrici", spiega il giornalista Basir Ahang. "Dobbiamo dirlo con forza: sono un gruppo terroristico e una minaccia per tutta l’umanità. Quando i talebani prenderanno il potere potrebbe verificarsi un nuovo genocidio..."

Una finestra sull’Iran con Tiziana Ciavardini

Una finestra sull’Iran con Tiziana Ciavardini

alcune domande aperte dopo le elezioni

Tiziana Ciavardini è un'antropologa culturale e giornalista Italiana esperta di Iran, dove ha vissuto per 13 anni e di cui ha intervistato le massime autorità. Abbiamo parlato con lei di alcune questioni aperte dopo l'elezione di Ebrahim Raisi a presidente del Paese e della condizione di mancanza di diritti e libertà degli iraniani, con particolare attenzione ai giovani.

Il curdo proibito in Turchia fino al 1991, autorizzato a scuola dal 2013

Il curdo proibito in Turchia fino al 1991, autorizzato a scuola dal 2013

con le riforme per la democratizzazione

L'utilizzo del curdo è rimasto illegale fino al 1991, poi ammesso solo in ambito privato e tollerato in alcune limitate occasioni pubbliche.Nel 2013, con il processo di democratizzazione, la Turchia ha revocato la messa al bando delle tre lettere dell’alfabeto connesse a suoni del curdo e ha autorizzato l’insegnamento di questa lingua nelle scuole private.

Fosse comuni di bambini: dal Canada al Libano

Fosse comuni di bambini: dal Canada al Libano

di Pietro Kuciukian

"Fare i conti con il passato e documentare la verità degli eventi storici è il primo passo per elevare, con la prevenzione, una barriera contro il male." Il Console onorario d'Armenia in Italia e co-fondatore di Gariwo Pietro Kuciukian parla della turchizzazione forzata di migliaia di bambini armeni e del legame tra ciò che accadde loro e quello che subirono i bambini indigeni nelle scuole residenziali canadesi.

Cosa fare per evitare nuovi casi come quello di Saman Abbas?

Cosa fare per evitare nuovi casi come quello di Saman Abbas?

La sfida di capire e cambiare il contesto di privazione e patriarcato in cui si è consumata la tragedia

Cosa succede quando muore una donna? Secondo l'accademico Pervez Hoodbhoy, per capire la condizione di una donna in Pakistan nel corso della sua vita si potrebbe partire proprio dalla fine. “Per vedere dove stanno le donne nell'ordine gerarchico del Paese, suggerisco al lettore di visitare un qualsiasi cimitero. Passerà davanti a centinaia, forse migliaia, di storie. In questi ambienti oscuri, ogni lapide segna l'ultima dimora di qualche individuo”. Come sono quelle delle donne? “Alcune lapidi portano i loro nomi, ma molte no. Non spetta a loro decidere se la fine del proprio viaggio debba essere segnata o rimanere non segnata. Anche questo dipende da un uomo, o forse da uomini. Anche se nominata, è invariabilmente identificata come la moglie di qualcuno o come la figlia di suo padre”.

È un curdo iraniano l'eroe dell'attentato a Würzburg

È un curdo iraniano l'eroe dell'attentato a Würzburg

di Simone Zoppellaro

Armato del suo zainetto, Rabiei si è avvicinato e ha fronteggiato con un coraggio straordinario un assassino che gli brandiva contro il suo coltello. Seguendo il suo esempio, molte persone hanno iniziato ad accerchiare l’assalitore, fino a guidare, sempre con Rabiei in testa, la polizia a fermarlo. Commentando il suo atto – che gli è valso una menzione personale dal primo ministro bavarese Markus Söder – ha raccontato di come per lui, curdo d’Iran, sia normale spendersi per gli altri in situazioni di necessità o pericolo.

Sadia Hussein

Sadia Hussein

Sopravvissuta alla mutilazione genitale, sta costruendo un movimento dal basso per salvare le ragazze keniane

La keniana ha subito la mutilazione genitale femminile a 10 anni. A 21 anni ha partorito dolorosamente e ha deciso che sua figlia non avrebbe mai dovuto affrontare lo stesso inferno. La piccola è stata la prima di molte ragazze che ha salvato da questa pratica. Oggi Sadia Hussein, 34 anni, è una delle più importanti attiviste keniane per l'eradicazione delle MGF (mutilazioni genitali femminili). Sta costruendo un movimento di massa e intraprendendo il difficile compito di sradicare una pratica sociale collettiva e profondamente radicata.

Nord Siria, possibili abusi da parte di gruppi armati affiliati alla Turchia

Nord Siria, possibili abusi da parte di gruppi armati affiliati alla Turchia

lo denuncia l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani

Nel settembre 2020 Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, ha esortato la Turchia a svolgere un'indagine imparziale, trasparente e indipendente per individuare i responsabili di possibili crimini ai sensi del diritto internazionale, inclusi crimini di guerra, nel nord della Siria sotto il controllo delle forze turche e dei gruppi armati a esse affiliati.

Le offensive turche nel Rojava dal 2016 al 2019

Le offensive turche nel Rojava dal 2016 al 2019

abbandonati dagli Stati Uniti, i curdi perdono parte del territorio

Il successo dei curdi siriani nella guerra contro l'ISIS ha allarmato la Turchia, che li considera alleati del PKK turco e ha inviato il proprio esercito nel nord della Siria nel 2016, 2018 e 2019 interrompendo la continuità territoriale del Rojava. Il disimpegno degli Stati Uniti e l’accordo di Sochi tra Turchia e Russia, nel 2019, ha ratificato la presenza turca nel nord-est della Siria a scapito dei curdi.

L’Anfal, lo sterminio dei curdi dell’Iraq

L’Anfal, lo sterminio dei curdi dell’Iraq

l'attacco chimico di Halabja

Riconosciuto come genocidio dai parlamenti di Svezia, Norvegia, Regno Unito e Corea del Sud, l’Anfal – così chiamato dai suoi perpetratori richiamandosi a una sura coranica – rappresenta una pagina di violenza indelebile della storia curda. Nella città del Kurdistan iracheno furono usate armi chimiche contro la popolazione civile provocando la morte di migliaia di persone.

Avvisaglie di genocidio nel Tigrè, in Etiopia

Avvisaglie di genocidio nel Tigrè, in Etiopia

Un conflitto lungo decenni si è trasformato in una guerra civile che ha trascinato il Tigrè in una carestia

Tra novembre e dicembre 2020, c’è stata una guerra civile nel Tigrè, una regione nel nord dell'Etiopia, che ha coinvolto l'esercito etiope, sostenuto dalle truppe eritree, e il Fronte di Liberazione del Popolo del Tigrè (TPLF). La guerra è ufficialmente finita a dicembre ma il conflitto ha continuato a intensificarsi e a devastare la regione del Tigrè, con milioni di persone sfollate e ridotte alla fame di massa. Le truppe etiopi ed eritree sono state accusate di pulizia etnica, massacri e crimini di guerra. Alcuni pensano che nel Tigrè sia in corso un genocidio.

carica altri contenuti